Menu

Broker di CFD

AvaTrade  Admiral Markets

XM  IG

XTB  Plus500

Pepperstone  ActivTrades

Trading Sociale

darwinex  ZuluTrade

Criptovaluta

Binance  Coinhouse

Bitpanda

Conto finanziato

FundedNext  FTMO

E8  The 5%ers

City Traders Imperium  

Valute delle materie prime

Valute delle materie prime

Nella finanza e nel commercio internazionale, le valute delle materie prime svolgono un ruolo importante nelle dinamiche delle economie globali.

Queste valute, spesso definite "valute delle risorse", traggono il loro valore e la loro stabilità dall'esportazione di materie prime fondamentali come il petrolio, l'oro, il rame e i prodotti agricoli.

I Paesi con abbondanti risorse naturali e forti economie orientate all'esportazione, come l'Australia, il Canada, la Russia e diversi Paesi africani e sudamericani, hanno in genere valute altamente correlate alle fluttuazioni dei prezzi globali delle materie prime.

Il concetto di valuta delle materie prime non è nuovo, ma la sua importanza è aumentata a causa della crescente interconnessione dei mercati globali, dell'aumento della domanda di materie prime, dell'importanza strategica di alcune di esse e dell'evoluzione del panorama macroeconomico.

Queste valute rappresentano un importante collegamento tra la domanda globale di materie prime, le catene di approvvigionamento e la salute economica dei Paesi ricchi di risorse.

In questo articolo forniremo una panoramica dei fattori che determinano le valute delle materie prime, la loro importanza nel commercio e nella finanza internazionali e i rischi e le opportunità ad esse associati (ad esempio, quando è giusto acquistare e vendere queste valute?).

Principali insegnamenti - Valute delle materie prime

  • Le valute delle materie prime traggono parte del loro valore dall'esportazione di materie prime chiave e possono essere molto sensibili alle fluttuazioni dei prezzi delle materie prime.
  • Le valute delle materie prime fungono da collegamento tra la domanda globale di materie prime, le catene di approvvigionamento e la salute economica dei Paesi ricchi di risorse.
  • Comprendere le sfumature delle valute delle materie prime può aiutare gli investitori/trader a individuare le opportunità di investimento e di trading e i responsabili politici a gestire i rischi associati ai movimenti valutari.

Elenco delle valute delle materie prime

Le valute delle materie prime sono quelle dei Paesi le cui economie dipendono fortemente dall'esportazione di risorse naturali.

Alcuni esempi comuni di valute delle materie prime sono

  • Dollaro australiano (AUD)
  • Dollaro canadese (CAD)
  • Dollaro neozelandese (NZD)
  • Corona norvegese (NOK)
  • Rublo russo (RUB)
  • Real brasiliano (BRL)
  • Rand sudafricano (ZAR)
  • Peso cileno (CLP)

Tipi di valute commodity

Le valute delle materie prime possono essere classificate in base al tipo di merce che domina le esportazioni del Paese:

  • Valute basate sull'energia: ad esempio, il dollaro canadese (petrolio e gas).
  • Valute basate sui metalli: ad esempio, il dollaro australiano (minerale di ferro, oro).
  • Valute basate sull'agricoltura: ad esempio, il dollaro neozelandese (prodotti lattiero-caseari).

Valute commodity e valute a termine

Una commodity currency è una valuta influenzata dal valore di una specifica merce, mentre una forward currency si riferisce alla valuta di base di una coppia di valute.

Nel mercato dei cambi, le principali valute come il dollaro USA, l'euro, lo yen e la sterlina inglese sono generalmente considerate "valute a termine".

Sono valute di riserva globale (in misura variabile) e sono spesso utilizzate come valute di riferimento nelle coppie di valute. Il dollaro USA è la valuta più comune, seguita dall'euro.

Prezzi delle materie prime e movimenti valutari

Le valute delle materie prime tendono a essere sensibili alle fluttuazioni dei prezzi delle materie prime.

Il grado di sensibilità dipende dall'esatta natura delle loro economie.

Quando i prezzi delle materie prime aumentano, anche il valore della valuta del paese esportatore tende a salire a causa dell'aumento della domanda per le sue esportazioni.

Al contrario, quando i prezzi delle materie prime scendono, il valore della valuta può diminuire a causa dei minori proventi delle esportazioni.

Moneta sostenuta da materie prime

Una valuta sostenuta da materie prime non è la stessa cosa di una valuta di materie prime.

Una valuta sostenuta da materie prime è una valuta direttamente legata al valore di una specifica merce, come l'oro o il petrolio.

(Ad esempio, il dollaro è stato una valuta legata alle materie prime nell'ambito del sistema di Bretton Woods dal 1944 al 1971. Da allora si tratta di un sistema di moneta fiat).

Questo tipo di moneta è diverso dalla moneta fiat, che non ha un valore intrinseco e non è sostenuta da una merce fisica.

In un sistema di moneta fiat, la creazione di denaro si basa semplicemente sulla domanda, quindi non è necessario ricorrere al baratto fisico.

Le valute di base e il tasso di cambio reale

Il tasso di cambio reale misura il valore di una valuta rispetto a un'altra, aggiustato per l'inflazione.

Le valute delle materie prime dipendono naturalmente dai prezzi delle materie prime, il che influisce sulle pressioni inflazionistiche.

Valute delle materie prime e flussi azionari

Gli investitori/trader tengono spesso conto delle valute delle materie prime quando prendono decisioni sul mercato azionario.

Una valuta forte può essere un indicatore di un'economia sana, che porta a un aumento degli investimenti azionari nel paese.

Quando si possiede un'azione, si possiede una pila di quella valuta.

Quindi, se si possiede un'azione canadese come investitore non-DAC senza copertura valutaria, si sta anche facendo una scommessa sui prezzi del petrolio, poiché il Canada è un esportatore di petrolio e questo influisce sul valore della sua valuta.

Un'attività finanziaria denominata in una valuta estera corrisponde al rendimento + la valuta.

Se si guadagna il 7% all'anno sull'attività finanziaria, ma la valuta scende di oltre il 7% all'anno rispetto alla valuta nazionale, si perde denaro.

La debolezza della valuta di una commodity può essere un segnale di difficoltà economica, che spinge gli investitori a ritirarsi dai mercati azionari del Paese.

Paniere di valute delle materie prime

Un paniere di valute delle materie prime è un insieme di valute di Paesi che sono grandi esportatori di materie prime.

Questo paniere viene spesso utilizzato come benchmark per monitorare la performance delle valute delle materie prime o come strumento di investimento per acquisire esposizione al mercato delle materie prime.

Ad esempio, in un contesto inflazionistico o di stagflazione, un maggior numero di trader/investitori vorrà avere accesso a questo paniere di valute delle materie prime per proteggere i propri portafogli dall'inflazione.

Valute delle materie prime del G10

Le valute delle materie prime del G10 sono le valute dei Paesi del Gruppo dei Dieci, ovvero le principali economie avanzate.

Tra queste, il dollaro canadese, il dollaro australiano e la corona norvegese sono considerate valute delle materie prime a causa della loro dipendenza dalle esportazioni di risorse naturali.

Valute dei mercati emergenti delle materie prime

Le valute dei mercati emergenti delle materie prime includono quelle di paesi come Brasile, Russia, Sudafrica e Cile.

Queste valute sono spesso più volatili di quelle delle economie sviluppate a causa di una serie di fattori tra cui l'instabilità politica, la scarsa liquidità e i fondamentali economici più deboli.

Valute rifugio per le materie prime

Le valute rifugio per le materie prime sono quelle a cui gli investitori si rivolgono quando le aspettative del mercato sono più alte del normale o in periodi di volatilità del mercato.

Tra le valute rifugio tradizionali vi sono il dollaro USA, il franco svizzero e lo yen giapponese, ma alcuni investitori considerano anche il dollaro canadese e quello australiano come opzioni rifugio grazie alle loro economie forti e ai loro sistemi politici stabili.

Rischio climatico e valute delle materie prime

Il rischio climatico è una preoccupazione emergente per le valute delle materie prime, poiché gli effetti del cambiamento climatico possono avere un impatto significativo sul valore di queste valute.

Le valute delle materie prime, come il dollaro australiano, il dollaro canadese e il dollaro neozelandese, dipendono fortemente dai prezzi di materie prime come petrolio, gas e minerali.

Se la produzione e l'esportazione di queste materie prime vengono interrotte a causa di una politica climatica, i loro prezzi possono diminuire. Questo può portare a un calo del valore delle valute delle materie prime, poiché la domanda di tali valute diminuisce.

Anche i governi e le banche centrali dei Paesi le cui valute sono costituite da materie prime stanno adottando misure per affrontare questi rischi. Ad esempio, la Banca del Canada ha incluso il rischio climatico tra i rischi principali per la stabilità finanziaria nel suo rapporto annuale e la Reserve Bank of New Zealand ha inserito il rischio climatico nel suo quadro di stress test.

FAQ - Valute di materie prime

Quali sono gli esempi di valute commodity?

Esempi di valute di materie prime sono il dollaro australiano (AUD), il dollaro canadese (CAD), il dollaro neozelandese (NZD), la corona norvegese (NOK), il rublo russo (RUB), il real brasiliano (BRL), il rand sudafricano (ZAR) e il peso cileno (CLP).

Il CAD è una valuta di base?

Sì, il dollaro canadese (CAD) è considerato una valuta di base perché l'economia del Canada dipende fortemente dall'esportazione di risorse naturali, in particolare petrolio e gas.

Che cosa sono le coppie di valute commodity?

Le coppie di valute delle materie prime sono coppie di valute che coinvolgono almeno una valuta delle materie prime.

Alcune delle coppie di valute commodity più comuni includono

  • AUD/USD (dollaro australiano/dollaro USA)
  • USD/CAD (dollaro USA/dollaro canadese)
  • NZD/USD (dollaro neozelandese/dollaro USA)
  • USD/NOK (dollaro USA/corona norvegese)
  • USD/RUB (Dollaro USA/Rublo russo)
  • USD/BRL (Dollaro USA/Real brasiliano)
  • USD/ZAR (Dollaro USA/Rand sudafricano)
  • USD/CLP (Dollaro USA/Peso cileno)

Una commodity currency significa che un Paese esporta materie prime?

Sì, una commodity currency si riferisce generalmente alla valuta di un Paese che si basa fortemente sull'esportazione di materie prime, come risorse energetiche, metalli o prodotti agricoli.

Il valore di queste valute tende a essere strettamente legato alle fluttuazioni dei prezzi delle materie prime, che possono influenzare il loro tasso di cambio.

Conclusione

Le valute delle materie prime svolgono un ruolo importante nell'economia globale, riflettendo l'importanza delle risorse naturali e dei Paesi che le producono ed esportano.

Poiché queste valute tendono a essere molto sensibili alle fluttuazioni dei prezzi delle materie prime, possono fornire indicazioni preziose sullo stato di salute dell'economia globale e sulla domanda di beni essenziali.

Gli investitori, i trader e i responsabili politici devono essere consapevoli delle sfumature delle valute delle materie prime, compresa la loro correlazione con i prezzi delle materie prime, il loro ruolo nei mercati dei cambi e il loro impatto sui flussi azionari e sui tassi di cambio reali.

Diventa inoltre sempre più importante comprendere la relazione tra il rischio climatico e le valute delle materie prime, dato che il mondo si trova ad affrontare le conseguenze del cambiamento climatico.

Monitorando la performance delle valute delle materie prime, gli operatori di mercato possono comprendere meglio le tendenze economiche globali, identificare le opportunità di investimento e gestire i rischi associati ai movimenti valutari.