Menu

Modello a 4 fattori di Carhart

Modello a 4 fattori di Carhart

Il modello a quattro fattori di Carhart è un approccio alla gestione del portafoglio che aggiunge una dimensione supplementare al modello a tre fattori di Fama-French, ampiamente riconosciuto.

Proposto per la prima volta da Mark Carhart, questo modello avanzato incorpora un fattore di momentum nella valutazione azionaria tradizionale.

Questo approccio amplia i parametri analitici, fornendo una comprensione più completa e dettagliata delle dinamiche di mercato.

Risultati principali - Modello a quattro fattori di Carhart

  • Il modello a quattro fattori di Carhart aggiunge un fattore momentum al modello a tre fattori di Fama-French, migliorando la gestione del portafoglio grazie a una comprensione più completa delle dinamiche di mercato.
  • Il modello a tre fattori di Fama-French spiega i rendimenti del mercato azionario come una funzione del rischio, del valore e delle dimensioni dell'azienda, mentre il modello di Carhart estende questo approccio includendo il momentum come fattore.
  • Il settore finanziario ha visto un'evoluzione oltre il modello di Carhart, con l'introduzione di fattori aggiuntivi in modelli multifattoriali come il modello a cinque fattori di Fama-French, il modello a quattro fattori di Q e il modello a quattro fattori di Stambaugh-Yuan. Questi modelli mirano a migliorare l'accuratezza della previsione dei rendimenti del mercato azionario e a comprendere il comportamento del mercato.

Il modello a tre fattori di Fama-French

Per comprendere il modello a quattro fattori di Carhart, dobbiamo prima comprendere il modello a tre fattori di Fama-French.

Sviluppato negli anni '90, il modello di Fama-French sosteneva che la maggior parte dei rendimenti dei mercati azionari potesse essere spiegata da tre fattori:

  • rischio
  • valore e
  • dimensioni dell'azienda

Il rischio, rappresentato dal premio per il rischio di mercato, riflette la differenza tra il rendimento atteso del portafoglio di mercato e il tasso privo di rischio.

Questo parametro è stato la pietra miliare dei modelli di valutazione degli asset fin dall'avvento del Capital Asset Pricing Model (CAPM).

I titoli value, generalmente quelli con un elevato rapporto book-to-market, hanno storicamente sovraperformato i loro omologhi.

Numerosi studi lo hanno dimostrato, in particolare quello di Fama e French del 1992, che hanno analizzato i rendimenti dei mercati azionari dal 1963 al 1990 e hanno rilevato che i titoli con un elevato rapporto book-to-market hanno ottenuto rendimenti medi significativamente più elevati rispetto ai titoli con un basso rapporto book-to-market.

È stato dimostrato che anche le dimensioni dell'azienda giocano un ruolo nel determinare i rendimenti del mercato azionario.

I titoli a piccola capitalizzazione, ovvero quelli con una capitalizzazione di mercato inferiore, hanno ottenuto risultati migliori rispetto ai titoli a grande capitalizzazione.

Nello stesso studio di Fama e French, tra il 1963 e il 1990 le piccole società hanno registrato un rendimento medio del 17,5% rispetto al 12,5% delle grandi società.

Il modello a quattro fattori di Carhart

Nel 1997 Mark Carhart ha introdotto il quarto fattore, il momentum, in questo modello preesistente.

Il momentum è definito come la velocità delle variazioni di prezzo di un'azione, di un titolo o di uno strumento negoziabile.

Si ipotizza che i titoli che hanno registrato buone performance in passato continueranno a farlo e, al contrario, che i titoli che hanno registrato performance negative continueranno a farlo.

Carhart ha incluso il momentum come fattore dopo aver condotto uno studio approfondito sulle performance dei fondi comuni tra il 1962 e il 1993.

Ha scoperto che il momentum ha un impatto significativo sui rendimenti azionari, concludendo che il modello Fama-French, senza il fattore momentum, non può spiegare tutti i rendimenti azionari.

Il modello a quattro fattori di Carhart, noto nel settore come Monthly Momentum Factor (MOM), ha portato a previsioni più accurate e a una migliore comprensione del comportamento dei mercati finanziari.

Ad esempio, il modello si è dimostrato migliore nello spiegare la variazione trasversale dei rendimenti azionari medi rispetto al suo predecessore a tre fattori.

Modello Fama French Carhart

Evoluzione oltre il modello a quattro fattori

Dallo sviluppo del modello a quattro fattori di Carhart, il settore finanziario ha visto l'inclusione di ulteriori fattori nei modelli multifattoriali.

Questa evoluzione è il risultato dei continui sforzi per migliorare l'accuratezza delle previsioni dei rendimenti dei mercati azionari e la comprensione delle dinamiche di mercato.

Il modello a cinque fattori di Fama-French

In primo luogo, il modello di Fama-French si è evoluto in un modello a cinque fattori nel 2014.

I due fattori aggiuntivi aggiunti da Fama e French sono la redditività e l'investimento.

La redditività, nota anche come Robust Minus Weak (RMW), è un fattore di qualità.

Si basa sulla premessa che le società con un'elevata redditività, definita come elevata redditività operativa, tendono a generare rendimenti più elevati.

L'investimento, noto anche come Conservative Minus Aggressive (CMA), è un altro fattore.

Suggerisce che le società che investono in modo conservativo tendono ad avere rendimenti più elevati rispetto a quelle che investono in modo aggressivo.

Il modello del fattore Q

Oltre al modello a cinque fattori di Fama-Francesco, il modello del fattore Q, proposto da Hou, Xue e Zhang nel 2015, ha introdotto un'altra serie di quattro fattori:

  • investimento
  • rendimento del capitale (ROE)
  • crescita attesa e
  • leva finanziaria

L'investimento è simile al fattore proposto da Fama e French. Il modello ipotizza che le società con un'elevata crescita del patrimonio totale abbiano rendimenti attesi più bassi.

Il rendimento del capitale proprio (ROE) misura la redditività di una società indicando la quantità di profitto che essa genera con il denaro investito dagli azionisti.

I titoli con un ROE elevato hanno storicamente generato rendimenti più elevati.

La crescita attesa è un altro fattore incorporato nel modello del fattore Q. Esso suggerisce che le società con utili attesi più elevati hanno rendimenti più alti rispetto alle altre.

Il fattore Q suggerisce che le società con una maggiore crescita degli utili attesi tendono a generare rendimenti di borsa più elevati.

La leva finanziaria, ovvero il rapporto tra il debito totale e il patrimonio netto totale, viene utilizzata per misurare il rischio finanziario di una società.

Secondo il modello del fattore Q, le società con un elevato rapporto di leva finanziaria tendono ad avere rendimenti di borsa attesi più bassi.

Il modello a quattro fattori di Stambaugh-Yuan

Un altro modello sviluppato nello stesso periodo è il modello a quattro fattori di Stambaugh-Yuan.

Questo modello introduce fattori di mispricing basati su caratteristiche quali l'emissione di azioni nette (NSI), l'emissione di azioni composite (CEI), il rapporto tra spese totali e attività totali (TATA) e le attività operative nette (NOA).

Il modello presuppone che questi fattori siano indicatori di mispricing e possano prevedere i futuri rendimenti azionari.

Confronto di agenti di borsa

Brokers
Commissioni di intermediazione Azioni Commissione di gestione esterna: 1€ per transazione
Commissione di intermediazione: 1€ per transazione
Tassa di cambio: 0,25%.
Nessuna commissione per un volume massimo mensile di 100.000 euro e poi 0,20%.
Conto demo No
La nostra opinione Le commissioni di intermediazione più basse sul mercato in oltre 50 borse valori. Trading senza commissioni, ma con una scelta di titoli limitata a 3.289 azioni e 358 ETF.
  DEGIRO XTB
L'investimento comporta un rischio di perdita

FAQ - Il modello a quattro fattori di Carhart

Cosa fanno i modelli fattoriali?

I modelli fattoriali in finanza sono strumenti statistici utilizzati per spiegare e prevedere i rendimenti degli asset.

Analizzano la relazione tra un insieme di fattori e i rendimenti di un portafoglio o di un titolo.

Questi fattori rappresentano caratteristiche specifiche o fattori di rischio che influenzano i rendimenti degli asset, come il rischio di mercato, le dimensioni dell'azienda, il valore, la redditività, la dinamica, ecc.

Identificando e quantificando questi fattori, i modelli fattoriali aiutano gli investitori e i gestori di portafoglio a comprendere e gestire le fonti di rischio e di rendimento dei loro investimenti.

Forniscono indicazioni sulla valutazione degli asset, sulla costruzione del portafoglio e sulle strategie di gestione del rischio.

Che cos'è il factor investing?

Il factor investing è una strategia di investimento in cui i titoli vengono selezionati sulla base di attributi associati a rendimenti più elevati.

Questi attributi, noti come "fattori", sono caratteristiche di una società o di un titolo che i ricercatori finanziari hanno identificato come fattori che determinano i rendimenti e i rischi del mercato nel tempo.

L'investimento in fattori va oltre l'approccio tradizionale che si limita a considerare la classe di attività o il settore e guarda agli elementi sottostanti che possono essere alla base della performance di un'attività.

Gli investitori possono prendere in considerazione una serie di fattori ben noti, tra cui

  1. Dimensione: le società più piccole (misurate in base alla capitalizzazione di mercato) tendono a sovraperformare quelle più grandi nel lungo periodo, anche se possono essere più volatili.
  2. Valore: le società con rapporti prezzo/utili (P/E) e prezzo/valore contabile (P/B) più bassi hanno storicamente generato rendimenti più elevati rispetto alle società più costose.
  3. Momentum: i titoli che hanno registrato buone performance nel recente passato tendono a continuare a farlo nel breve termine.
  4. Qualità: le società con solidi fondamentali, come la stabilità degli utili, il basso indebitamento e la solidità del management, tendono a registrare performance migliori nel lungo periodo.
  5. Volatilità: i titoli a bassa volatilità hanno spesso sovraperformato quelli ad alta volatilità su una base corretta per il rischio.

L'investimento in fattori può essere attuato attraverso la selezione di singoli titoli o attraverso ETF e fondi comuni di investimento progettati per puntare su fattori specifici.

Questa strategia richiede una comprensione approfondita dei fattori e un monitoraggio continuo, poiché la performance dei fattori può variare nel tempo. Viene spesso utilizzata come parte di una strategia di portafoglio diversificata.

Spesso è di natura sistematica.

Conclusione

Il modello a quattro fattori di Carhart rappresenta un'evoluzione nella nostra comprensione delle dinamiche di mercato e dei prezzi degli asset.

Incorporando il fattore momentum nel modello di Fama-Francesco, offre un approccio più robusto e completo alla previsione dei rendimenti azionari.

Supportato da un consistente corpo di evidenze empiriche, si è affermato come un moderno strumento di gestione del portafoglio.

L'evoluzione dal modello Fama-French a tre fattori al modello Carhart a quattro fattori, e poi ad altri modelli con un numero ancora maggiore di fattori, rappresenta un viaggio continuo per catturare la complessa dinamica dei rendimenti azionari.

Queste aggiunte forniscono una visione più dettagliata del mercato, aiutando gli investitori e i gestori di portafoglio nel loro processo decisionale.

Tuttavia, sebbene questi fattori aiutino a spiegare e prevedere i rendimenti, non devono essere considerati una garanzia di performance.

La loro efficacia può variare a seconda delle condizioni di mercato, dei periodi di revisione e dello specifico universo di titoli azionari presi in considerazione.