Menu

Trading della coppia di valute USD/JPY

trading USD JPY

Nel mercato dei cambi, la coppia dollaro USA - yen giapponese è la seconda coppia più liquida al mondo. Questo articolo copre le caratteristiche della coppia USD/JPY e ti dà alcuni consigli di trading sul forex.

Lo yen giapponese

L'80% del mercato Forex è dominato da un gruppo di sette valute, e una di queste è lo Yen giapponese. Una delle più grandi valute del mondo per il trading Forex e il commercio internazionale, la valuta del Giappone è popolare tra i trader di tutto il mondo.

Il Giappone ha una delle più grandi economie del mondo, e il suo PIL è uno dei più alti del mondo, riflettendo lo status della nazione come uno dei più grandi esportatori del mondo.

La Banca del Giappone (BOJ) è la banca centrale dietro lo yen giapponese. Ha il compito di incoraggiare la crescita minimizzando l'inflazione. Per un certo numero di anni, la minaccia della deflazione in Giappone è stata sempre presente e, in risposta, la BOJ ha perseguito una politica di bassa inflazione per stimolare la crescita economica e la domanda. Infatti, in diverse occasioni, i tassi reali del Giappone sono stati negativi.

Fatti storici sullo yen

Lo yen giapponese è la valuta ufficiale del Giappone e la terza valuta più scambiata nel mercato dei cambi dopo il dollaro statunitense e l'euro. È anche una popolare valuta di riserva, seconda solo al dollaro statunitense, all'euro e alla sterlina britannica. Fu l'idea del governo Meiji di creare lo Yen come una moneta unificata basata sul sistema decimale europeo. Nel 1871 fu redatta la Nuova Legge Valutaria, che stabilì lo yen come nuova moneta decimale del Giappone, e nel 1882 fu istituita la Banca del Giappone per controllare l'offerta di denaro.

Dopo la fine della seconda guerra mondiale, lo yen perse molto del suo valore e, per portare un po' di stabilità all'economia, il tasso di cambio dello yen fu ancorato al dollaro americano. Nel 1971, questo sistema fu abbandonato e lo yen fu lasciato fluttuare liberamente sul mercato. Ci furono successivi periodi di svalutazione e apprezzamento a causa della crisi petrolifera del 1973, che portò il governo a mantenere una politica di intervento monetario.

Questo significa che lo yen ha un "regime di galleggiamento sporco" che continua ancora oggi. L'enfasi è sull'incoraggiare un mercato competitivo per le esportazioni assicurando che lo yen abbia un valore basso attraverso un surplus commerciale. Anche se c'è stato un cambiamento temporaneo in questa situazione nel 1985 con l'accordo di Plaza, da allora il valore dello yen è sceso di nuovo, con la BOJ che ha mantenuto una politica anti-inflazionistica estrema, con tassi di interesse vicini allo zero.

L'economia giapponese e lo yen

Ci sono diverse caratteristiche specifiche dell'economia giapponese che devono essere comprese da chiunque voglia commerciare con lo yen. In primo luogo, dal crollo della bolla immobiliare, l'economia giapponese è cresciuta molto lentamente, superando raramente il 2% negli ultimi dieci anni circa. Negli ultimi dieci anni, il paese ha effettivamente sperimentato la deflazione, con tassi negativi o zero in più occasioni.

In secondo luogo, la popolazione giapponese è la più vecchia del mondo, con un tasso di fertilità particolarmente basso. La popolazione attiva sta invecchiando e ci sono meno giovani lavoratori per stimolare l'economia attraverso il consumo e la tassazione. Poiché il Giappone ha pochissimi immigrati, la demografia è difficile da bilanciare.

In terzo luogo, la forza lavoro giapponese è ben istruita e l'economia del paese è molto avanzata. Mentre alcune industrie, come la costruzione navale, sono state trasferite in Cina e Corea del Sud, il Giappone rimane il leader nella produzione, con industrie come automobili, elettronica di consumo e componenti tecnologici, rendendo il Giappone altamente esposto alle economie globali, ma sempre più dipendente dal commercio con la Cina.

Quali fattori influenzano il valore dello yen?

Ci sono diversi fattori che vanno a determinare il valore dello yen giapponese, e il sondaggio Tankan è un indicatore particolarmente buono. Questo rapporto trimestrale è pubblicato dalla Banca del Giappone ed è spesso responsabile delle tendenze nel commercio di valuta e azioni giapponesi.

I dati sui flussi commerciali sono un altro indicatore importante da guardare per lo yen. Lo yen è particolarmente popolare tra i trader che preferiscono usare una strategia di carry trading. Grazie alla politica della Banca del Giappone di mantenere i tassi di interesse vicini allo zero, il Giappone è un'importante fonte di capitale per i carry trade. Tuttavia, qualsiasi discorso di aumento del tasso di interesse sullo yen giapponese provoca perturbazioni sul mercato valutario. Anche se i tassi d'interesse sono rimasti bassi per qualche tempo, la Banca del Giappone è stata pesantemente coinvolta nell'intervento valutario per mantenere l'industria dell'esportazione il più competitiva possibile. Poiché questo ha avuto conseguenze politiche in passato, la BOJ è ora piuttosto riluttante a farsi coinvolgere nel mercato dei cambi.

La bilancia commerciale del Giappone ha anche un impatto sulle politiche della Banca del Giappone e sui tassi di cambio. Il Giappone ha grandi eccedenze commerciali, ma il paese ha anche una popolazione che invecchia e un grande debito pubblico. Fortunatamente, gran parte di questo debito è detenuto a livello nazionale, con gli investitori giapponesi che accettano un basso tasso di rendimento.

Lo yen è la valuta di punta dell'Asia, una delle valute più scambiate al mondo e una delle principali valute di riserva dei paesi asiatici. Se lo yuan cinese diventa più liquido in futuro, lo yen giapponese potrebbe essere minacciato, anche se questo processo potrebbe richiedere del tempo. Lo yen ha ancora lo status di "porto sicuro", che lo ha solo reso ancora più forte e più attraente per gli investitori.

Il dollaro USA

Il dollaro statunitense è talvolta conosciuto come il biglietto verde e ha il codice Forex USD. È la moneta nazionale degli Stati Uniti, che hanno la più grande economia del mondo. Tuttavia, è anche usato da molti altri piccoli paesi come valuta legale, e anche molte altre nazioni legano la loro valuta al valore del dollaro. È la valuta di riserva più popolare al mondo, ed è anche un punto di riferimento che scambia contro tutte le altre valute mondiali, ma soprattutto contro la sterlina britannica, lo yen giapponese e l'euro.

Il dollaro statunitense è regolato dal Federal Reserve System ("la Fed"), la banca centrale degli Stati Uniti, istituita dal Federal Reserve Act nel 1913. La Federal Reserve è guidata da un presidente e da un consiglio di governatori che supervisionano la politica monetaria, i tassi di interesse e le operazioni di mercato aperto. Il FOMC si riunisce otto volte all'anno per discutere la situazione economica e decidere le politiche.

La storia del biglietto verde

Il dollaro americano era originariamente basato sull'aspetto e la valutazione del dollaro spagnolo, che circolava ampiamente nell'America spagnola durante i secoli XVI, XVII, XVIII e XIX. La Zecca degli Stati Uniti fu fondata nel 1792 e produsse le prime monete da un dollaro circolanti, mentre la cartamoneta fu emessa nel 1862 quando scoppiò la guerra civile.

Nel 1900 fu approvato il Gold Standard Act, ma le monete d'argento rimasero in circolazione fino al 1964, quando l'argento fu rimosso dai quarti di dollaro e dai decimi. Durante la prima guerra mondiale, il gold standard fu sospeso due volte, e di nuovo durante la Grande Depressione, quando la Fed dovette aumentare il tasso d'interesse per proteggere il gold standard del dollaro, il che portò a una pressione economica interna ancora maggiore.

Per combattere la deflazione, il Gold Reserve Act fu approvato nel 1933. Il dollaro iniziò a fluttuare sul mercato dei cambi, ma questo fu interrotto dopo un anno. Dopo la seconda guerra mondiale, l'accordo di Bretton Woods ancorò le altre principali valute al valore del dollaro, una situazione che rimase in vigore fino al 1971.

L'economia statunitense

Gli Stati Uniti hanno la più grande economia nazionale del mondo in termini nominali e la seconda in termini di PPP. Rappresenta il 22% del PIL nominale mondiale e il 17% del PPP. Con un PIL di circa 21 trilioni di dollari, è facile capire perché il dollaro è la valuta più popolare per le transazioni finanziarie internazionali, così come la valuta di riserva primaria per le banche internazionali.

L'economia statunitense è mista, con un tasso di crescita globale del PIL stabile. Il paese ha solo una disoccupazione moderata, il che, combinato con alti livelli di investimenti di capitale e di ricerca, contribuisce alla reputazione di stabilità economica della nazione. I principali partner commerciali dell'America sono Canada, Messico, Cina, Giappone, Corea del Sud, Germania e Regno Unito.

Il paese ha una ricchezza di risorse naturali, così come un'alta produttività e un'infrastruttura altamente sviluppata, e vanta il nono più alto PIL pro capite del mondo. Dal 1890, l'America ha la più grande economia nazionale del mondo.

Gli Stati Uniti consumano più gas naturale e petrolio di qualsiasi altra parte del mondo, e sono anche una delle più grandi nazioni commerciali del mondo, nonché il secondo produttore mondiale, responsabile del 20% della produzione manifatturiera globale. Il settore dei servizi è anche vitale per l'economia statunitense, con 128 delle 500 aziende più grandi del mondo che scelgono di collocare la loro sede nel paese.

Fattori che modellano l'economia statunitense

Ci sono molti fattori che giocano un ruolo chiave nel determinare il valore del dollaro americano. Questi includono i seguenti fattori:

  • Domanda e offerta - Quando gli Stati Uniti esportano i loro servizi o beni, questo crea una domanda per il dollaro, e quando l'economia statunitense è in crescita, più investitori stranieri vogliono possedere azioni di società statunitensi.
  • Psicologia e sentimento del mercato - Se l'economia statunitense sembra indebolirsi, questo può indurre gli investitori a dubitare del valore del dollaro e a vendere i loro beni. Questo porterà ad un ulteriore calo del valore del dollaro.
  • Fattori tecnici - Gli investitori prestano molta attenzione ai dati economici pubblicati e agli annunci di notizie per valutare l'interesse nella valuta e il suo valore relativo nel mercato dei cambi. Gli indicatori e le statistiche chiave includono il PIL e i dati sui salari, così come le cifre sull'occupazione e altre informazioni rilevanti riguardanti eventi politici, sociali e ambientali che potrebbero influenzare il valore della valuta.

I migliori broker per il trading di coppie di valute

CFD Brokers Piattaforma Regolazione Aprire un conto demo
MetaTrader 4 e 5
AvaOptions
ASIC, CBFSAI, FRSA, BVI FSC, FSCA, JFSA, OCRCVM AvaTrade
MetaTrader 4 e 5
cTrader, TradingView
FCA, ASIC, CySEC, BaFin, DFSA, SCB, CMAPepperstone
xStation 5 FCA, KNF, CySEC, BIFSC, CNMV, DFSA, FSCAXTB
MetaTrader 4 e 5 CySEC, FCA, ASIC, JSC, OCRCVM, FSCAAdmirals
MetaTrader 4 e 5
ActivTrader, TradingView
FCA, CSSF, SCB, BACEN & CVM, CMVMActivTrades
MetaTrader 4 y 5
ActivTrader, TradingView
FCA, BaFin, ASIC, FINMA, FSCA, MAS, FMA, DFSA, JFSA, CFTCIG
MetaTrader 4 e 5 CySEC,ASIC,BIFSC XM
ASIC: Australia, BaFin: Germania, BIFSC: Belize, BVI FSC: Isole Vergini britanniche, BACEN e CVM: Brasile, CySEC: Cipro, CNMV: Spagna, CMVM: Portogallo, CSSF: Lussemburgo, CFTC: USA, CBFSAI: Irlanda, CMA : Oman, DFSA: Dubai, FCA: Regno Unito, FINMA: Svizzera, FSPR - FMA: Nuova Zelanda, FRSA: Abu Dhabi, FSA: Seychelles, FSCA: Sud Africa, JFSA: Giappone, JSC: Giordania, KNF: Polonia , MAS: Singapore, IIROC: Canada, SCB: Bahamas, VFSC: Vanuatu
Il trading di CFD comporta un significativo rischio di perdita, quindi non è adatto a tutti gli investitori. Il 74-89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro nel trading di CFD.

Ruolo dell'USD

Non si può avere un quadro chiaro della relazione USD/JPY senza capire il ruolo importante che gioca il dollaro USA. Ecco quindi alcuni esempi della sua posizione unica nella finanza mondiale:

  • Molte banche in tutto il mondo detengono riserve in valuta estera in dollari USA.
  • Molti piccoli paesi scelgono addirittura di usare il dollaro americano al posto della loro valuta o di ancorare la loro valuta al suo valore.
  • Anche i paesi dell'OPEC usano il dollaro USA per le transazioni di petrolio.
  • È spesso usato per regolare le transazioni finanziarie internazionali.
  • Anche l'oro e altre materie prime popolari sono spesso prezzate in dollari USA.
  • Attualmente è la valuta più scambiata nel mondo.
  • Gli Stati Uniti sono la seconda più grande nazione commerciale, dopo la Cina.
  • Gli Stati Uniti rappresentano circa il 22% del PIL nominale del mondo.
  • I servizi come l'immobiliare, i servizi finanziari, i trasporti e la sanità costituiscono quasi l'80% del suo PIL.

Gli aspiranti trader farebbero bene a capire la portata e l'importanza del dollaro americano. In effetti, monitorare la forza economica degli Stati Uniti ti aiuterà a prevedere come la coppia USD/JPY si rafforzerà o si indebolirà a favore del dollaro americano. Tuttavia, un monitoraggio efficace implica prestare attenzione ai segnali e agli indicatori economici. Ecco alcuni dei rapporti chiave da seguire:

  • Bilancia commerciale
  • Indice dei prezzi al consumo (CPI)
  • Indice dei prezzi alla produzione (PPI)
  • Libri paga non agricoli (NFP)
  • ISM non manifatturiero
  • ISM manifatturiero
  • Bilancia commerciale
  • Verbali della Federal Reserve
  • Vendite al dettaglio
  • Produzione industriale

Quindi, guardando i grafici e le tabelle storiche, si può capire perché certe coppie di valute reagiscono in quel modo. I grafici orari e i livelli chiave possono essere importanti per le tue prospettive valutarie di oggi, ma lo sono anche le informazioni sugli eventi di decenni fa. Nel complesso, tutti questi elementi ti daranno una migliore comprensione di ciò che guida i movimenti della coppia di valute USD/JPY.

Ruolo dello JPY

Anche lo yen giapponese gioca un ruolo chiave. È la valuta più liquida dell'Asia. Questo lo rende anche un indicatore della crescita economica asiatica.

In tempi di instabilità economica e volatilità in Asia, i commercianti spesso reagiscono comprando o vendendo lo yen. Questo perché le altre valute asiatiche sono più difficili da scambiare. Un picco di questa volatilità può avere un impatto significativo sui prezzi di mercato e sulle quotazioni di USD/JPY.

Il volume di trading è alto perché lo yen è accompagnato da tassi d'interesse estremamente bassi. Negli ultimi anni, la BoJ ha comprato un grande volume di yen per aumentare l'inflazione. Di conseguenza, lo yen si è svalutato mentre l'offerta di denaro è aumentata. Le esportazioni sono alle stelle, così come i prezzi delle importazioni, soprattutto delle materie prime.

Come terza valuta più scambiata dopo il dollaro americano e l'euro, lo yen è anche la quarta valuta di riserva più scambiata al mondo, dopo il dollaro americano, l'euro e la sterlina britannica.

Comprendere il ruolo globale dello yen ti permetterà di valutare meglio le tendenze di USD/JPY, oltre a eseguire analisi fondamentali in tempo reale.

Quali fattori influenzano la coppia dollaro/yen?

Ci sono diversi fattori che influenzano la coppia dollaro statunitense/yen giapponese. Questi includono i seguenti fattori:

  • Le economie dei due paesi - La coppia di valute funziona in base alla relazione tra l'economia giapponese e quella statunitense, e anche, in misura minore, come stanno andando le economie asiatiche rispetto a quella statunitense. Quando l'economia statunitense è disturbata, lo yen sale, mentre quando la situazione è invertita, il dollaro USA ovviamente sale. In generale, sia lo yen che il dollaro provengono da economie abbastanza grandi da essere influenzate dai principali eventi economici e mondiali.
  • La bilancia import/export del Giappone - In generale, la coppia USD/JPY tende ad inclinarsi a favore del dollaro USA quando il Giappone importa più di quanto esporta, poiché l'economia giapponese si indebolisce quando compra più di quanto vende. Il Giappone è uno dei principali esportatori del mondo, quindi i suoi exploit commerciali sono sempre importanti in termini di crescita del dollaro USA/yen giapponese.
  • Disastri nazionali - L'economia giapponese è particolarmente colpita dai disastri nazionali a causa delle dimensioni del paese. Nel complesso, l'economia statunitense non è così colpita dai disastri naturali che possono colpire il paese.
  • Crescita lenta dello yen - Lo yen è una valuta che cresce lentamente in tempi di stagnazione, ed è generalmente superata dall'economia statunitense. Questa tendenza dovrebbe continuare e lo yen è da tempo in tendenza al ribasso rispetto al dollaro.
  • Intervento del governo - Il governo giapponese sta cercando di adottare molte iniziative per migliorare l'economia del paese. È quindi essenziale prestare attenzione alle azioni del governo del paese se si desidera investire in questo mercato, poiché queste iniziative possono alterare significativamente il prezzo della valuta attraverso gli aggiustamenti dei tassi di interesse.

Correlazioni valutarie

Le valute non si muovono indipendentemente l'una dall'altra e USD/JPY non fa eccezione. Infatti, USD/CHF e EUR/USD sono le altre due coppie con la più alta correlazione con USD/JPY. Il primo ha una correlazione positiva e il secondo una correlazione negativa.

Naturalmente, non è così semplice, il grado di correlazione può anche cambiare. È una misura che va da -1 a +1. Quindi, una buona comprensione di questo fenomeno ti permetterà di utilizzare i movimenti di altre coppie per prevedere i movimenti del USD/JPY.

Infatti, ci sono diverse coppie di yen giapponesi che sono altamente correlate alla coppia USD/JPY:

  • CAD/JPY
  • CHF/JPY
  • EUR/JPY
  • SGD/JPY
  • HKF/JPY

Correlazione tra USD/JPY e oro

Vale anche la pena notare che, anche se l'oro non è una moneta a sé stante, oggi viene scambiato allo stesso modo dell'oro, grazie alle capacità di trading elettronico. Lo yen è infatti altamente correlato all'oro. Così, USD/JPY e XAU/USD (oro/dollaro USA) sono correlati negativamente. Più in alto va USD/JPY, più in basso va l'oro.

Quindi, l'analisi tecnica dovrebbe ora coprire più delle basi dei livelli di supporto e resistenza. Se puoi anche usare le correlazioni tra le valute a tuo vantaggio, potresti essere in grado di costruire rendimenti maggiori nel tuo calcolatore di profitti.

Vantaggi del trading della coppia USD/JPY

Il trading di questa coppia di valute offre molti vantaggi, ed è per questo che è così popolare tra i trader:

  • Popolarità e volume di mercato - La coppia USD/JPY ha un volume di mercato molto alto, e poiché è così popolare, è supportata da quasi tutti i broker e mercati forex.
  • Opportunità di profitto - Questa coppia è caratterizzata da periodi prolungati di stabilità e volatilità, il che crea un potenziale per gli investitori. La volatilità di questa coppia è generalmente guidata dalle forze di mercato in Asia, rendendo la coppia USD/JPY una valuta di passaggio per l'Oriente.
  • Spread più bassi - La coppia dollaro USA/yen giapponese è popolare grazie ai suoi bassi spread. I costi di trading per queste valute sono anche abbastanza bassi, il che si traduce in migliori profitti. L'alta liquidità di questa coppia significa che il trading è veloce ed economico.
  • Prevedibilità dei modelli di trading - Questo mercato è legato al trading di materie prime giapponesi, il che rende più facile prevedere i movimenti della valuta. Gli investitori devono guardare alle esportazioni attuali e al grande mercato globale per individuare potenziali strategie di trading.

Va notato che il trading di questa coppia ha le sue sfide. Lo Yen a volte fluttua rapidamente poiché è un'economia chiusa, e se un disastro naturale colpisce il paese, la devastazione dell'economia della nazione può essere decisiva e rapida, rendendo il trading di questa coppia un po' rischioso.

Parola finale

In conclusione, la coppia di valute USD/JPY è al secondo posto per liquidità. Il suo comportamento promette ai trader il volume e la volatilità necessari per ottenere profitti. Tuttavia, la concorrenza è feroce e una comprensione di tutte le forze di mercato in gioco sarà necessaria per affermare un vantaggio.

Avrai quindi bisogno di fare la tua analisi da esperto, usando grafici giornalieri, settimanali e storici interattivi per fare proiezioni accurate. Avrai anche bisogno di un broker che completi il tuo stile di trading. Tuttavia, se spunti queste caselle e usi le risorse descritte in questa pagina, generare profitti nel forex può essere una possibilità.