Menu

La nuova generazione di forex trader in Italia dà speranza al settore

L'Europa è la patria di uno dei più grandi mercati valutari al dettaglio (forex). Il mercato dei cambi della regione è spesso considerato nel suo insieme, ma è composto da piccoli mercati locali, ognuno con diversi gradi di maturità e dimensioni.

In Europa, l'Italia non è spesso considerata un hub per il commercio di valuta. Tuttavia, anche se il mercato è piccolo, può essere sull'orlo della svolta. Qual è la situazione dell'industria forex in Italia?

Per quanto riguarda l'importanza economica, l'Italia è ai vertici dell'Unione Europea (UE). Infatti, secondo i dati del Fondo Monetario Internazionale nel 2018, l'economia italiana è stata la quarta più grande del blocco, con un prodotto interno lordo di 1.935 trilioni di dollari nel 2017.

Principali economie dell'UE
Principali economie dell'UE in base al PIL e ai prezzi correnti

Poiché il Regno Unito sta per lasciare la regione, l'Italia sarà quindi al terzo posto.

 

Struttura del mercato finanziario italiano

Per comprendere il mercato dei cambi in Italia, è importante innanzitutto comprendere il mercato finanziario in generale. In genere, il mercato finanziario di un paese è generalmente composto da tre segmenti: il sistema bancario, il mercato dei capitali e il mercato assicurativo. Il sistema bancario o il mercato dei capitali domina, a seconda del paese.

In Italia, nonostante le sue dimensioni rispetto ad alcuni dei paesi più sviluppati dell'UE, il mercato dei capitali ha una lunga tradizione che ne sottolinea l'importanza. Uno degli attori più importanti di questo mercato è la Borsa Italiana, l'unica borsa valori del paese fondata nel 1808 da Eugenio Napoleone.

Dal 2007 Borsa Italiana è controllata dal London Stock Exchange Group. Per le azioni italiane, la quota di borsa in Europa è del 75%. Altro dato interessante per Borsa Italiana è la velocità di rotazione, che rappresenta il rapporto tra il volume scambiato e il numero totale di azioni quotate. Per la Borsa Italiana, la velocità è superiore al 100%. È il valore più alto di tutte le borse europee.

Borsa Italiana

Massimo Giorgini, Responsabile Equity and Derivatives Market Development, ha sottolineato che l'Italia ha la più alta partecipazione di investitori privati nel mercato quotato. Gli investitori partecipano sempre più spesso a questo spazio attraverso siti di trading online.

"Va tenuto presente che oltre il 20% del valore giornaliero delle operazioni di cash equity viene scambiato da investitori privati, in particolare, il 20% di cui sto parlando è legato all'attività di trading online. Questo non include gli investimenti tradizionali al dettaglio, cioè quelli che commerciano attraverso la mediazione vocale, o gli investimenti non diretti come i fondi".

"E lo stesso vale per il mercato dei derivati, che riproduce l'andamento della liquidità, perché, ad esempio, sui contratti futures FTSE MID, almeno il 20-25% del volume è generato dai trader online, ma si stima che se si tiene conto di tutti gli investitori privati, questa cifra potrebbe essere compresa tra il 35 e il 40%".

Anche i mercati finanziari italiani sono estremamente liquidi e consentono elevati livelli di diversificazione. Un numero crescente di investitori retail italiani ha ora accesso a derivati, ETF e obbligazioni.

 

Qual è la dimensione del mercato dei cambi in Italia?

Il settore forex in Italia è molto più piccolo del Regno Unito. In effetti, ci sono pochissimi broker locali nel paese.

Ciò è in parte dovuto al fatto che la Commissione Nazionale per le Societa e la Borsa (CONSOB), l'autorità italiana di regolamentazione finanziaria, ha assunto una posizione ferma su investimenti considerati ad alto rischio.

Per questo motivo, i trader italiani hanno poche possibilità di scelta quando si tratta di trovare un broker forex italiano locale. Infatti, la maggior parte dei broker forex che attualmente servono i trader italiani ha sede in altri Stati membri dell'UE, come Cipro o il Regno Unito. Questo include eToro, CMC Markets, ActivTrades e Plus500, tutte grandi aziende del mercato italiano.

Plus500

 

Broker di origine italiana - Ce ne sono altri?

In termini di intermediazione valutaria locale, Fineco Bank sembra essere l'unica istituzione finanziaria locale a fornire servizi di forex trading nel paese. Abbiamo identificato due fornitori nel paese, FinecoBank e IWBank. Tuttavia, sembra che quest'ultimo abbia smesso di offrire servizi di trading sul forex.

Per saperne di più sul settore, abbiamo parlato con la Toro, società di social trading, uno dei principali operatori di trading valutario in Italia. Per l'azienda, l'Italia rappresenta il 6% degli utenti registrati, che equivale a circa 60.000 utenti su 10 milioni di clienti del broker nel mondo.

Edoardo Fusco Femiano, analista di mercato italiano di eToro, ha dichiarato: "L'ambiente del forex trading in Italia è ancora molto attivo. Stiamo assistendo ad una nuova generazione di giovani laureati molto determinati a diventare dei veri traders professionisti".

"In termini di patrimonio netto pro capite, l'Italia rimane uno dei paesi più ricchi del mondo. Per questo motivo, noi di eToro crediamo che il paese abbia un grande potenziale. L'istruzione è stata e rimane il principale motore di crescita dell'industria, sia in Italia che nel mondo".

 

Attività di trading in Italia

Con una scarsa concorrenza e il predominio dei maggiori broker internazionali sul mercato italiano, è interessante per i nuovi broker iniziare la loro attività nel paese? Tutto dipende dalla domanda e, come ha sottolineato Femiano, la domanda di valuta estera nel paese è correlata all'andamento dell'industria.

"Penso che dobbiamo guardare la tendenza da una prospettiva generale. Il Forex è il tipico strumento di trading per principianti, grazie ai suoi bassi margini e alla possibilità di applicare tecniche di position sizing a piccoli portafogli. Di conseguenza, la domanda nel mercato dei cambi è fortemente correlata all'andamento generale del settore", ha aggiunto Femiano.

Storicamente, l'Italia è considerata un mercato più conservatore. Le coppie di valute più comunemente scambiate sono le valute del G10 - EUR, USD, JPY, CAD e GBP, a seconda dell'attività di trading su eToro. Tuttavia, le coppie di valute verso le quali i trader fluiscono dipendono dalla volatilità.

Inoltre, gli italiani sono più interessati alle azioni, come il DAX tedesco, e mostrano un maggiore interesse per il social trading. Il Copy Trading, come suggerisce il nome, permette ai trader dei mercati finanziari di copiare automaticamente le posizioni aperte e gestite da altri investitori.

eToro