Menu

Broker di CFD

AvaTrade  Admiral Markets

XM  IG

XTB  Plus500

Pepperstone  ActivTrades

Trading Sociale

darwinex  ZuluTrade

Criptovaluta

Binance  Coinhouse

Bitpanda

Conto finanziato

FundedNext  FTMO

E8  The 5%ers

City Traders Imperium  

È necessario un QI elevato per avere successo nel trading?

QI elevato per avere successo nel trading

Il trading, nelle sue varie forme, può essere un'attività molto redditizia.

L'idea prevalente è che sia necessario un alto livello di intelligenza (o "QI") per avere successo nel trading.

La realtà, tuttavia, è molto più sfumata.

Analizziamo il ruolo dell'intelligenza e del QI nel trading e stabiliamo cosa conta davvero per avere successo in questo campo.

Risultati principali: Quanto deve essere intelligente un trader per avere successo?

  • Il successo di un trader non dipende solo dall'intelligenza tradizionale, ma anche da intelligenza emotiva, intelligenza del rischio, conoscenza, esperienza, disciplina e coerenza.
  • Il pensiero creativo, la visione, l'intuizione, la sintesi, la generazione di idee e il processo decisionale efficace sono abilità essenziali che possono dare ai trader un vantaggio sul mercato. Sono inoltre sempre più importanti quando si sale di livello in un'organizzazione e quando si avvia un'attività.
  • Per avere successo a lungo termine, può essere più importante alzare il tiro, cioè migliorare le proprie prestazioni peggiori ed essere costanti, piuttosto che concentrarsi esclusivamente sull'innalzamento del proprio tetto o sul superamento dei limiti delle proprie prestazioni migliori.

Intelligenza tradizionale: è sufficiente?

Per prima cosa, analizziamo il ruolo dell'intelligenza tradizionale.

Secondo molte definizioni, l'intelligenza si riferisce spesso alla capacità di una persona di apprendere, comprendere e applicare le conoscenze.

In uno studio del 2011 pubblicato sul Journal of Finance, Grinblatt, Keloharju e Linnainmaa hanno rilevato che:

Gli investitori con un elevato quoziente intellettivo hanno maggiori probabilità di detenere fondi comuni di investimento e un maggior numero di azioni, hanno una minore esposizione al rischio e un rapporto Sharpe più elevato.

In uno studio del 2012 degli stessi autori sull'intelligenza e la performance di trading, è emerso che :

Controllando per una serie di fattori, si scopre che gli investitori con un elevato QI sono meno inclini all'effetto di disposizione, più aggressivi nel trading di perdite fiscali e più propensi a fornire liquidità quando le azioni raggiungono i massimi di un mese. Gli investitori con un elevato quoziente intellettivo dimostrano anche una migliore tempistica di mercato, selezione dei titoli ed esecuzione delle operazioni.

Correlato: L'effetto disposizione nella finanza comportamentale

Intelligenza emotiva: un fattore chiave per il successo nel trading

L'intelligenza emotiva, ovvero la capacità di gestire le proprie emozioni e quelle degli altri, svolge un ruolo importante anche nel trading.

Uno studio del 2014 di Wang et al. ha dimostrato che la reattività emotiva può avere un impatto negativo sulla performance di trading.

Hanno concluso che:

I risultati hanno mostrato che (a) le emozioni positive degli investitori sono correlate positivamente con i rendimenti degli investimenti in un mercato che aumenta unilateralmente i prezzi, e l'effetto moderatore dell'estroversione è significativo; (b) le emozioni negative degli investitori sono correlate negativamente con i rendimenti degli investimenti in un mercato che diminuisce unilateralmente i prezzi, e l'effetto moderatore del nevroticismo è significativo".

I trader con un'intelligenza emotiva più elevata dimostrano una migliore capacità decisionale sotto stress e sono meno propensi a effettuare operazioni impulsive.

Intelligenza del rischio: prendere decisioni calcolate

L'intelligenza del rischio è un altro aspetto essenziale del successo nel trading.

Un libro del 2015 di Dylan Evans, Risk Intelligence: How to Live with Uncertainty, rivela che i giocatori di poker e i trader che dimostrano un'elevata intelligenza del rischio tendono a prendere decisioni più redditizie.

Dylan Evans definisce l'intelligenza del rischio come "la capacità di stimare accuratamente le probabilità".

I trader devono valutare il rapporto rischio/rendimento di ogni potenziale operazione, e questa capacità non è necessariamente legata all'intelligenza classica.

Il ruolo della conoscenza e dell'esperienza

La conoscenza e l'esperienza di trading non devono essere trascurate.

Una conoscenza approfondita dei mercati finanziari e delle strategie di trading è essenziale.

Uno studio del 2009 di Seru, Shumway e Stoffman ha rilevato che gli investitori individuali attivi per lunghi periodi hanno maggiori probabilità di ottenere rendimenti più elevati, soprattutto a causa del logorio.

Gli autori dello studio hanno scritto

Troviamo prove di due tipi di apprendimento: alcuni investitori diventano più bravi nel trading con l'esperienza, mentre altri smettono di fare trading dopo aver capito che la loro abilità è scarsa. Una parte sostanziale dell'apprendimento complessivo attraverso il trading può essere spiegata dal secondo tipo. Ignorando l'abbandono degli investitori, la letteratura esistente sovrastima in modo significativo la velocità con cui gli investitori migliorano nel trading.

Ciò sostiene la tesi che l'esperienza, piuttosto che la pura intelligenza, sia un fattore importante per il successo nel trading.

L'importanza della disciplina e della coerenza

Anche con tutta l'intelligenza, la conoscenza e l'esperienza a disposizione, il successo del trading è spesso determinato dalla disciplina e dalla costanza.

Una ricerca condotta da Odean e Barber nel 2000 ha dimostrato che un trading iperattivo porta spesso a una sottoperformance, in genere dell'ordine del 6-7% annuo.

I trader che si attengono a una strategia coerente e che evitano l'overtrading ottengono risultati migliori nel lungo periodo.

Scrivono:

Gli investitori individuali che detengono direttamente azioni ordinarie pagano un'enorme penalizzazione in termini di performance per il trading attivo. Su 66.465 famiglie che hanno aperto un conto presso un importante broker discount tra il 1991 e il 1996, quelle che hanno fatto più trading hanno ottenuto un rendimento annuo dell'11,4%, mentre il mercato ha reso il 17,9%. La famiglia media ottiene un rendimento annuo del 16,4%, orienta i suoi investimenti in azioni ordinarie verso titoli ad alto beta, a piccola capitalizzazione e a valore, e restituisce ogni anno il 75% del suo portafoglio. L'eccesso di fiducia può spiegare gli alti livelli di trading e la conseguente scarsa performance dei singoli investitori. Il nostro messaggio principale è che il trading è pericoloso per il vostro patrimonio.

Il ruolo della creatività, della visione, dell'intuizione, della sintesi, della generazione di idee e del processo decisionale nelle transazioni e negli investimenti di successo

I sistemi educativi tradizionali sono stati spesso criticati perché si concentrano principalmente sulle competenze accademiche misurabili, che tendono a enfatizzare la memoria e la velocità di elaborazione (perché sono le più facili da misurare), nonché la capacità e la volontà degli studenti di seguire le istruzioni.

Gli studenti vengono valutati in base alla loro capacità di memorizzare e rigurgitare le informazioni, di elaborarle rapidamente nei test a tempo e di rispettare le istruzioni specifiche fornite per i compiti e gli esami.

Queste abilità, pur essendo preziose in determinati contesti, non rappresentano necessariamente l'intera gamma di competenze necessarie in scenari reali come il trading e gli investimenti.

In questi ambiti, la creatività, la visione, l'intuizione, la sintesi, la generazione di idee e le capacità decisionali possono essere considerate più importanti delle competenze tradizionali.

Questo è anche il punto in cui gli esseri umani si differenziano dalle macchine.

In un mondo in cui si parla molto di IA e algoritmi che prendono il posto dei creatori di contenuti, dei codificatori e di altre professioni, questo può essere vero per certi aspetti.

La mente umana non può competere con questi strumenti quando si tratta di memoria, velocità di elaborazione e calcolo grezzo (tutte caratteristiche apprezzate a scuola).

Ma gli esseri umani si distinguono nelle aree della creatività, del buon senso, della sintesi, della visione delle possibilità e dell'intuizione.

Questi elementi sono più difficili da insegnare e valutare a scuola.

Sono anche difficili da valutare nei tradizionali test di intelligenza e ragionamento.

La creatività

La creatività nel trading può essere collegata alla capacità di vedere schemi e connessioni che ad altri potrebbero sfuggire.

Si tratta di applicare strategie creative di problem solving per interpretare i dati e prevedere le tendenze del mercato.

Un trader creativo è in grado di pensare fuori dagli schemi, di immaginare diversi scenari di mercato e di sviluppare strategie innovative per affrontare queste situazioni.

Ad esempio, i migliori trader non si fissano su una determinata possibilità o linea che potrebbe verificarsi nei mercati o nelle economie. (E certamente non parlano in termini assoluti).

Guardano a una gamma o a una distribuzione di risultati possibili, ciascuno associato a diverse probabilità.

Nella maggior parte dei casi, una previsione molto specifica è probabilmente sbagliata, perché rappresenta solo una possibilità tra le tante.

Utilizzano quindi queste informazioni per prendere decisioni di trading con un valore atteso positivo.

Visione

La visione è la capacità di anticipare le tendenze e i cambiamenti futuri del mercato.

Un trader visionario è in grado di anticipare le mutevoli condizioni di mercato, i cambiamenti di politica economica o le scoperte tecnologiche che possono avere un impatto sui vari settori di attività.

Questa prospettiva lungimirante può consentire al trader di effettuare investimenti redditizi con largo anticipo.

La visione può anche riferirsi a un uomo d'affari che immagina come vuole che sia la sua azienda e di cosa ha bisogno per raggiungere questo obiettivo.

Si tratta di una prospettiva di livello superiore rispetto a quella orientata al compito tradizionalmente apprezzata a scuola.

L'intuizione

Nel trading, l'intuizione si riferisce a un senso o a una sensazione innata su ciò che è probabile che accada o sulla migliore linea d'azione, che non è necessariamente basata su prove concrete o ragionamenti logici.

Sebbene l'intuizione non debba sostituire l'analisi dettagliata, i trader esperti la utilizzano spesso come guida per confermare o mettere in discussione le loro conclusioni analitiche.

Se sviluppata e utilizzata correttamente, l'intuizione può essere uno strumento aggiuntivo nella cassetta degli attrezzi del trader.

La sintesi

La sintesi implica la capacità di prendere informazioni disparate e di combinarle in un insieme coerente e significativo.

I trader sono sommersi da una pletora di dati provenienti da diverse fonti (e da opinioni, molte delle quali naturalmente di scarso valore).

La capacità di sintetizzare queste informazioni, di vedere il quadro generale o il racconto che si forma in mezzo a un mare di dati, è importante per prendere decisioni di trading informate.

Ad esempio, per chi segue i media finanziari, spesso si tratta di una raccolta di titoli a caso.

Ma siete in grado di unire i puntini per dare un senso alla sequenza di eventi e rimanere davanti alla concorrenza?

Generazione di idee

La generazione di idee è il processo di ricerca di nuovi modi di approccio al trading e all'investimento.

Ciò può comportare l'identificazione di nuove attività potenziali in cui investire, lo sviluppo di nuove strategie di trading o la ricerca di modi unici di interpretare i dati di mercato.

Un trader bravo a trovare idee sarà in grado di rinnovare le strategie e di adattarsi alle mutevoli condizioni di mercato.

Capacità decisionali

La capacità di prendere decisioni è forse l'abilità più importante per un trader.

Prendere decisioni di trading implica un'analisi attenta, una valutazione del rischio e, in ultima analisi, il coraggio di agire.

Un buon processo decisionale consiste nel fare scelte informate in modo rapido e sicuro e nell'avere la disciplina di attenersi a una decisione una volta presa, anche a dispetto dell'inevitabile volatilità del mercato che seguirà.

La scuola non sviluppa necessariamente le vostre capacità decisionali, perché vi limitate a seguire ciò che gli altri vi dicono di fare.

Alzare il livello può essere più importante che alzare il soffitto

Alzare il proprio tetto significa spingersi oltre i limiti delle proprie prestazioni migliori, mentre alzare il proprio livello significa migliorare le prestazioni peggiori.

Una persona può essere molto intelligente, ma anche impulsiva, avere uno scarso controllo emotivo, affrontare le difficoltà in modo inefficace e avere altri aspetti della sua personalità che ostacolano le sue prestazioni.

L'importanza di alzare il proprio livello

Alzare il proprio livello può essere più importante che alzare il proprio tetto in diversi contesti, tra cui il trading, gli investimenti e anche altre aree della vita come lo sport, la salute e il fitness o lo studio.

La spiegazione sta nel concetto di coerenza e di gestione del rischio.

Nel trading e negli investimenti, ad esempio, il successo non consiste solo nel realizzare le operazioni o gli investimenti più redditizi.

Si tratta anche di ridurre al minimo le perdite quando le condizioni sono meno favorevoli.

Aumentando il proprio floor, si riduce essenzialmente l'impatto negativo delle operazioni peggiori, il che si traduce in una migliore performance complessiva nel lungo periodo.

Ciò è direttamente collegato al concetto di gestione del rischio, un aspetto importante del trading di successo.

Coerenza piuttosto che anomalie

Un'altra prospettiva di questo concetto riguarda la coerenza.

In qualsiasi attività, la costanza delle prestazioni ha spesso la meglio sulle anomalie occasionali.

Mentre alzare il tetto può portare a risultati eccezionali di tanto in tanto, alzare il pavimento porta a risultati migliori su base più regolare.

Questa costanza può contribuire a una curva di crescita costante, a un aumento della fiducia e a un successo a lungo termine.

Alcune persone sono molto brave in certe cose semplicemente perché le fanno ogni giorno (o quasi) da molto tempo.

Applicazione e importanza nella vita reale

Questo concetto può essere applicato a molti scenari del mondo reale.

Ad esempio, nello sport, un atleta che si comporta regolarmente bene (anche se non batte record mondiali o non primeggia in determinate categorie statistiche) è spesso più prezioso per una squadra di un atleta che occasionalmente si comporta in modo brillante ma incoerente.

La variabilità delle loro prestazioni può indurre gli allenatori o i dirigenti a non fidarsi di loro in situazioni critiche, rendendoli inadatti a giocare negli scenari più delicati.

Questo può ridurre il loro valore complessivo. Un buon giocatore che gioca regolarmente una partita "B" può essere più prezioso di un giocatore che gioca una partita "A" ma ha una terribile partita "F" (cioè crolla quando le cose non gli vanno bene).

Ad esempio, un giocatore di pallacanestro che entra in uno stato d'animo negativo quando il suo tiro non va a segno o un giocatore di poker che gioca in modo troppo aggressivo dopo una brutta battuta e di conseguenza perde denaro.

Oppure, naturalmente, un trader che "pareggia i conti" dopo una serie di perdite.

Alcuni trader possono essere molto improduttivi a causa delle loro emozioni o del loro umore del giorno, che può portare a performance da montagne russe, come abbiamo visto in precedenza nell'articolo.

Allo stesso modo, quando si studia, uno studente che comprende e applica bene i concetti può avere una base di conoscenze più solida di uno che si prepara agli esami e nel frattempo non è motivato a studiare molto.

In generale

Sebbene l'impegno a superare i limiti delle proprie prestazioni migliori sia un elemento essenziale della crescita e del successo, non bisogna trascurare il valore di una prestazione costante al di sopra di un certo standard.

Aumentare il proprio gioco - migliorando anche le prestazioni più mediocri - può spesso portare a un successo più costante e a una maggiore stabilità rispetto al semplice aumento del gioco.

Si tratta di mitigare gli svantaggi per migliorare la performance complessiva, un approccio che può fare una differenza significativa per il successo a lungo termine.

Warren Buffett e Charlie Munger hanno sempre detto che il loro successo è dovuto più al fatto di non aver fatto nulla di stupido che di aver fatto qualcosa di intelligente.

Warren Buffett: Sono le altre persone che fanno cose stupide a creare buone opportunità.

I problemi di intelligenza e il loro legame con il successo nel trading

Diamo uno sguardo ai problemi di intelligenza e al loro legame con il successo nel trading.

Difficile da definire

Innanzitutto, l'intelligenza è difficile da definire.

Ad esempio, la creatività è intelligenza?

Se sì, viene presa in considerazione nei tradizionali test di intelligenza e di ragionamento come il Mensa, il SAT, ecc.

In genere è più difficile testare i tratti del "cervello destro" che quelli del "cervello sinistro".

Problemi con i test stessi

Le persone non dovrebbero permettere che le loro capacità siano definite dai test di intelligenza, che non sono standardizzati, testano un campione relativamente ristretto di abilità e attitudini e spesso si accontentano di produrre una semplice quantità scalare che non tiene conto della grande dimensionalità delle abilità, delle attitudini e dei valori delle persone.

Questi test hanno formati diversi, si concentrano su abilità e capacità diverse e hanno sistemi di punteggio diversi. Ad esempio, un test del QI può avere una deviazione standard di 15, un altro di 16 e un altro ancora di 24.

L'intelligenza tradizionale, misurata dai test del QI, valuta alcune abilità cognitive come la comprensione verbale, la memoria di lavoro e la velocità di elaborazione.

Tuttavia, queste valutazioni hanno dei limiti e il loro legame con il successo in borsa può essere poco chiaro.

Applicabilità limitata

I test del QI si limitano spesso a valutare la capacità di una persona di ottenere buoni risultati in un esame specifico e non danno necessariamente un'idea generale dell'attitudine di una persona per un'intera gamma di studi, carriere e così via.

Alcune persone possono ottenere risultati simili ma essere molto, molto diverse in termini di competenze e abilità cognitive e di valori.

Allo stesso modo, una persona con un punteggio molto più basso può essere molto più qualificata o avere un'attitudine naturale per qualcosa rispetto a una persona con un punteggio molto più alto.

Motivazione e preparazione

I test del QI misurano spesso anche la motivazione e la preparazione all'esame.

È possibile ottenere un risultato migliore preparandosi (alcuni tipi di domande sono comuni) ed essendo motivati al successo.

Una persona "intelligente" può avere un "QI basso" semplicemente perché non si preoccupa e non fa gli sforzi necessari per ottenere buoni risultati.

Non misura la flessibilità e l'adattamento

Le persone intellettualmente dotate spesso eccellono nell'apprendimento di sistemi e nell'applicazione di regole.

Tuttavia, gli ambienti di trading sono dinamici e richiedono una certa flessibilità mentale, che non è sempre il punto di forza delle persone che ottengono buoni risultati nei test del QI. Questo non perché non possiedano necessariamente queste capacità, ma semplicemente perché questi tratti non sono sufficientemente misurati.

Percezione del rischio

Un punteggio elevato in un test del QI non significa necessariamente che si sia in grado di valutare correttamente il rischio, il che porta a decisioni di trading o di investimento non ottimali.

È essenziale che i trader abbiano un'accurata percezione del rischio per poter prendere decisioni di investimento equilibrate.

Limiti generali del QI come indicatore di successo

I test del QI non misurano altre forme di intelligenza fondamentali per il trading, come l'intelligenza emotiva e l'intelligenza del rischio, o le caratteristiche difficili da misurare menzionate in precedenza (ad esempio, creatività, intuizione, sintesi).

Queste forme di intelligenza svolgono un ruolo importante per il successo nel trading, in quanto comprendono abilità come la gestione dello stress, la regolazione emotiva e la valutazione del rischio.

Conclusioni

Sebbene un certo grado di intelligenza sia utile per il trading, non è l'unico fattore che determina il successo.

L'intelligenza emotiva e l'intelligenza del rischio, così come la conoscenza, l'esperienza, la disciplina e la coerenza, giocano un ruolo altrettanto importante, se non di più.

Il trading è un'attività complessa che richiede una serie di competenze e attributi dalle molteplici sfaccettature e la riduzione a un'unica misura di intelligenza non fornisce il quadro completo.

Per avere successo, quindi, è necessario essere meno intelligenti secondo i criteri tradizionali (memoria e velocità di elaborazione) e più versatili e adattabili.

Sebbene l'aspetto analitico del trading sia importante, non bisogna sottovalutare il ruolo delle capacità creative e intuitive.

La creatività, la visione, l'intuizione, la sintesi, la generazione di idee e le capacità decisionali possono dare ai trader un vantaggio, aiutandoli a navigare nei mercati e rendendo le loro strategie di trading più solide e adattabili.

Ognuna di queste abilità è complementare alle altre e insieme formano un set di competenze completo per il successo del trading e degli investimenti.

I migliori broker di CFD

CFD Brokers Piattaforma Regolazione Aprire un conto demo
MetaTrader 4 e 5
AvaOptions
ASIC, CBFSAI, FRSA, BVI FSC, FSCA, JFSA, OCRCVM AvaTrade
MetaTrader 4 e 5
cTrader, TradingView
FCA, ASIC, CySEC, BaFin, DFSA, SCB, CMAPepperstone
xStation 5 FCA, KNF, CySEC, BIFSC, CNMV, DFSAXTB
MetaTrader 4 e 5 CySEC, FCA, ASIC, JSC, OCRCVM, FSCAAdmirals
MetaTrader 4 e 5
ActivTrader, TradingView
FCA, CSSF, SCB, BACEN & CVM, CMVMActivTrades
MetaTrader 4 y 5
ActivTrader, TradingView
FCA, BaFin, ASIC, FINMA, FSCA, MAS, FMA, DFSA, JFSA, CFTCIG
MetaTrader 4 e 5 CySEC,ASIC,BIFSC XM
ASIC: Australia, BaFin: Germania, BIFSC: Belize, BVI FSC: Isole Vergini britanniche, BACEN e CVM: Brasile, CySEC: Cipro, CNMV: Spagna, CMVM: Portogallo, CSSF: Lussemburgo, CFTC: USA, CBFSAI: Irlanda, CMA : Oman, DFSA: Dubai, FCA: Regno Unito, FINMA: Svizzera, FSPR - FMA: Nuova Zelanda, FRSA: Abu Dhabi, FSA: Seychelles, FSCA: Sud Africa, JFSA: Giappone, JSC: Giordania, KNF: Polonia , MAS: Singapore, IIROC: Canada, SCB: Bahamas, VFSC: Vanuatu
Il trading di CFD comporta un significativo rischio di perdita, quindi non è adatto a tutti gli investitori. Il 74-89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro nel trading di CFD.