Menu

Broker di CFD

AvaTrade  Admiral Markets

XM  IG

XTB  Plus500

Pepperstone  ActivTrades

Trading Sociale

darwinex  ZuluTrade

Criptovaluta

Binance  Coinhouse

Bitpanda

Conto finanziato

FundedNext  FTMO

E8  The 5%ers

City Traders Imperium  

Come funzionano gli ETF con leva?

ETF con leva

Gli ETF a leva mirano a mantenere un fattore di leva costante, ad esempio 2x o 3x, rispetto alla performance dell'indice sottostante.

Questo azzeramento giornaliero garantisce una spinta prevedibile ai rendimenti per i trader a breve termine.

Ma può portare a deviazioni significative dalla performance attesa su periodi più lunghi a causa degli effetti di capitalizzazione.

Punti chiave da ricordare:

Obiettivo e struttura

  • Gli ETF a leva mirano a generare multipli (ad esempio 2x, 3x) dei rendimenti giornalieri di un indice di riferimento utilizzando strumenti finanziari derivati e prestiti.

Meccanismo di reset giornaliero

  • Gli ETF a leva vengono azzerati quotidianamente per mantenere il loro rapporto di leva.
  • Ciò avvantaggia i trader a breve termine amplificando i guadagni, ma può portare a deviazioni significative dall'indice su periodi più lunghi a causa degli effetti di composizione.

Effetti di composizione e volatilità

  • La composizione giornaliera può portare a un "deterioramento della performance" durante i periodi di volatilità del mercato.
  • In genere non sono adatti per investimenti a lungo termine.

Pubblico target

  • Questi ETF sono pensati per i day trader sofisticati a causa della loro natura a breve termine e del loro livello di rischio.

Rischio e spese

  • Gli ETF a leva comportano rischi e spese più elevati rispetto agli ETF tradizionali, che possono erodere i rendimenti nel tempo.

Panoramica degli ETF con leva finanziaria

Cosa sono gli ETF con leva?

Gli ETF con leva sono versioni potenziate degli ETF tradizionali.

Il loro obiettivo è quello di produrre un multiplo del rendimento giornaliero dell'indice che seguono, di solito un indice di mercato come l'S&P 500.

Quindi un ETF con leva 3x cercherà di generare tre volte il guadagno (o la perdita) giornaliero di quell'indice.

Esistono anche diverse varianti, come la leva 1,25x, 1,5x, 1,75x, 2x e 3x.

Come funzionano?

Per ottenere questo rendimento amplificato, utilizzano una combinazione di strumenti finanziari derivati (opzioni e futures, ad esempio) e denaro preso in prestito (linee di credito).

Questo effetto leva è a doppio taglio: amplifica i guadagni, ma anche le perdite.

Riequilibri giornalieri

Gli ETF a leva riequilibrano quotidianamente le loro partecipazioni per mantenere questo multiplo target.

Questo è un aspetto positivo per i day trader, che entrano ed escono rapidamente dalle posizioni.

Ma per gli investitori a lungo termine può portare a un fenomeno noto come "ritardo di rendimento".

Questo perché la composizione giornaliera dei rendimenti può far sì che la performance dell'ETF diverga di un semplice multiplo rispetto all'indice su periodi più lunghi.

A chi sono rivolti?

Gli ETF a leva sono pensati principalmente per i trader più sofisticati.

Possono essere utilizzati per speculazioni a breve termine, per la copertura o come parte di strategie più complesse.

Non sono consigliati per investimenti buy-and-hold o per operazioni a lungo termine.

Punti chiave da ricordare

Questi ETF sono complessi e comportano rischi significativi.

È importante capire come funzionano prima di utilizzarli.

Non lasciatevi sedurre dalla promessa di enormi guadagni: il potenziale di perdita è altrettanto grande.

Esempio di decadimento della performance di un ETF con leva finanziaria

Come già accennato, gli ETF a leva sono particolarmente negativi per qualsiasi periodo superiore a un giorno a causa del decadimento temporale o del tracking error.

Se vengono utilizzati per scopi diversi dal day trading, devono essere trattati con cautela.

I loro valori vengono ricalcolati ogni giorno di negoziazione.

Le percentuali sono più importanti del valore dell'indice.

Se il valore di un indice scende del 20%, è necessario un guadagno del 25% per compensare le perdite, il che è quanto riflettono gli ETF a leva.

Esempio

Ad esempio, se un indice scende da 100 a 99, perde l'1% del suo valore.

Se il giorno successivo l'indice sale a 100, il guadagno è dell'1,01%.

Un ETF con leva 2x dell'indice sottostante scenderebbe del 2% da 100 a 98. Il giorno successivo, l'ETF perderebbe l'1% del suo valore.

Il giorno successivo, l'ETF dovrebbe salire del 2,02% per tenere il passo dell'indice (2 moltiplicato per il guadagno dell'1,01%).

Tuttavia, seguendo l'azzeramento giornaliero, facendo i conti, prendendo 98 moltiplicato per il 2,02%, si ottiene solo 99,98.

I successivi movimenti di prezzo aggravano questo errore di tracciamento.

Una maggiore volatilità porta a uno spread più ampio.

Questo è il motivo per cui questi ETF a leva presentano un modello di disintegrazione naturale che distorce la loro capacità di riflettere efficacemente ciò che dovrebbero tracciare nel lungo termine, ossia oltre un giorno. O qualunque sia il periodo di reset.

Se il mercato scende e siete lunghi su un ETF a leva 2x o 3x, guadagnerete di più che se siete corti su un ETF S&P 500 a leva 3x come SPXU.

Ma non sarà il 3x che molti pensano di ottenere, a meno che non si limiti il periodo di detenzione a un solo giorno.

Il vantaggio di questi titoli, tuttavia, è che possono essere negoziati su un conto azionario ordinario per coloro che non hanno conti in futures e opzioni.

Tuttavia, le varietà a leva dovrebbero essere evitate per chi ha periodi di detenzione superiori a un giorno, a causa del tracking error che ne deriva.

Gli ETF di base 1x, come SPY o VOO, tendono a essere economici in termini di rapporto spese/prezzo.

Gli ETF a leva tendono a essere più costosi, con un rapporto di spesa più elevato.

SPY vs. SSO

SPY è un ETF 1x standard che segue l'andamento dell'S&P 500.

SSO è un ETF a leva 2x giornaliero.

Guardando ai rendimenti annualizzati, SSO ha battuto SPY nel tempo (questi rendimenti coprono la crisi finanziaria del 2008 e la flessione di Covid del 2020).

Tuttavia, si può notare che la deviazione standard è circa il doppio, ma non i rendimenti. I rendimenti sono superiori solo del 30% circa (13,33% rispetto al 10,09%).

SPY vs. SSO

SPY (in alto) vs. SSO (in basso) : Rendimenti e volatilità

Gli SPY sono sconsigliati agli investitori con periodi di detenzione di diversi giorni, in quanto non sono remunerati per il rischio aggiuntivo che si assumono.

Punti chiave

Gli ETF a leva sono progettati per ottenere performance giornaliere.

Se non li si gestisce attivamente, si lascia essenzialmente il proprio denaro in uno strumento che si azzera ogni giorno.

È quindi importante sapere a cosa si va incontro.

Vantaggi di puntare ai rendimenti su base giornaliera

Coerenza

Il reset giornaliero è come una promessa.

Sapete che ogni giorno l'ETF mira a produrre un multiplo specifico del rendimento dell'indice sottostante.

Questo crea un certo livello di prevedibilità.

Vantaggio del trading a breve termine

Se si entra e si esce nell'arco di un giorno o di pochi giorni, gli effetti di composizione a lungo termine diventano meno importanti.

Strumento di copertura preciso

Gli ETF a leva possono essere utilizzati per coprire altre posizioni in portafoglio.

Ad esempio, se detenete un ETF a grande capitalizzazione e temete una flessione del mercato a breve termine, potete acquistare una piccola quantità di un ETF a leva inversa per compensare le potenziali perdite.

Non per tutti

Anche quando il mercato è favorevole, la capitalizzazione può essere imprevedibile su lunghi periodi.

Azzeramento giornaliero della leva e azzeramento mensile della leva

Alcuni fondi a leva - soprattutto fondi comuni - utilizzano azzeramenti mensili della leva piuttosto che giornalieri per ridurre gli effetti negativi della capitalizzazione giornaliera sui rendimenti dei trader in periodi più lunghi.

Gli azzeramenti giornalieri sono tipici per mantenere il fattore di leva (ad esempio 2x o 3x) su base giornaliera, il che è ideale per i trader giornalieri a breve termine che cercano di capitalizzare i movimenti di mercato a breve termine.

Ma per i trader e gli investitori che mantengono le posizioni per periodi più lunghi, l'azzeramento giornaliero comporta un "decadimento della volatilità" o un "rallentamento della volatilità".

Come abbiamo visto, ciò si verifica perché la performance dell'ETF o dell'ETN può discostarsi significativamente dal multiplo di leva previsto dell'indice sottostante a causa degli effetti della capitalizzazione giornaliera nei mercati volatili.

Azzerando la leva su base mensile, questi strumenti finanziari cercano di ridurre l'impatto delle fluttuazioni giornaliere del mercato e di fornire un profilo di rendimento più strettamente allineato al multiplo di leva previsto nel lungo periodo.

Questo approccio è interessante per i trader/investitori con un orizzonte di medio termine che desiderano beneficiare della leva finanziaria, ma sono preoccupati per la potenziale erosione dei rendimenti dovuta ai frequenti azzeramenti.

Tuttavia, i rendimenti subiscono sempre lo stesso tipo di deterioramento.

Esempio

Analizziamo il QQQ (ETF Nasdaq) rispetto al RMQAX, un fondo comune di investimento Nasdaq a doppia leva con ribilanciamento mensile di Guggenheim.

QQQ (ETF Nasdaq) rispetto al RMQAX

QQQ (in alto) vs. RMQAX (in basso) : Rendimenti e volatilità

Si può notare che i rendimenti rispetto al rischio sono abbastanza vicini (67% di rendimento in più per un rischio doppio), almeno rispetto all'esempio di reset giornaliero di cui sopra.

Ma... :

La storia dei rendimenti è solo la metà di quella dello SPY rispetto all'SSO per il periodo che abbiamo studiato.

Sebbene il reset mensile riduca il ritardo, esso è ancora presente.

Rischi associati agli ETF a leva

Ecco alcuni rischi importanti da tenere presenti con gli ETF a leva:

La volatilità è il nome del gioco

Se da un lato il reset giornaliero offre coerenza, dall'altro amplifica la volatilità.

Se il mercato oscilla selvaggiamente verso l'alto e verso il basso, anche il vostro ETF con leva si troverà sulle montagne russe, ma con una caduta maggiore nei ribassi.

Questo può ridurre i vostri rendimenti nel tempo.

Diminuzione

Il temuto "freno alla volatilità".

Come già accennato, questo fenomeno si verifica quando l'indice sottostante subisce bruschi alti e bassi.

Anche se alla fine l'indice torna al punto di partenza in un certo periodo di tempo, l'ETF a leva può perdere valore a causa del funzionamento della capitalizzazione giornaliera.

È come fare un passo avanti e due indietro, ancora e ancora.

Più lungo è il periodo di detenzione, maggiore è il rischio

Gli ETF a leva sono progettati per il trading a breve termine.

Più a lungo li si detiene, più si è esposti ai rischi della volatilità e del deprezzamento.

Nel corso di settimane o mesi, i risultati potrebbero non essere quelli attesi sulla base di un semplice multiplo del rendimento dell'indice.

Non sottovalutare i costi

Gli ETF a leva hanno generalmente un rapporto di spesa più elevato rispetto agli ETF ordinari.

Queste commissioni possono sembrare piccole, ma possono aumentare e intaccare i vostri rendimenti, soprattutto se li detenete per lunghi periodi.

Uso di ETF a leva

Day trading

Il trading speculativo è il caso d'uso più comune.

Questi ETF sono come il carburante per le scommesse a breve termine.

Un ETF con leva può amplificare notevolmente i guadagni (o le perdite).

Sono molto rischiosi e molto redditizi.

Timing del mercato

Poiché si azzerano quotidianamente, gli ETF con leva sono perfetti per chi cerca di temporizzare il mercato.

È possibile acquistare prima di una mossa anticipata e vendere rapidamente per catturare il rendimento amplificato.

Non si tratta di una strategia buy-and-hold, ma piuttosto di una strategia di trading attivo che si basa sulla volatilità.

Strategie di copertura

Supponiamo di avere un portafoglio diversificato, ma di essere preoccupati per una flessione a breve termine in un particolare settore.

Un ETF inverso con leva (che sale quando l'indice scende) può fungere da contrappeso per compensare le potenziali perdite.

Non si tratta di una copertura raccomandata a lungo termine, per le ragioni già esposte.

Allocazione tattica

Alcuni trader esperti utilizzano gli ETF a leva per l'asset allocation tattica.

Si tratta di adeguare temporaneamente la propria esposizione a determinate classi di attività in base alle aspettative.

Si tratta di un approccio più sfumato rispetto alla pura speculazione, ma che richiede un'attenta gestione dei tempi e dei rischi.

Una parola di cautela

A causa dell'effetto compounding, gli ETF a leva non sono adatti per essere detenuti a lungo termine.

Se non gestite attivamente le vostre posizioni e non seguite attentamente il mercato, potreste trovarvi in una posizione peggiore rispetto a quella in cui vi sareste trovati se aveste semplicemente acquistato un ETF tradizionale.

Considerazioni normative e strutturali

I cani da guardia

Le autorità di regolamentazione, come la Securities and Exchange Commission (SEC), tengono sotto controllo gli ETF a leva.

Questi prodotti sono soggetti a rigorosi requisiti di trasparenza e correttezza.

Divulgazione del fattore di leva

Gli ETF devono indicare chiaramente il loro fattore di leva (ad esempio 2x o 3x) e il modo in cui è stato ottenuto.

Dovreste essere in grado di trovare informazioni dettagliate sugli strumenti finanziari specifici che utilizzano (come i derivati) e sul loro metodo di ribilanciamento giornaliero.

Queste informazioni sono solitamente contenute nel prospetto e nella scheda informativa dell'ETF.

Controlli regolari

Non si tratta di un'operazione una tantum.

Gli ETF a leva sono tenuti a fornire aggiornamenti regolari sulle loro partecipazioni e sulla loro performance.

Ciò consente agli operatori di verificare se l'ETF sta seguendo fedelmente il suo multiplo target e di valutare i rischi potenziali.

Avvisi

Le autorità di regolamentazione emettono spesso avvisi per evidenziare i rischi unici associati agli ETF a leva.

In genere, questi avvisi sottolineano che questi prodotti non sono adatti alla detenzione a lungo termine a causa della capitalizzazione e della volatilità.

La formazione è essenziale

Prima di negoziare un ETF a leva, è importante effettuare una ricerca approfondita sul prodotto e comprendere i rischi connessi.

Non affidatevi solo al materiale di marketing o ai titoli appariscenti.

Leggete il prospetto informativo, consultate fonti indipendenti e, in caso di dubbio, rivolgetevi a un consulente finanziario.

Conclusione

Gli ETF a leva puntano a multipli dei rendimenti giornalieri degli indici (ad esempio 2x, 3x). La maggior parte sono lunghi, ma alcuni sono anche corti (ad esempio, -2x, -3x).

Utilizzano strumenti finanziari derivati e denaro preso a prestito.

Gli azzeramenti giornalieri mantengono il fattore di leva target.

Adatti per il trading a breve termine, ma non per la detenzione a lungo termine.

Rischio di spread elevati a causa dell'effetto compounding.

Confronto di agenti di borsa

Brokers
Commissioni di intermediazione Azioni Nessuna commissione per un volume massimo mensile di 100.000 euro e poi 0,20%.
Conto demo
La nostra opinioneTrading senza commissioni, ma con una scelta di titoli limitata a 3.289 azioni e 358 ETF.
  XTB
L'investimento comporta un rischio di perdita