Menu

Broker di CFD

AvaTrade  Admiral Markets

XM  IG

XTB  Plus500

Pepperstone  ActivTrades

Trading Sociale

darwinex  ZuluTrade

Criptovaluta

Binance  Coinhouse

Bitpanda

Conto finanziato

FundedNext  FTMO

E8  The 5%ers

City Traders Imperium  

Che cos'è un ETF sintetico?

ETF sintético

Gli ETF sintetici si distinguono dagli ETF tradizionali per il fatto che non possiedono le attività reali che tracciano.

Utilizzano invece strumenti derivati come gli swap per replicare la performance di un particolare indice, come l'S&P500.

Si tratta di uno specchio che riflette i movimenti di un indice, piuttosto che di un paniere che contiene direttamente tutti i suoi componenti.

Punti chiave:

Maggiore efficienza fiscale

  • Gli ETF sintetici spesso evitano la ritenuta fiscale sui dividendi.
  • Ciò può migliorare i rendimenti netti per gli investitori.

Riduzione dell'errore di tracciamento

  • Questi ETF generalmente seguono più da vicino i rispettivi indici grazie all'uso di derivati come gli swap.
  • Ciò li rende un'opzione interessante per i trader in cerca di precisione.

Considerazione del rischio di controparte

  • Sebbene offrano dei vantaggi, gli ETF sintetici presentano un rischio di controparte a causa della loro dipendenza da accordi di swap con istituzioni finanziarie.

ETF fisici ed ETF sintetici

Diamo uno sguardo agli ETF tradizionali.

ETF fisici

Gli ETF tradizionali, o fisici, fanno esattamente ciò che suggerisce il loro nome: acquistano e detengono le attività sottostanti.

È semplice, ma può presentare degli svantaggi, come i costi più elevati dovuti alle commissioni di intermediazione e la possibilità di trattenere le imposte sui dividendi.

ETF sintetici

Gli ETF sintetici, invece, evitano queste imposte sui dividendi e spesso hanno rapporti di spesa più bassi.

Ma non sono privi di rischi.

La loro performance dipende dalla capacità della controparte swap di coprire la propria quota di mercato.

Anche se non è frequente, l'inadempienza della controparte può causare problemi.

La scelta tra questi due tipi di strumenti dipende dalle esigenze individuali e dalla tolleranza al rischio.

Come funzionano gli ETF sintetici

Invece di acquistare e detenere direttamente gli asset, utilizzano l'ingegneria finanziaria per replicare la performance di un indice.

Ecco come funziona:

Contratto di swap

Il fornitore dell'ETF stipula un contratto di swap con una controparte, di solito un grande istituto finanziario.

Garanzia

Il fornitore di ETF non si limita a credere alla parola della controparte.

Richiede una garanzia, di solito sotto forma di un paniere di titoli.

Questa garanzia funge da rete di sicurezza nel caso in cui la controparte non rispetti l'accordo di swap.

Creazione e rimborso

Questo processo coinvolge i partecipanti autorizzati (PA).

Essi creano nuove azioni dell'ETF consegnando il paniere di garanzie al fornitore dell'ETF, che poi emette nuove azioni.

Viceversa, i partecipanti autorizzati possono riscattare le quote dell'ETF restituendole al fornitore e ricevendo in cambio il paniere di garanzie.

Swap e derivati

Il contratto di swap alla base di un ETF sintetico è un tipo di derivato.

Il suo valore deriva dalla performance dell'indice sottostante.

Nelle strutture degli ETF sintetici possono essere utilizzati anche altri derivati, come i futures e le opzioni.

Tutto sommato

Tutto ciò sembra complesso, ma si riduce a questo: Gli ETF sintetici utilizzano strumenti finanziari per replicare la performance di un indice senza detenere le attività sottostanti.

Si tratta di un'abile soluzione che può offrire vantaggi quali costi inferiori e potenziali vantaggi fiscali.

Ma comporta anche dei rischi, legati soprattutto all'affidabilità creditizia della controparte swap.

Vantaggi degli ETF sintetici

Efficienza fiscale

L'efficienza fiscale è il vantaggio principale, in particolare per le azioni internazionali.

Gli ETF sintetici spesso evitano le ritenute sui dividendi che possono influire sui rendimenti degli ETF fisici.

Questo può portare a un significativo aumento della performance nel tempo.

Efficienza dei costi

Gli ETF sintetici non devono sostenere i costi di acquisto e di detenzione delle attività sottostanti.

Ciò riduce le commissioni di transazione e gli altri costi operativi e consente di risparmiare.

Errore di tracciamento

Gli ETF sintetici utilizzano strumenti derivati come gli swap, che possono replicare più accuratamente la performance di un indice senza la necessità di ribilanciare fisicamente le partecipazioni.

Questo riduce al minimo il tracking error e migliora la performance rispetto all'indice.

Complessivamente

Ad esempio, un ETF sintetico sull'indice S&P 500 potrebbe sovraperformare la sua controparte fisica evitando le ritenute fiscali sui dividendi e seguendo più da vicino l'indice.

Questi vantaggi possono sembrare piccoli, ma nel tempo possono fare una differenza sostanziale nei vostri rendimenti.

Rischi e considerazioni

Rischio di controparte

Il rischio più significativo associato agli ETF sintetici è il rischio di controparte.

Se la controparte - di solito una grande banca o istituzione finanziaria - non rispetta i propri obblighi, l'ETF e i suoi trader/investitori potrebbero trovarsi nei guai.

Nel peggiore dei casi, potreste perdere parte o tutto il vostro investimento.

I fornitori di ETF sono ben consapevoli di questo rischio e adottano misure per mitigarlo. Spesso lavorano con diverse controparti, il che contribuisce a distribuire il rischio.

Richiedono inoltre una garanzia, di solito sotto forma di un paniere di titoli, per coprire le potenziali perdite. Questa garanzia funge da cuscinetto, riducendo la vostra esposizione alla salute finanziaria della controparte.

Errore di tracciamento

Un altro rischio da considerare è il tracking error. Sebbene gli ETF sintetici spesso seguano più da vicino gli indici degli ETF fisici, ciò non è sempre garantito.

Possono verificarsi discrepanze dovute a fattori quali il prezzo degli swap, la performance del collaterale o altre variazioni.

La trasparenza

Anche la trasparenza può essere un problema.

La struttura degli ETF sintetici può rendere più difficile capire esattamente cosa si sta negoziando.

È importante leggere attentamente il prospetto informativo e comprendere i rischi specifici che comporta.

Gli ETF sintetici sono quindi più rischiosi degli ETF fisici?

Non necessariamente. Ma comportano una serie di rischi diversi di cui è necessario essere consapevoli.

È importante comprendere questi rischi e scegliere fornitori affidabili con solide pratiche di gestione del rischio.

Ambiente normativo

Gli ETF sintetici sono soggetti a un rigoroso quadro normativo volto a proteggere gli investitori e a garantire la stabilità del mercato.

La comprensione delle principali normative permette di capire meglio il funzionamento di questi ETF e le misure di salvaguardia adottate.

Europa

In Europa, gli ETF sintetici sono disciplinati principalmente dalle normative UCITS (Organismi di Investimento Collettivo in Valori Mobiliari).

Questo quadro normativo stabilisce regole per ogni aspetto, dalle strategie di investimento alla gestione del rischio. Cerca di creare condizioni di parità per tutti i fondi UCITS, compresi gli ETF.

Gli OICVM si concentrano sulla diversificazione e sulla riduzione del rischio.

Gli ETF sintetici devono ripartire il rischio di controparte lavorando con diverse controparti e non possono investire più del 10% del loro patrimonio con una sola controparte.

Non possono investire più del 10% del loro patrimonio con una sola controparte, il che contribuisce a proteggere gli operatori in caso di inadempienza di una delle controparti.

Un altro elemento è la trasparenza. Gli ETF sintetici devono rendere noti agli investitori i loro accordi di swap, le garanzie che detengono e le informazioni sulle controparti. Ciò consente ai partecipanti all'ETF di valutare i rischi connessi e di prendere decisioni informate.

USA

Negli Stati Uniti, il panorama normativo è leggermente diverso. La Securities and Exchange Commission (SEC) è stata più cauta nei confronti degli ETF sintetici, soprattutto a causa delle preoccupazioni sul rischio di controparte.

Inoltre, richiede informazioni dettagliate sulla natura dei derivati sottostanti e sull'identità delle controparti.

Analisi della performance

In termini di performance, la differenza tra ETF sintetici e fisici non è sempre evidente.

Dipende da una serie di fattori, tra cui l'ETF in questione, le attività sottostanti, le condizioni di mercato, il luogo in cui vi trovate e gli effetti di arbitraggio fiscale.

Per ETF altrimenti equivalenti - ad esempio CSPX vs VOO o CSPX vs SPY - i rapporti di spesa e le ritenute fiscali sui dividendi possono avere un impatto sui rendimenti a lungo termine.

CSPX vs VOO o CSPX vs SPY

In alcuni casi, gli ETF fisici possono superare gli ETF sintetici, in particolare nei mercati in cui le ritenute fiscali sui dividendi non sono un problema importante.

In altre giurisdizioni, i risparmi fiscali derivanti dalla struttura basata su swap possono essere più interessanti.

Per i trader più attivi, l'ETF fisico più popolare potrebbe avere una performance migliore grazie alla sua maggiore liquidità.

In definitiva, il modo migliore per confrontare le performance è quello di esaminare il track record a lungo termine di alcuni ETF.

Confrontate i loro rendimenti con quelli del loro benchmark e tenete conto di fattori quali i rapporti di spesa e le implicazioni fiscali.

Confronto di agenti di borsa

Brokers
Commissioni di intermediazione Azioni Nessuna commissione per un volume massimo mensile di 100.000 euro e poi 0,20%.
Conto demo
La nostra opinioneTrading senza commissioni, ma con una scelta di titoli limitata a 3.289 azioni e 358 ETF.
  XTB
L'investimento comporta un rischio di perdita

Domande frequenti - ETF sintetici

Quali sono i potenziali vantaggi dell'utilizzo di ETF sintetici rispetto agli ETF fisici?

Gli ETF sintetici offrono i seguenti vantaggi principali rispetto alle loro controparti fisiche:

  • Efficienza fiscale - Spesso evitano le ritenute fiscali sui dividendi, in particolare per le azioni internazionali, con conseguenti rendimenti potenzialmente più elevati.

Quali sono le implicazioni fiscali dell'investimento in ETF sintetici?

Le implicazioni fiscali degli ETF sintetici possono variare a seconda della giurisdizione e della struttura specifica dell'ETF.

Tuttavia, un potenziale vantaggio è rappresentato dalla possibilità di evitare la ritenuta fiscale sui dividendi, che in alcuni casi può tradursi in rendimenti più elevati al netto delle imposte.

Si consiglia di consultare un consulente fiscale per comprendere le implicazioni fiscali specifiche della propria situazione.

Quali sono gli esempi di classi di attività per le quali gli ETF sintetici possono essere più adatti degli ETF fisici?

Gli ETF sintetici possono essere più adatti a classi di attività quali :

  • Materie prime - La replica fisica può essere complessa e costosa per le materie prime, rendendo gli ETF sintetici un'opzione più efficiente.
  • Azioni internazionali - Gli ETF sintetici possono evitare la ritenuta fiscale sui dividendi in alcuni mercati, il che li rende interessanti per l'esposizione internazionale.
  • Reddito fisso - La replica sintetica può essere utilizzata per seguire in modo efficiente indici obbligazionari complessi o per ottenere un'esposizione a segmenti specifici del mercato del reddito fisso.