Menu

L'indice FTSE 100 (Footsie) spiegato in dettaglio

FTSE-100

L'indice FTSE 100, o l'indice Financial Times Stock Exchange 100 per dargli il suo titolo completo, ha molti nomi tra cui FTSE 100, FTSE o anche Footsie. È un indice borsistico delle prime 100 società quotate alla Borsa di Londra che hanno la maggiore capitalizzazione di mercato. L'indice FTSE 100 è considerato il miglior indicatore della prosperità delle aziende che sono governate dal diritto societario britannico.

L'indice è mantenuto da una filiale del gruppo London Stock Exchange, il FTSE Group. Calcolato in tempo reale, viene pubblicato ogni 15 secondi quando il mercato è aperto.

La maggior parte delle 100 società del FTSE 100 sono società internazionali, quindi i movimenti di questo indice sono in realtà un indicatore abbastanza debole della salute dell'economia britannica. Un indicatore più realistico dell'economia britannica è il FTSE 250, poiché la proporzione di aziende internazionali in questo indice è molto più bassa. I costituenti del FTSE 100 sono decisi su base trimestrale nei mesi di marzo, giugno, settembre e dicembre, e i valori che vengono utilizzati per apportare eventuali modifiche all'indice sono presi alla chiusura degli affari la sera prima della revisione.

Aziende FTSE 100

Le aziende del FTSE 100 rappresentano poco più dell'80% della capitalizzazione di mercato della Borsa di Londra, e nonostante l'indice FTSE All-Share sia un indice più completo, il FTSE 100 è l'indicatore più utilizzato del mercato azionario britannico.

Le società del FTSE 100 devono soddisfare una serie di requisiti stabiliti dal FTSE Group, come una quotazione completa alla Borsa di Londra con un prezzo denominato in euro o sterline sul servizio di quotazione elettronica della borsa. Alcuni criteri devono anche essere soddisfatti in relazione al flottante, alla liquidità e alla nazionalità.

Conosciute come le "Blue Chip companies", le 100 aziende provengono da una serie di settori diversi, tra cui prodotti chimici, cibo e bevande, petrolio e gas, costruzioni e molti altri. Alcune delle aziende più note nel FTSE 100 includono:

  • AstraZeneca - una multinazionale britannico-svedese di prodotti farmaceutici e biofarmaceutici con sede globale a Cambridge
  • Avast - una multinazionale ceca di software per la sicurezza informatica con sede a Praga, Repubblica Ceca. Potresti anche essere un utente del loro software anti-virus!
  • BP (British Petroleum) - una multinazionale britannica del petrolio e del gas con sede a Londra
  • Lloyds Banking Group - un importante istituto finanziario britannico formato dall'acquisizione di HBOS da parte di Lloyds TSB nel 2009
  • Rolls-Royce Holdings - una multinazionale britannica di ingegneria che possiede Rolls-Royce ed è il secondo più grande produttore di motori aerei nel mondo
  • Tesco - una multinazionale britannica di prodotti alimentari e merci generiche - il terzo più grande rivenditore al mondo

Una breve storia del FTSE 100

L'indice FTSE 100 è stato istituito per la prima volta nel 1984, con un livello base di 1.000. Durante il boom delle dot-com dei primi anni 2000, ha raggiunto un picco di oltre 6.930, ma poi è sceso a circa 4.434 a causa della crisi dei sub-prime negli Stati Uniti nel 2008. Ad oggi (09/01/2021), il più alto valore di chiusura dell'indice è 7.904, raggiunto il 22 maggio 2018.

Negli anni dalla sua concezione, i costituenti del FTSE 100 sono cambiati drasticamente, attraverso numerose acquisizioni, fusioni e sparizioni di società, il che è servito solo a sottolineare lo scopo principale dell'indice, che è quello di agire come misura dell'attività economica del mercato. Molti componenti dell'indice hanno anche cambiato nome, per esempio Midland Bank, ora chiamata HSBC, e British Gas, ora chiamata BG Group e Centrica.

Il livello dell'indice FTSE 100 ha un effetto sulla maggior parte delle persone nel Regno Unito, che siano investitori o meno. Questo perché la maggior parte dei fondi pensione sono investiti in azioni del Regno Unito e quindi la performance dell'indice avrà un effetto diretto sul livello di rendimento ricevuto.

L'indice FTSE 100 riflette anche gli attuali eventi internazionali ed economici, e spesso cade in risposta alla caduta dei mercati in tutto il mondo. Il primo maggior calo percentuale in un solo giorno fu il 20 ottobre 1987, il giorno dopo il "lunedì nero", quando scese del 12,22%.

In tutta la sua storia, c'è stato solo un giorno in cui l'indice FTSE 100 non è stato calcolato. Era il 16 ottobre 1987, il giorno dopo che un uragano aveva causato il caos nel sud dell'Inghilterra, e c'erano troppo pochi operatori di mercato al lavoro per aprire i prezzi delle azioni sul sistema di trading della LSE.

Grafico del FTSE 100 dal suo inizio nel 1984

Grafico del FTSE 100

La scelta dei costituenti del FTSE 100

È imperativo che i membri costitutivi dell'indice FTSE 100 riflettano le prime 100 società quotate alla Borsa di Londra, e quindi i cambiamenti alla lista sono fatti ogni trimestre. Tuttavia, se tra queste riunioni trimestrali ha avuto luogo un'acquisizione o una fusione che interesserebbe le società del FTSE 100, l'indice viene modificato di conseguenza. La revisione del FTSE 100 è semplice: tutte le società quotate alla Borsa di Londra e idonee ad essere incluse in uno degli indici FTSE UK sono classificate in ordine di capitalizzazione di mercato o dimensione. La classifica è calcolata moltiplicando il numero di azioni emesse da una società per il suo prezzo corrente delle azioni.

Un comitato di esperti di mercato indipendenti si riunisce quattro volte all'anno, a marzo, giugno, settembre e dicembre, per considerare quali società dovrebbero essere aggiunte, rimosse o mantenute nell'indice FTSE 100. Per esempio, se una società è elencata nel FTSE 250 e poi sale fino a prendere un posto tra i primi 90, le è permesso di entrare nel FTSE 100; e viceversa, se una società del FTSE 100 scende sotto la 111a posizione, allora scende nel FTSE 250 e viene rimossa dalla lista del FTSE 100.

Un sistema di fasce è in atto per garantire che ogni revisione non veda troppi cambiamenti, poiché l'indice deve essere mantenuto relativamente stabile in modo che gli investitori non siano regolarmente costretti a fare cambiamenti costosi ed eccessivi al loro portafoglio di investimenti. A volte non vengono apportate modifiche all'indice durante una riunione di revisione; tuttavia, in alcune occasioni, come durante la bolla dot-com, la volatilità del mercato ha fatto sì che molte società si siano spostate dentro e fuori l'indice ad ogni riunione del consiglio.

Investire nel FTSE100 con i fondi indicizzati

Gli Exchange traded funds (ETF) sono uno dei prodotti d'investimento in più rapida crescita nel mondo.

Gli ETF sono comprati e venduti in borsa come le azioni ordinarie. Gli ETF contengono tipicamente un portafoglio di titoli progettati per tracciare indici specifici.

La maggior parte degli ETF traccia indici di mercato pubblicati che rappresentano un'ampia diversificazione di titoli per un investitore. Questi ETF comprano azioni di ogni azienda in proporzione all'indice. L'obiettivo dell'ETF è quello di riflettere la performance di quel gruppo di società nell'indice. Pertanto, il valore delle azioni dell'ETF deve muoversi in linea con l'indice monitorato. Per esempio, un aumento del 2% dell'indice FTSE100 dovrebbe tradursi in un aumento di circa il 2% (prima delle commissioni e delle tasse) nell'iShares Core FTSE 100 UCITS ETF (ISF).

Ecco tre ETF che puoi comprare con un agente di cambio come DEGIRO:

  • iShares Core FTSE 100 UCITS ETF (ISF)
  • Vanguard FTSE 100 UCITS ETF (VUKE)
  • HSBC FTSE 100 UCITS ETF GBP (HUKX)

Trading sull'indice FTSE100 con un broker di CFD

I contratti per differenza (CFD) offrono vantaggi per il trading attivo, ma sono più rischiosi e quindi destinati a trader sofisticati. Con un CFD, puoi scommettere sul rialzo o sul ribasso dell'indice con una leva di 1:20 che aumenta il potenziale di profitto o di perdita.

Ecco una selezione di broker CFD per il trading del FTSE100:

I valori in questa tabella sono indicativi e possono essere cambiati da quando questo articolo è stato scritto. Solo le informazioni fornite sui siti web dei broker sono aggiornate regolarmente.

Brokers CFD su indiciLeva Spread DAX40Spread Dow Jones
251:20~ 0.8 pips~ 0.8 pips
36 1:20~ 1 pip ~ 2 pips
201:20~ 1 pip~ 2.5 pips
20 1:20 ~ 1.5 pips ~ 3 pips
141:20~ 1 pip~ 2 pips
381:20~ 2 pips~ 2.4 pips
27 1:20 ~ 0.8 pip ~ 2 pips
Il trading di CFD comporta un significativo rischio di perdita, quindi non è adatto a tutti gli investitori (il 74-89% dei conti degli investitori al dettaglio perdono denaro nel trading di CFD).