Menu

Brokers

AvaTrade  Admiral Markets

XM  Skilling

XTB  Plus500

Pepperstone  FxOpen

Trading Sociale

darwinex  ZuluTrade

Borsa

DEGIRO

Investir comporta rischi di perdite

Criptovaluta

Binance  Coinhouse

OKX  Skrill

Coinbase  Bitpanda

Come confrontare i broker in Europa

broker in Europa

Con una popolazione di oltre 700 milioni, l'Europa è uno dei più grandi mercati di trading del mondo. Inoltre, negli ultimi tempi, il tempo trascorso a casa ha fatto sì che sempre più traders stiano cercando di massimizzare le loro finanze personali. Questo aumento della domanda ha portato a una gamma più ampia di broker in Europa.

Trovare il giusto broker online è più importante che mai, dato il gran numero di opzioni disponibili sul mercato. Ma non si tratta solo di scegliere il bene giusto al prezzo giusto, ci sono molti altri fattori da considerare. Di seguito abbiamo elencato le cose principali da considerare.

Attività e mercati

Azioni europee

Quasi tutti i paesi europei hanno una borsa valori. Cinque di loro sono considerati importanti e hanno una capitalizzazione di mercato di oltre 1 trilione di dollari. Le borse europee rappresentano due dei dieci maggiori mercati azionari del mondo. La più grande borsa valori d'Europa è Euronext; collega sette economie con sede ad Amsterdam, Bruxelles, Dublino, Lisbona, Londra, Oslo e Parigi con le 1.870 società quotate. Il London Stock Exchange (LSE) è la seconda borsa più grande d'Europa, con circa 2.000 società quotate. Entrambe le borse hanno lo stesso orario di trading e sono aperte dalle 8 alle 16.30 (GMT) dal lunedì al venerdì.

Criptovalute

Nell'UE, le criptovalute sono classificate come strumenti finanziari qualificati (QFI), quindi il trading di criptovalute è legale. Le borse che trattano con le QFI sono regolate a livello regionale. Le aziende che possiedono una licenza QFI sono autorizzate a vendere prodotti legati alle criptovalute. I broker online in Europa devono rispettare la legislazione europea per ottenere questa licenza.

Forex

La sessione di trading di Londra rappresenta circa il 35% del fatturato medio totale del mercato dei cambi in tutto il mondo. Durante questa sessione, le coppie di valute, tra cui EUR/USD e GBP/USD, sono scambiate con spread più stretti a causa dell'alta liquidità del mercato. Ogni paese ha il proprio regolatore, ma la legislazione europea permette alle aziende di offrire servizi finanziari in qualsiasi paese dell'UE, purché siano regolati da almeno un'autorità europea. La legislazione dell'UE che disciplina questi organismi è nota come MiFID.

Materie prime

La maggior parte del trading online di materie prime in Europa si svolge nei mercati spot o futures. La borsa delle materie prime più riconosciuta in Europa è l'Intercontinental Exchange (ICE), una borsa elettronica delle materie prime che non ha un piano di trading fisico.

La maggior parte dei principali broker online europei offre il trading di futures e commodities. Gli asset più popolari sono l'oro, l'argento, il petrolio greggio e il petrolio Brent.

Indici del mercato azionario

Gli indici azionari europei più conosciuti sono il FTSE 100 (Regno Unito), Euro Stoxx (Europa) e DAX 40 (Germania). I migliori broker in Europa offrono la possibilità di negoziare CFD o ETF su almeno uno di questi indici.

Strumenti e piattaforme di trading

Il trading di successo richiede alte velocità di esecuzione, dati in tempo reale e comodi strumenti di analisi e grafici. I migliori broker in Europa offrono una navigazione semplice e strumenti di analisi completi. Offrono anche la compatibilità con le app mobili, oltre a una suite completa di funzioni di trading disponibili sul desktop e sul browser web.

Commissioni di intermediazione

I migliori broker online in Europa saranno trasparenti sulla loro struttura di commissioni. Poiché queste commissioni possono variare notevolmente da una piattaforma all'altra, è essenziale che i trader si guardino intorno per assicurarsi che le commissioni offerte siano competitive sul mercato.

Altre spese da considerare sono le spese di inattività, il mantenimento del conto, più le spese di prelievo e di deposito. A volte le spese di terzi sono trasferite ai clienti dal broker. Queste possono includere commissioni di accesso al cambio, commissioni di trasferimento bancario e commissioni di conversione della valuta.

Leva

L'Autorità europea degli strumenti finanziari e dei mercati (ESMA) ha introdotto dei limiti alla leva finanziaria del forex e dei CFD offerti ai clienti al dettaglio nel 2018. La leva massima per asset è mostrata qui sotto.

  • 1:30 per le principali coppie di valute
  • 1:20 per coppie di valute non principali, oro e indici principali
  • 1:10 per le materie prime non oro e gli indici azionari non principali.
  • 1:5 per le azioni individuali
  • 1:2 per le criptovalute

Conto demo

La maggior parte dei migliori broker offre conti demo. Questo è un ottimo modo per navigare le caratteristiche della piattaforma, praticare strategie di trading e capire gli asset disponibili. È possibile accedere a fondi virtuali in condizioni di mercato reali simulate.

Regolamentazione dei broker in Europa

I broker regolamentati sono governati da regole che mirano a proteggere i singoli trader. Anche se non è obbligatorio, si raccomanda vivamente di scegliere i broker che rispettano i regolamenti. I broker azionari non regolamentati in Europa possono significare una mancanza di protezione per i trader, danni finanziari e un cattivo servizio al cliente e alla piattaforma. I commercianti possono controllare il numero di licenza di un broker sul database dell'autorità finanziaria pertinente.

L'Autorità europea degli strumenti finanziari e dei mercati (ESMA) è un regolatore finanziario indipendente nell'Unione europea. Le sue funzioni principali sono quelle di incoraggiare la trasparenza delle informazioni, promuovere mercati finanziari efficienti e stabili e proteggere i traders al dettaglio. Si tratta di un organismo consolidato che ha formulato le linee guida per gli agenti di cambio in Europa dal 2001. L'autorità dell'ESMA prevede :

  • Supervisione - Supervisione diretta delle istituzioni finanziarie e dei depositi di scambio.
  • Standardizzazione - Condividere le migliori pratiche e migliorare l'efficienza.
  • Regole - Fornisce un libro di regole per i mercati finanziari dell'UE, con l'obiettivo di creare un campo di gioco uniforme per gli investitori e le organizzazioni dell'UE, fornendo consulenza sulla legislazione e sviluppando standard tecnici.
  • Rischio - Gestire i rischi per gli investitori, compresa la stabilità del mercato. Si possono intraprendere azioni tempestive per evitare problemi che li minacciano

La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è un regolamento europeo che aumenta la trasparenza nei mercati finanziari dell'Unione Europea e standardizza i requisiti normativi per le aziende che operano in questo settore. È in vigore dal 2007. La MiFID stabilisce solo i requisiti di base, quindi le restrizioni imposte dai regolatori possono variare da paese a paese. Alcuni paesi, come la Bulgaria e Malta, soddisfano solo i requisiti di base, mentre altri, tra cui il Regno Unito e la Svizzera, vanno oltre. Tuttavia, la trasparenza, la segregazione dei fondi e le regole di compensazione degli investitori sono tutte obbligatorie.

Esempi di protezioni MiFID includono la restrizione di bonus e promozioni per i trader al dettaglio e la fornitura obbligatoria di protezione contro i saldi negativi sui conti di margine. Questa rigorosa regolamentazione finanziaria crea un ambiente sicuro per chi investe con un broker con sede nell'UE.

Regolatori specifici

Abbiamo descritto sopra il regolamento che si applica ai broker in Europa. Nell'UE, se un'impresa di servizi finanziari è regolata da un'autorità europea che applica la MiFID, può operare in qualsiasi Stato membro. Questo non è più il caso del Regno Unito, che dalla Brexit è fuori dall'UE. In questa sezione, esploriamo i regolatori più comuni e i loro rispettivi paesi.

La Financial Conduct Authority (FCA) - Regno Unito

La FCA è stata istituita nel 2013 per proteggere i consumatori del Regno Unito, rafforzare l'integrità del sistema finanziario britannico e servire gli interessi dei clienti incoraggiando una sana concorrenza tra le imprese di servizi finanziari.

La regolamentazione della FCA è obbligatoria per i broker online in Europa che vendono i loro servizi ai clienti del Regno Unito. La FCA assicurerà che coloro che offrono investimenti possano prendere decisioni valide nell'interesse dei loro clienti e saranno anche ritenuti responsabili delle loro azioni. Tuttavia, lo stesso non è vero per le criptovalute. Anche se sono soggetti alla regolamentazione della FCA, gli scambi di criptovalute non saranno ritenuti responsabili delle fluttuazioni dei valori degli asset e delle perdite che questo può causare.

La Cyprus Securities and Exchange Commission (CySEC) - L'UE

CySEC è stato lanciato nel 2001 ed è il più grande regolatore di broker nel mondo. Le sue principali responsabilità sono di supervisionare i broker e distribuire le licenze alle piattaforme proteggendo i clienti. La CySEC incoraggia la libertà di trading, permettendo ai trader al dettaglio di implementare varie strategie, come l'uso di una leva elevata e l'hedging.

Sicurezza

È importante considerare la sicurezza di un broker online in Europa prima di investire, soprattutto per quanto riguarda i pagamenti, i dati personali e la privacy del conto. Gli anni di servizio di un broker possono anche essere un buon indicatore di sicurezza, indicando la maturità dei servizi e delle operazioni. Inoltre, i broker online in Europa che sono riconosciuti da un regolatore leader (come CySEC e FCA) dovrebbero offrire sufficienti livelli di protezione. Cercate la crittografia dei dati su PC e mobile, la protezione dei metodi di pagamento e l'autenticazione a due fattori (2FA).

Tasse sulle transazioni in Europa

È responsabilità del commerciante dichiarare le proprie tasse secondo la sua attività d'investimento. L'importo dovuto varia tra i paesi europei, con una media di circa il 19,5%. L'aliquota fiscale per il commercio in Francia è del 30%. La Danimarca riscuote la tassa più alta di tutti i paesi europei al 42%.

Una ritenuta alla fonte è imposta sugli interessi bancari e sui redditi obbligazionari ricevuti dai residenti dell'UE su investimenti effettuati in altri Stati membri. Si applica a 28 Stati membri europei, tra cui Spagna, Germania, Grecia e Francia. Questo assicura che i residenti di un paese non evadano le tasse depositando fondi al di fuori della giurisdizione.

La maggior parte dei paesi europei rispetta la direttiva europea sul risparmio, divulgando i nomi dei titolari dei conti e gli interessi guadagnati. La ritenuta alla fonte dell'UE non si applica agli utili d'impresa, ai dividendi azionari o agli utili da investimenti.

Si prega di notare che queste informazioni non devono essere considerate come consigli fiscali. Consultate un esperto per saperne di più sul pagamento delle tasse sul vostro reddito.

Ultima parola sui broker in Europa

I broker in Europa tendono a fornire un ambiente di trading sicuro e protetto per i commercianti al dettaglio attraverso regolamenti e linee guida rigorose. Abbiamo elencato alcuni dei fattori chiave per scegliere i migliori broker online in Europa. Pensate a quali asset volete scambiare prima e a quale volume, poiché questo può influenzare la vostra ricerca e limitare le vostre scelte.

Broker raccomandati per i trader europei

Brokers Piattaforma Regolazione Aprire un conto demo
MetaTrader 4 e 5
AvaOptions
ASIC, CBFSAI, FRSA, BVI FSC, FSCA, JFSA, OCRCVM AvaTrade
PepperstoneMetaTrader 4 e 5
cTrader, TradingView
FCA, ASIC, CySEC, BaFin, DFSA, SCB, CMAPepperstone
xStation 5 FCA, KNF, CySEC, BIFSC, CNMV, DFSA, FSCAXTB
MetaTrader 4 e 5 CySEC, FCA, ASIC, JSC, OCRCVM, FSCAAdmiral
MetaTrader 4 e 5 CySEC,ASIC,BIFSC XM
FCA: Regno Unito, BaFin: Germania, KNF: Polonia, CySEC: Cipro, BIFSC: Belize, CNMV: Spagna, ASIC: Australia, CBFSAI: Irlanda, FRSA: Abu Dhabi, DFSA: Dubai, FSCA: Sudafrica, FSA: Seychelles, BVI FSC: Isole Vergini britanniche, JFSA: Giappone, JSC : Jordan, OCRCVM : Canada
Il trading di CFD comporta un significativo rischio di perdita, quindi non è adatto a tutti gli investitori. Il 74-89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro nel trading di CFD.

FAQ

Quali asset possono essere scambiati con i broker online in Europa?

I mercati di trading più popolari includono forex, materie prime, azioni, futures e criptovalute. Anche prodotti come i CFD e gli ETF sono comuni.

Chi regola i broker in Europa?

L'Autorità europea degli strumenti finanziari e dei mercati (ESMA) è un regolatore finanziario indipendente nell'Unione europea. I suoi obiettivi principali sono quelli di promuovere la trasparenza delle informazioni, l'efficienza e la stabilità dei mercati finanziari, e di proteggere i trader al dettaglio.

Quali sono i limiti massimi di leva finanziaria dell'ESMA per i broker in Europa?

Tutti i broker online in Europa sono soggetti ai limiti di leva finanziaria dell'ESMA. Questi sono stati introdotti per proteggere gli investitori da un rischio eccessivo e includono un rapporto di leva massimo di 1:30 per le principali coppie di valute, 1:20 per i principali indici e 1:2 per le criptovalute.

I broker in Europa offrono conti demo?

Sì, i migliori broker in Europa offrono conti demo. Questi sono un buon modo per capire come navigare la piattaforma, accedere a una simulazione di mercato in tempo reale e praticare strategie di trading con fondi virtuali prima di aprire un conto reale.

Quali caratteristiche bisogna considerare quando si sceglie un broker in Europa?

I clienti al dettaglio dovrebbero considerare quanto segue: commissioni, regolamentazione, accesso al mercato, sicurezza, assistenza clienti e strumenti. È importante valutare i fattori di cui hai bisogno in base al tuo volume di trading, alle tue attività e al tuo stile di investimento.