Menu

Anomalie nella teoria economica classica

Anomalie nella teoria economica classica

Le anomalie che si verificano regolarmente nella teoria economica classica hanno contribuito alla formazione della finanza comportamentale. Queste anomalie violano direttamente le moderne teorie finanziarie ed economiche che assumono un comportamento razionale e logico. Di seguito si riporta una breve sintesi di alcune delle anomalie riscontrate nella letteratura finanziaria.

L'effetto di gennaio

L'effetto di gennaio prende il nome dal fenomeno per cui il rendimento medio mensile per le piccole imprese è sempre più elevato in gennaio che in qualsiasi altro mese dell'anno. Ciò è in contraddizione con l'ipotesi di efficienza del mercato di Eugène Fama, che prevede che le azioni si muoveranno in un mercato casuale man mano che si rendono disponibili nuove informazioni.

Tuttavia, uno studio del 1976 di Michael S. Rozeff e William R. Kinney - "Capital Market Seasonality: The Case of Stock Returns" - hanno scoperto che dal 1904 al 1974 i rendimenti medi di gennaio per le piccole imprese sono stati di circa il 3,5%, mentre per gli altri mesi i rendimenti si sono avvicinati allo 0,5%. Ciò suggerisce che la performance mensile delle small cap segue un andamento relativamente costante, contrariamente a quanto previsto dalla teoria finanziaria convenzionale. Pertanto, un fattore non convenzionale (diverso dalla camminata casuale) deve creare questo modello regolare.

Una spiegazione è che l'aumento dei rendimenti in gennaio è il risultato di investitori che vendono azioni in perdita in dicembre per bloccare le loro perdite fiscali. Un rimbalzo si verificherebbe quindi in gennaio, quando gli investitori sono meno propensi a vendere. Le imposte di fine anno potrebbero in parte spiegare l'effetto di gennaio, ma non il fatto che il fenomeno esiste ancora in luoghi dove non ci sono imposte sulle plusvalenze. Questa anomalia dimostra che le teorie convenzionali non possono prendere in considerazione tutto ciò che accade nel mondo reale.

La maledizione del vincitore

Una delle ipotesi è che gli investitori e i trader sono abbastanza razionali da essere consapevoli del vero valore di un bene e fare offerte di conseguenza.

Tuttavia, anomalie come la maledizione del vincitore - una tendenza a superare il valore intrinseco di un oggetto acquistato all'asta - suggeriscono che non è così.

Le teorie razionali presuppongono che tutti i partecipanti coinvolti in una procedura di gara abbiano accesso a tutte le informazioni rilevanti per arrivare alla stessa valutazione. Tuttavia, le differenze nelle valutazioni dei prezzi suggeriscono che altri fattori non direttamente collegati al bene incidono sulla procedura di offerta.

Secondo l'articolo di Richard Thaler del 1988 sulla maledizione del vincitore, ci sono due fattori principali che minano la razionalità della procedura di gara: il numero di partecipanti e l'aggressività dell'offerta. Per esempio, se ci sono molti partecipanti coinvolti nel processo, significa che devi fare un'offerta più aggressiva per scoraggiare gli altri dal fare offerte più alte. Purtroppo, aumentando la vostra aggressività aumenta anche la probabilità che la vostra offerta vincente superi il valore effettivo del bene.

Prendiamo l'esempio dei potenziali acquirenti che fanno offerte per una casa. E 'possibile che le parti coinvolte possano essere razionali e consapevoli del reale valore della casa studiando le recenti vendite di case nella zona. Tuttavia, variabili che non hanno nulla a che fare con il bene (gare d'appalto aggressive e numero di offerenti) possono portare a errori nelle stime e portare a un prezzo di vendita superiore al valore reale dell'abitazione.

Premio per il rischio azionario

Il premio per il rischio azionario è un'altra anomalia studiata da accademici in finanza ed economia. Secondo il modello di determinazione del prezzo delle attività finanziarie, gli investitori con attività finanziarie più rischiose dovrebbero essere ricompensati con tassi di rendimento più elevati.

Studi hanno dimostrato che su un periodo di 70 anni le azioni offrono rendimenti mediamente superiori del 6-7% ai rendimenti dei titoli di Stato. I rendimenti azionari reali sono del 10%, mentre i rendimenti reali delle obbligazioni sono del 3%. Tuttavia, gli studiosi ritengono che un premio di rischio del 6% sia estremamente importante e significa che il rischio delle azioni è notevolmente superiore al rischio delle obbligazioni. I modelli economici tradizionali hanno stabilito che questo premio dovrebbe essere molto più basso. Questa mancanza di convergenza tra modelli teorici e risultati empirici è un ostacolo che impedisce agli accademici di spiegare perché il premio azionario è così alto.

La risposta della finanza comportamentale al puzzle del premio di rischio azionario ruota attorno alla tendenza della gente ad avere "una miopia di avversione alle perdite", una situazione in cui gli investitori - troppo preoccupati per gli effetti negativi delle perdite rispetto ad un importo equivalente di profitti - hanno una visione a breve termine di un investimento. Di conseguenza, l'attenzione degli investitori è focalizzata sulla volatilità del loro portafoglio azionario a breve termine. Non è raro che un titolo fluttui di qualche punto percentuale in un periodo di tempo molto breve, ma un investitore miope (a breve termine) potrebbe non reagire positivamente ai cambiamenti al ribasso. Si ritiene pertanto che le azioni debbano offrire un premio sufficientemente elevato da compensare la notevole avversione per le perdite dell'investitore. Pertanto, il premio è visto come un incentivo per i partecipanti al mercato a investire in azioni anziché in titoli di Stato non garantiti.

La teoria finanziaria tradizionale non tiene conto di tutte le situazioni che si verificano nel mondo reale. Ciò non significa che non è valido, ma piuttosto che l'aggiunta di finanza comportamentale può chiarire il funzionamento dei mercati finanziari.

Sintesi - Teoria della finanza comportamentale