Menu

Modello a 3 e 5 fattori di Fama-French

Modello a 3 e 5 fattori di Fama-French

Il modello a tre fattori di Fama-French è un modello statistico formulato nel 1992 da Eugene Fama e Kenneth French, all'epoca entrambi colleghi della Booth School of Business dell'Università di Chicago.

Eugene Fama, vincitore del Premio Nobel per l'Economia 2013, ha ideato questo modello per aiutare a prevedere e comprendere i rendimenti del mercato azionario.

I tre fattori di questo modello sono:

  • (1) l'eccesso di rendimento del mercato
  • (2) la sovraperformance delle piccole imprese rispetto alle grandi imprese e
  • (3) la sovraperformance delle società a grande capitalizzazione rispetto alle società a piccola capitalizzazione.

Il modello a 5 fattori comprende:

  • (4) RMW (Robust Minus Weak), che misura la differenza di performance tra le società con elevata redditività operativa e quelle con bassa redditività operativa, e
  • (5) CMA (Conservative Minus Aggressive), che confronta i rendimenti delle società che investono in modo conservativo con quelle che investono in modo aggressivo.

Risultati principali - Modello a 3 e 5 fattori di Fama-French

  • Il modello a tre fattori di Fama-French, formulato da Eugene Fama e Kenneth French, aiuta a prevedere e comprendere i rendimenti dei mercati azionari tenendo conto dell'eccesso di rendimento del mercato, della sovraperformance dei titoli a piccola capitalizzazione e della sovraperformance dei titoli con un elevato rapporto book-to-market.
  • Gli ultimi due fattori del modello sono oggetto di un continuo dibattito, soprattutto a causa della loro variabilità e del loro potenziale impatto sugli utili complessivi.
  • Alcuni sostengono che il premio per le small cap e il premio value potrebbero non essere coerenti in tutte le condizioni di mercato.
  • Il modello a cinque fattori di Fama-Francesco amplia il modello a tre fattori aggiungendo fattori di redditività e di investimento.
  • Sebbene il modello a cinque fattori migliori il potere esplicativo dei rendimenti azionari, sono stati sollevati dubbi sulla misurazione della redditività e sulla sua applicabilità a mercati diversi da quello statunitense. Anche l'inclusione di un fattore di momentum è stata oggetto di dibattito.

I fattori del modello Fama-French

Il primo fattore, l'eccesso di rendimento del mercato, racchiude l'idea che un investimento nel mercato azionario nel suo complesso dovrebbe rendere di più di un investimento in uno strumento privo di rischio come un titolo di Stato.

Il secondo fattore riconosce che le società più piccole tendono a sovraperformare quelle più grandi.

Questo fattore riflette il rischio insito nell'investimento in queste società più piccole, che sono più volatili e potrebbero non avere una storia finanziaria stabile come le società più grandi e consolidate.

Il terzo fattore riguarda il rapporto tra il valore contabile di una società e il suo valore di mercato.

Il modello postula che le società con un elevato rapporto book-to-market tendono a sovraperformare quelle con un rapporto basso, anche quando si tiene conto di altri rischi.

Critiche e dibattiti

Questi ultimi due fattori sono tuttavia oggetto di dibattito.

Alcuni ricercatori sostengono che il premio per le small-cap potrebbe non essere così consistente come suggerisce il modello e che il premio per il valore potrebbe non applicarsi a tutte le condizioni di mercato.

Nonostante queste critiche, il modello a tre fattori di Fama-French è rimasto un importante sviluppo nel campo della finanza, aiutando i trader/investitori a comprendere e prevedere meglio i rendimenti azionari.

Evoluzione verso il modello a 5 fattori di Fama-Francesco

Aggiunta di nuovi fattori

Nel 2014, Fama e French hanno ampliato il loro modello aggiungendo due ulteriori fattori: redditività e investimento.

Il fattore redditività, noto come RMW (Robust Minus Weak), misura la differenza di performance tra le società con un'elevata redditività operativa e quelle con una bassa redditività operativa.

Il fattore di investimento, o CMA (Conservative Minus Aggressive), confronta i rendimenti delle aziende che investono in modo conservativo con quelle che investono in modo aggressivo.

Impatto sui fattori precedenti

Negli Stati Uniti, dal 1963 al 2013, l'aggiunta di questi due fattori ha reso superfluo il fattore "alto meno basso" (HML).

Le serie temporali dei rendimenti HML sono state completamente spiegate dagli altri quattro fattori, in particolare dal CMA, che aveva una correlazione di 0,7 con HML.

Rispondere alle preoccupazioni

I rendimenti di questi portafogli covariano positivamente con SMB (Small Minus Big) e negativamente con RMW (Robust Minus Weak) e CMA (Conservative Minus Aggressive), determinando un significativo alfa negativo a cinque fattori.

Tuttavia, nonostante queste preoccupazioni, il modello a cinque fattori ha dimostrato di migliorare il potere esplicativo dei rendimenti azionari rispetto al modello a tre fattori.

Critiche e considerazioni

Il fattore momentum

Sebbene il fattore momentum non fosse inizialmente incluso nel modello, alcuni esperti, come Cliff Asness, ex studente di dottorato di Eugene Fama e cofondatore di AQR Capital, hanno sostenuto la necessità di inserirlo nel mondo finanziario.

Secondo Asness, la dinamica di un titolo - la velocità con cui si muove il prezzo - può avere un effetto significativo sulla sua performance e dovrebbe quindi essere presa in considerazione in qualsiasi modello completo di asset pricing.

Domande sulla misurazione della redditività

Ci sono state anche alcune critiche al modo in cui Fama e French misurano la redditività.

Ad esempio, Foye (2018) ha testato il modello a cinque fattori nel Regno Unito e ha sollevato dubbi.

Foye mette in discussione il modo in cui Fama e French misurano la redditività e sottolinea che il modello a cinque fattori non riesce a offrire un modello di asset pricing convincente per il Regno Unito.

Altre preoccupazioni e dibattito in corso

Oltre alla mancanza di dinamismo, il modello a cinque fattori ha sollevato altre preoccupazioni e il dibattito sul miglior modello di asset pricing non è ancora stato risolto.

A prescindere da questi dibattiti, i modelli di Fama-Francesco rimangono ben noti e ampiamente utilizzati nel settore finanziario, alla base di molte strategie d'investimento e come strumento per comprendere le numerose sfaccettature della dinamica dei prezzi degli asset.

Eugene Fama Perché le small cap e le azioni value sovraperformano

Confronto di agenti di borsa

Brokers
Commissioni di intermediazione Azioni Commissione di gestione esterna: 1€ per transazione
Commissione di intermediazione: 1€ per transazione
Tassa di cambio: 0,25%.
Nessuna commissione per un volume massimo mensile di 100.000 euro e poi 0,20%.
Conto demo No
La nostra opinione Le commissioni di intermediazione più basse sul mercato in oltre 50 borse valori. Trading senza commissioni, ma con una scelta di titoli limitata a 3.289 azioni e 358 ETF.
  DEGIRO XTB
L'investimento comporta un rischio di perdita

Domande frequenti

Che cos'è il modello a tre fattori di Fama-French?

Il modello a tre fattori di Fama-French è un modello statistico introdotto da Eugene Fama e Kenneth French nel 1992.

Mira a spiegare i rendimenti delle azioni di una società in funzione di tre fattori:

  1. Eccesso di rendimento del mercato
  2. sovraperformance dei titoli a piccola capitalizzazione rispetto a quelli a grande capitalizzazione
  3. sovraperformance dei titoli con un elevato rapporto book-to-market rispetto a quelli con un basso rapporto book-to-market.

Questo modello si basa sul Capital Asset Pricing Model (CAPM), al quale aggiunge due fattori aggiuntivi per spiegare meglio le variazioni dei rendimenti del mercato azionario.

Che cos'è il modello a cinque fattori di Fama French?

Il modello a cinque fattori di Fama French è un'estensione del modello a tre fattori introdotto nel 2014.

Questo modello aggiunge due fattori supplementari:

  1. La redditività, misurata come differenza tra i rendimenti delle società con alta e bassa redditività operativa.
  2. Investimento, misurato come differenza tra i rendimenti delle società che investono in modo aggressivo e quelle che investono in modo conservativo.

Questi fattori aggiuntivi consentono di affinare la capacità predittiva del modello, ma il loro significato e la loro interpretazione sono oggetto di un continuo dibattito accademico.

Qual è l'importanza dei modelli di Fama French nella gestione del portafoglio?

I modelli di Fama French a tre e cinque fattori sono importanti per la gestione del portafoglio e la valutazione degli asset.

Essi forniscono un metodo empirico per prevedere e analizzare i rendimenti azionari sulla base di fattori diversi dai soli rendimenti di mercato.

Questi modelli aiutano i gestori di portafoglio a identificare i fattori di rischio che incidono sui titoli in portafoglio e a regolare le loro strategie di conseguenza.

In cosa differiscono i modelli di Fama e French dal Capital Asset Pricing Model (CAPM)?

Il Capital Asset Pricing Model (CAPM) calcola il rendimento atteso di un investimento tenendo conto del suo rischio sistematico, rappresentato dal coefficiente beta.

Il modello afferma che il rendimento atteso di un titolo è pari al tasso privo di rischio più il beta moltiplicato per l'eccesso di rendimento del mercato.

I modelli di Fama e French estendono il CAPM includendo fattori aggiuntivi come le dimensioni, il valore, la redditività e l'investimento nella spiegazione dei rendimenti azionari.

Questi modelli sono quindi potenzialmente più accurati e informativi del CAPM.

Perché c'è un dibattito sugli ultimi due fattori del modello a cinque fattori di Fama French?

I fattori di redditività e di investimento del modello a cinque fattori sono oggetto di dibattito accademico, in quanto questi due fattori sono in grado di spiegare pienamente i rendimenti high minus low (HML), rendendo superfluo il fattore HML.

Alcuni mettono in dubbio anche la corretta misurazione della redditività e l'applicabilità complessiva del modello a mercati diversi da quello statunitense.

Quali sono i problemi del modello a cinque fattori di Fama French?

Sebbene il modello a cinque fattori migliori il potere esplicativo dei rendimenti azionari rispetto al modello a tre fattori, non riesce a spiegare completamente tutti i portafogli.

Ad esempio, i portafogli composti da piccole società che investono pesantemente nonostante la bassa redditività ottengono scarsi risultati con questo modello.

Inoltre, sono stati sollevati dubbi sulla misurazione della redditività del modello e sulla sua capacità di fornire un modello convincente di asset pricing per mercati come quello britannico.

Quali sono gli argomenti a favore dell'inclusione di un fattore momentum nel modello di Fama-French?

Sebbene Fama e French non abbiano incluso un fattore di momentum nel loro modello, Cliff Asness, ex dottorando di Eugene Fama, ne ha sostenuto l'inclusione.

A suo avviso, il momentum, ossia la tendenza dei prezzi dei titoli a salire nel breve termine, è un fattore importante che influenza i rendimenti azionari e dovrebbe quindi essere preso in considerazione nel modello.

Tuttavia, questa proposta è ancora oggetto di dibattito all'interno della comunità accademica.

Quali sono i limiti dei modelli Fama-French a 3 e 5 fattori?

I principali limiti dei modelli di Fama-French a 3 e 5 fattori sono i seguenti:

Sono modelli retrospettivi basati su dati storici. I rendimenti futuri potrebbero non essere coerenti con le relazioni storiche individuate.

  • I modelli presuppongono una relazione lineare tra fattori e rendimenti. Questa ipotesi non è sempre verificata.
  • I modelli sono stati sviluppati specificamente per i mercati azionari statunitensi. La loro applicazione a livello internazionale o ad altre classi di attività è discutibile.
  • I fattori si basano su caratteristiche ordinate delle società, come le dimensioni e il valore di mercato. I fattori sottostanti non sono ben compresi.
  • I modelli non spiegano completamente i rendimenti. Un'ampia percentuale di rendimenti non è spiegata.
  • L'aggiunta di fattori non porta necessariamente a un modello migliore. Il modello a 5 fattori ha un potere esplicativo marginale rispetto al modello a 3 fattori.
  • I modelli non dicono nulla sul valore fondamentale o intrinseco dei titoli. Si tratta di modelli statistici che catturano i modelli di rendimento storici.
  • I fattori hanno mostrato instabilità nel tempo. I rendimenti e i premi per il rischio dei fattori non sono costanti e possono scomparire per lunghi periodi.

Pertanto, pur essendo utili, i modelli di Fama-Francesco hanno dei limiti in quanto modelli statistici che non possono prevedere in modo affidabile i rendimenti futuri o fornire informazioni approfondite sul processo di generazione dei rendimenti.

Gli investitori/trader dovrebbero essere cauti nell'affidarsi troppo a questo tipo di modelli quando prendono decisioni di trading/investimento.