Menu

Broker di CFD

AvaTrade  Admiral Markets

XM  IG

XTB  Plus500

Pepperstone  ActivTrades

Trading Sociale

darwinex  ZuluTrade

Criptovaluta

Binance  Coinhouse

Bitpanda

Conto finanziato

FundedNext  FTMO

E8  The 5%ers

City Traders Imperium  

Fondo 130/30 - strategia long/short

Fondo 130/30 - strategia long/short

Un fondo 130/30 è una strategia d'investimento che prevede che un hedge fund o un fondo comune di investimento mantenga una posizione lunga nel 130% del suo portafoglio, mentre mantiene una posizione corta nel 30% del suo portafoglio.

Le posizioni lunghe sono investite in titoli per i quali il fondo prevede un aumento di valore, mentre le posizioni corte sono investite in titoli per i quali il fondo prevede una diminuzione di valore o un apprezzamento inferiore a quello del mercato generale (e quindi un vantaggio per il fondo in termini di valore relativo).

L'obiettivo di un fondo 130/30 è quello di aumentare i rendimenti aggiungendo posizioni corte a un portafoglio tradizionale a lungo termine.

Questa strategia è nota anche come strategia long/short.

Punti chiave da ricordare - Fondo 130/30

  • Il fondo 130/30 è un tipo di strategia di investimento long/short che prevede l'assunzione di posizioni sia lunghe che corte in titoli, con l'obiettivo di sovraperformare un benchmark o un altro indice.
  • Un portafoglio 130/30 alloca tipicamente il 130% del portafoglio in posizioni lunghe e il 30% in posizioni corte, consentendo di trarre potenzialmente vantaggio sia dal rialzo che dal ribasso dei prezzi.
  • La strategia 130/30 è più aggressiva del tradizionale investimento lungo, in quanto comporta l'assunzione di un rischio aggiuntivo attraverso la vendita allo scoperto e la gestione attiva del portafoglio. Pertanto, potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori.
  • Il successo di una strategia 130/30 dipende dalla capacità di individuare i titoli sottovalutati e sopravvalutati, nonché dalla capacità di prevedere con precisione i movimenti del mercato.
  • I portafogli 130/30 possono essere implementati attraverso hedge fund, fondi comuni, ETF o singoli titoli detenuti in un conto di intermediazione. È importante considerare attentamente le commissioni, i regolamenti e gli obiettivi d'investimento del veicolo specifico utilizzato per attuare la strategia.

Principi di base dei fondi 130/30

Un fondo 130/30 opera mantenendo il 130% del portafoglio in posizioni lunghe (il che implica una leva corrispondente) e una posizione corta sul 30% del portafoglio.

Le posizioni lunghe sono investite in titoli di cui il fondo prevede un aumento di valore. Questi titoli possono essere azioni, obbligazioni o altri tipi di titoli.

Il fondo generalmente detiene questi titoli per un lungo periodo di tempo, con l'obiettivo di generare rendimenti attraverso la rivalutazione del capitale.

Le posizioni corte, invece, sono investite in titoli per i quali il fondo prevede un calo di valore o una sottoperformance del mercato.

Per avviare una posizione corta, il fondo prende in prestito il titolo da un altro investitore e lo vende sul mercato. Se il valore del titolo scende come previsto, il fondo può riacquistarlo a un prezzo inferiore, restituirlo al mutuatario e intascare la differenza di profitto.

Combinando posizioni lunghe e corte in portafoglio, un fondo 130/30 mira a migliorare i rendimenti aggiungendo il potenziale di profitto delle posizioni corte al tradizionale portafoglio long-only. Questa strategia è nota anche come strategia long/short.

Va notato che i fondi 130/30 sono più complessi e potenzialmente più rischiosi dei tradizionali fondi long-only, in quanto prevedono l'uso di vendite allo scoperto e di leva finanziaria.

Pertanto, potrebbero non essere adatti a tutti gli investitori.

I fondi 130/30 sono fondi speculativi?

Le strategie 130/30 possono essere utilizzate dagli hedge fund, ma non di solito.

Gli hedge fund sono fondi d'investimento privati che utilizzano una varietà di strategie d'investimento e sono generalmente accessibili solo agli investitori accreditati.

Questi fondi sono noti per la loro flessibilità in termini di tipi di investimenti che possono detenere e di strategie che possono impiegare, e spesso utilizzano la leva finanziaria, le vendite allo scoperto e altre strategie e tecniche di investimento avanzate per generare rendimenti.

I fondi 130/30, invece, sono fondi comuni di investimento o fondi negoziati in borsa disponibili per gli investitori al dettaglio e disciplinati dalle leggi sui titoli.

Sebbene i fondi 130/30 utilizzino posizioni di mercato lunghe e corte, in genere non sono flessibili o gestiti in modo aggressivo come gli hedge fund e sono soggetti a una maggiore sorveglianza normativa.

È importante notare che esistono altri tipi di fondi simili ai fondi 130/30 in quanto utilizzano posizioni di mercato lunghe e corte, come i fondi long/short o i fondi market neutral.

Questi tipi di fondi possono essere più simili agli hedge fund in termini di strategie di investimento e profilo di rischio, ma non sono ancora considerati hedge fund.

Come realizzare un portafoglio 130/30?

Un portafoglio 130/30 è un tipo di strategia d'investimento che prevede l'acquisto di posizioni lunghe in titoli che si ritiene abbiano un forte potenziale di apprezzamento, mentre si vendono posizioni corte in titoli che si ritiene siano sopravvalutati o possano perdere valore.

Ecco come creare un portafoglio 130/30:

Identificare i titoli che si desidera includere nel proprio portafoglio

A tal fine, dovrete condurre una ricerca approfondita su diverse società e settori per identificare le potenziali opportunità di apprezzamento.

Ciò può comportare l'esame dei bilanci, l'analisi delle tendenze del settore e la considerazione del panorama competitivo.

Determinare la quantità di azioni da allocare a ciascun titolo

In un portafoglio 130/30, di solito si assegna il 130% del portafoglio a posizioni lunghe e il 30% a posizioni corte.

Ciò significa che per ogni 100 dollari investiti nel portafoglio, 130 dollari saranno investiti in posizioni lunghe e 30 dollari in posizioni corte.

Acquistare le posizioni lunghe previste

Per acquistare una posizione lunga in un titolo, dovrete acquistare azioni del titolo attraverso un conto di brokeraggio.

Vendere le posizioni short previste

Per vendere una posizione corta in un titolo, dovrete prendere in prestito azioni del titolo da un altro investitore e venderle sul mercato, con l'intenzione di riacquistarle in un secondo momento, quando il prezzo sarà sceso.

Monitorare e riequilibrare il portafoglio

Con la variazione del valore dei vostri investimenti, dovrete rivedere e riequilibrare periodicamente il vostro portafoglio per assicurarvi che sia sempre in linea con i vostri obiettivi di investimento e la vostra tolleranza al rischio.

È importante notare che la vendita allo scoperto è una strategia di investimento più avanzata che comporta rischi aggiuntivi, come la possibilità di perdite illimitate se il prezzo delle azioni aumenta anziché diminuire.

Per questo motivo, è importante comprendere a fondo i meccanismi e i rischi delle vendite allo scoperto prima di implementare una strategia di portafoglio 130/30.

Confronto di agenti di borsa

Brokers
Commissioni di intermediazione Azioni Nessuna commissione per un volume massimo mensile di 100.000 euro e poi 0,20%.
Conto demo
La nostra opinioneTrading senza commissioni, ma con una scelta di titoli limitata a 3.289 azioni e 358 ETF.
  XTB
L'investimento comporta un rischio di perdita

Un fondo 130/30 è un veicolo a rendimento relativo o assoluto?

Un fondo 130/30 è generalmente considerato un veicolo a rendimento relativo, in quanto cerca di sovraperformare un indice di riferimento o un altro benchmark assumendo posizioni sia lunghe che corte in azioni.

Al contrario, un veicolo a rendimento assoluto è un investimento che mira a ottenere rendimenti positivi indipendentemente dall'andamento del mercato complessivo.

Le strategie a rendimento assoluto utilizzano spesso una serie di tecniche, come la copertura, la leva finanziaria e i derivati, per cercare di generare rendimenti sia nei mercati in rialzo che in quelli in ribasso.

Ci sono alcuni motivi fondamentali per cui un fondo 130/30 può essere considerato un veicolo a rendimento relativo:

Performance relativa al benchmark

Una delle caratteristiche principali di un fondo 130/30 è che cerca di sovraperformare un indice di riferimento o un altro benchmark.

Questa attenzione alla performance relativa significa che il fondo non cerca necessariamente di raggiungere un livello specifico di rendimento assoluto, ma piuttosto di sovraperformare un punto di riferimento specifico.

Posizioni lunghe e corte

Un fondo 130/30 assume posizioni sia lunghe che corte nei titoli, il che gli consente di trarre potenzialmente vantaggio sia dall'aumento che dal calo dei prezzi.

Tuttavia, l'obiettivo principale di queste posizioni è quello di sovraperformare il benchmark (l'obiettivo tradizionale di un hedge fund), piuttosto che generare un livello specifico di rendimento assoluto (l'obiettivo standard di un fondo comune).

Il tradeoff rischio-rendimento

Come la maggior parte delle strategie di investimento, un fondo 130/30 comporta un compromesso tra rischio e rendimento.

Se da un lato il fondo mira a generare rendimenti interessanti, dall'altro comporta rischi aggiuntivi associati alle vendite allo scoperto e alla gestione attiva del portafoglio.

Questi rischi sono generalmente considerati accettabili nel perseguimento della sovraperformance del benchmark, ma potrebbero non essere in linea con la tolleranza al rischio di una strategia a rendimento assoluto.

In generale, sebbene un fondo 130/30 possa generare rendimenti assoluti positivi in determinati contesti di mercato, il suo obiettivo principale è quello di generare rendimenti superiori a quelli di un indice di riferimento o di un altro benchmark.

In quanto tale, è generalmente considerato un veicolo a rendimento relativo.

Warren Buffett sulla strategia di investimento dei fondi hedge LONG-SHORT

130/30 vs. 120/20 vs. 150/50

130/30, 120/20 e 150/50 sono tutte varianti di un tipo di strategia di investimento nota come portafoglio long/short.

In tutti questi tipi di portafogli, come abbiamo detto, un trader o un investitore assume sia posizioni lunghe (scommettendo sull'apprezzamento di un titolo) sia posizioni corte (scommettendo sul declino di un titolo o sulla sottoperformance rispetto a un benchmark).

I numeri nella notazione si riferiscono alla percentuale del portafoglio investita rispettivamente in posizioni lunghe e corte.

Di queste tre varianti, il 130/30 è il più popolare ed è anche una sorta di termine ombrello per i portafogli con un'esposizione netta lunga al 100%, ma con inclinazioni long/short.

Ci sono alcune ragioni per cui il 130/30 può essere più popolare del 120/20 o del 150/50:

Equilibrio tra rischio e rendimento

Il 130/30 raggiunge un certo equilibrio tra l'assunzione di un rischio aggiuntivo attraverso le vendite allo scoperto e la limitazione del rischio attraverso un'allocazione più equilibrata del portafoglio.

Allocando il 130% in posizioni lunghe e il 30% in posizioni corte, un portafoglio 130/30 consente di ottenere rendimenti più elevati pur mantenendo un profilo di rischio complessivo relativamente conservativo.

Performance relativa al benchmark

I portafogli 130/30 sono spesso concepiti per sovraperformare un indice di riferimento o un altro benchmark, e l'allocazione 130/30 può fornire il livello di inclinazione adeguato per raggiungere questo obiettivo.

In confronto, un portafoglio 120/20 o 150/50 può essere un'allocazione più conservativa o aggressiva.

Condizioni di mercato

La popolarità del 130/30 può essere influenzata anche dalle condizioni di mercato.

Quando ci sono più opportunità di shorting o di valore relativo (ad esempio, uno o più settori potrebbero essere in bolla), ma il trader/investitore è ancora obbligato a mantenere un'esposizione netta al 100%, potrebbe scegliere di avere un'allocazione più vicina a 150/50 (o oltre) per trarne vantaggio.

Quando lo shorting potrebbe aggiungere meno valore al portafoglio, allora un'allocazione di 120/20 potrebbe avere più senso.

Limitazioni del margine

Un ulteriore motivo per cui il 130/30 può essere più popolare del 150/50 è dovuto alle restrizioni sui margini imposte dalle società di brokeraggio.

Per vendere allo scoperto, un investitore deve prendere in prestito le azioni che sta vendendo da un altro investitore, e il prestatore di solito richiede al mutuatario di porre una garanzia sotto forma di contanti o titoli.

Questa garanzia è nota come margine.

Le società di intermediazione hanno in genere regole che limitano l'ammontare del margine che un investitore può utilizzare, nonché il livello di rischio che può essere assunto attraverso l'uso del margine.

Un portafoglio 130/30, con un equilibrio di 130% di posizioni lunghe e 30% di posizioni corte, può essere più interessante per gli investitori perché consente di utilizzare il margine senza richiedere un'elevata quantità di garanzie o superare i limiti di rischio imposti dalla società di brokeraggio.

In confronto, un portafoglio 150/50 può richiedere un importo maggiore di margine, il che potrebbe rendere più difficile per gli investitori implementare queste strategie a causa delle restrizioni sui margini.

Per questo motivo, l'allocazione 130/30 potrebbe essere più popolare, in parte perché consente l'uso del margine senza incorrere in queste restrizioni.

In generale, la scelta di un'allocazione 130/30, 120/20 o 150/50 dipenderà dalla tolleranza al rischio e dagli obiettivi di investimento dell'investitore, nonché dalle condizioni di mercato e dal benchmark rispetto al quale il portafoglio viene misurato.

Fondi 130/30 vs. Fondi long-short neutrali rispetto al mercato

I fondi 130/30 e i fondi long-short market-neutral sono entrambi tipi di strategie di investimento long/short che prevedono l'assunzione di posizioni sia lunghe che corte in titoli.

Tuttavia, questi due tipi di fondi differiscono nell'approccio complessivo all'allocazione netta e, di conseguenza, non sono necessariamente in concorrenza tra loro.

Ecco alcune differenze fondamentali tra i fondi 130/30 e i fondi long-short neutrali rispetto al mercato:

Costruzione del portafoglio

I fondi 130/30 in genere allocano il 130% del portafoglio in posizioni lunghe e il 30% in posizioni corte, con l'obiettivo di sovraperformare un indice di riferimento o un altro benchmark.

I fondi long-short neutrali rispetto al mercato mirano invece a generare rendimenti non correlati con il mercato complessivo.

Per questo motivo, in genere cercano di mantenere un equilibrio approssimativamente uguale tra posizioni lunghe e corte, al fine di ridurre al minimo il rischio di mercato.

Profilo di rischio-rendimento

I fondi 130/30 sono generalmente considerati più aggressivi dei fondi long-short neutrali rispetto al mercato, in quanto mirano a generare rendimenti più elevati assumendo un rischio aggiuntivo attraverso una maggiore esposizione netta al mercato, o beta.

I fondi long-short neutrali rispetto al mercato, invece, sono generalmente più conservativi. Cercano di minimizzare il rischio di mercato e di generare rendimenti indipendenti dai movimenti del mercato. In genere sono veicoli per la creazione di alfa.

Performance relativa al benchmark

A causa della diversa costruzione del portafoglio e dei diversi profili di rischio-rendimento, i fondi 130/30 e i fondi long-short neutrali rispetto al mercato possono essere oggetto di benchmark rispetto a punti di riferimento diversi.

I fondi 130/30 possono essere confrontati con un indice di mercato o un altro benchmark, mentre i fondi long-short neutrali rispetto al mercato possono essere confrontati con un benchmark privo di rischio, come la liquidità o i buoni del Tesoro.

Nel complesso, i fondi 130/30 e i fondi long-short neutrali rispetto al mercato sono entrambi strategie d'investimento long/short, ma si differenziano per la costruzione del portafoglio, i profili di rischio-rendimento e la performance relativa al benchmark e, pertanto, non sono necessariamente in concorrenza tra loro.

Domande frequenti - Fondo 130/30

Perché lo shorting è importante per la strategia del fondo 130/30?

Le vendite allo scoperto sono un elemento importante della strategia d'investimento 130/30 perché consentono al portafoglio di trarre potenzialmente vantaggio dai ribassi dei prezzi di alcuni titoli.

In un portafoglio 130/30, il 30% del portafoglio è allocato in posizioni short, il che significa che il portafoglio scommette sul ribasso di uno specifico titolo o gruppo di titoli.

Ci sono alcuni motivi principali per cui le vendite allo scoperto possono essere importanti per la strategia 130/30:

  1. Potenziale di rendimenti più elevati: Assumendo posizioni sia lunghe che corte sul mercato, un portafoglio 130/30 può essere in grado di generare rendimenti più elevati rispetto a un portafoglio esclusivamente lungo. Questo perché le posizioni corte possono compensare alcune delle perdite delle posizioni lunghe, dando potenzialmente luogo a un rendimento complessivo più stabile o addirittura positivo.
  2. Diversificazione: Le vendite allo scoperto possono anche contribuire a diversificare il rischio di un portafoglio 130/30, consentendo al portafoglio di beneficiare potenzialmente dei cali di prezzo di alcuni titoli. Ciò può essere particolarmente utile in un mercato in cui alcuni settori o singoli titoli possono essere sopravvalutati o inclini alla volatilità.
  3. Market timing: Le vendite allo scoperto possono essere utilizzate anche come strumento di market timing, consentendo a un portafoglio 130/30 di trarre potenzialmente vantaggio dai ribassi a breve termine del mercato o di titoli specifici. Ciò può essere particolarmente utile in un mercato in cui è difficile individuare opportunità di apprezzamento a lungo termine.

In breve, la vendita allo scoperto è un elemento importante della strategia 130/30 perché consente al portafoglio di beneficiare potenzialmente dei ribassi dei prezzi di alcuni titoli, di diversificare il rischio e di trarre potenzialmente profitto dal market timing.

I fondi 130/30 sono hedge fund o fondi comuni ed ETF?

Sia gli hedge fund sia i fondi comuni di investimento/ETF possono essere strutturati come portafogli 130/30.

Un portafoglio 130/30 è un tipo di strategia di investimento long/short che prevede l'assunzione di posizioni sia lunghe che corte in titoli, con l'obiettivo di sovraperformare un indice di riferimento o un altro benchmark.

Gli hedge fund sono veicoli d'investimento offerti privatamente, in genere più flessibili e meno regolamentati dei fondi comuni d'investimento/ETF.

Gli hedge fund possono utilizzare una varietà di strategie di investimento, tra cui strategie long/short come il 130/30, e possono anche impiegare leva finanziaria e derivati per raggiungere i loro obiettivi di investimento.

I fondi comuni d'investimento e gli ETF, invece, sono veicoli d'investimento offerti al pubblico che sono tenuti a divulgare le loro partecipazioni e sono soggetti a una regolamentazione più severa rispetto agli hedge fund.

Anche i fondi comuni e gli ETF possono utilizzare strategie long/short, tra cui il 130/30, ma possono essere più limitati nell'uso della leva finanziaria e dei derivati.

Quindi, sia gli hedge fund che i fondi comuni/ETF possono essere strutturati come portafogli 130/30, ma si differenziano per la regolamentazione, la flessibilità e i tipi di strategie che possono utilizzare.

Conclusione - Fondo 130/30

I fondi 130/30 e i fondi long-short neutrali rispetto al mercato sono entrambi strategie di investimento long/short.

Tuttavia, si differenziano per la costruzione del portafoglio, i profili di rischio-rendimento e la performance relativa al benchmark.

Di conseguenza, queste due strategie non sono necessariamente in concorrenza tra loro.

Le vendite allo scoperto sono un elemento importante della strategia 130/30, in quanto consentono al portafoglio di beneficiare potenzialmente dei ribassi dei prezzi di alcuni titoli, di diversificare il rischio e di trarre potenzialmente profitto dal market timing.

Infine, mentre alcuni fondi 130/30 possono essere strutturati come hedge fund o fondi comuni di investimento ed ETF, altri possono essere strutturati come investimenti privati disponibili solo per investitori qualificati.