Storia del mercato dei cambi (Forex)

Storia del mercato dei cambi

Il Forex è uno dei mercati finanziari che si è evoluto di più nella storia. Dagli anni '90, il mercato dei cambi non è riservato solo alle grandi istituzioni finanziarie, ma è aperto a tutti i commercianti e traders. In questo mercato elettronico non centralizzato, le valute globali sono quotate 24 ore su 24. Ecco la storia delle valute e della valuta estera.

L'origine del denaro fino all'antichità

La prima traccia di denaro apparve in China 3000 prima di J-C, questi pezzi di metallo avevano varie apparenze. Un segno rappresentativo che consente di autenticare la valuta sarà apposto verso il 1530 prima di J-C. Intorno al 650 aC, parti simili ai pezzi di oggi vengono create a Lydia (Turchia). Erano fatti di una lega di oro e argento. Intorno al 550 aC, i primi pezzi in oro o argento puro compaiono grazie al progresso della metallurgia. In un secolo, l'uso delle monete sarà diffuso in tutta la Grecia e Gaulle intorno al 450 prima di J-C. A quel tempo, ognuna delle città greche colpisce la sua valuta (in argento) con il suo emblema. Durante il regno di Alessandro Magno (334-324 aC), il ritratto del re sostituirà gradualmente i simboli incisi sulle monete fino alla nascita delle repubbliche moderne.

Lettere di scambio nel Medioevo

Nel V secolo dC e fino al Medioevo, i pezzi escono dai regni. Nel X secolo, il commercio si diffonde a livello nazionale ed europeo, le culture e quindi le valute si incontrano nei luoghi di scambio. Per facilitare i pagamenti tra diversi paesi, le lettere di scambio vengono create nel 1291 a Firenze. Stabiliscono un tasso di cambio e un tasso di interesse che renderanno la fortuna dei banchieri privati ​​come la famiglia Medici. Le lettere di scambio saranno poi scambiate sul primo borsellino creato nel 1409 a Bruges.

Mercati azionari in Europa nei tempi moderni

Nel XVI secolo il commercio internazionale crebbe fortemente con l'apparire delle borse in Europa. Su questi diversi mercati i tassi di cambio variano a seconda della bilancia commerciale dei paesi. Alcuni trader stanno iniziando a fare profitti sulle differenze di cambio. Nel 1572, il regolamento è rafforzato, lo Stato che usa le lettere di scambio per finanziare le sue spese nomina agenti di cambio.

Il sistema di gold standard in tempi contemporanei

Fino al diciannovesimo secolo, non esiste realmente una valuta dominante. Nel 1866 il cavo transatlantico che collega gli Stati Uniti e l'Europa segna un punto di svolta nella storia della comunicazione e del commercio tra la Sterlina e il dollaro USA. Molte banche straniere si stabiliscono in Inghilterra, che diventa il primo centro finanziario globale. Il commercio è principalmente in sterline, ma l'oro è ancora considerato la valuta di riserva più affidabile, e tutte le valute sono convertibili in oro. Ogni banca centrale deve garantire la convertibilità della propria valuta con le sue riserve auree, questo è il sistema aureo. Tra il 1879 e il 1914, i tassi di cambio fluttuarono, ma rimasero stabili.

La prima guerra mondiale 1914 finirà il gold standard. I paesi spendono somme considerevoli per finanziare la guerra e stampare più soldi di quelli che possiedono. L'inflazione sta aumentando e in definitiva i paesi sono costretti a sospendere la convertibilità della propria valuta in oro. Alla fine della guerra, i tassi di cambio sono fissati dallo stato, la Francia e l'Inghilterra adottano alti tassi di interesse per trovare valute forti.

Nel 1922, gli accordi di Gene introdussero il Gold Exchange Standard, che stabiliva che certe valute potevano essere convertibili in oro. Le valute che non sono convertibili in oro possono essere convertite in valute convertibili (franco, dollaro o sterlina inglese).

Nel 1925, il Regno Unito adottò nuovamente il gold standard. Nonostante la significativa inflazione del dopoguerra, il governo sta mettendo in atto una drastica politica monetaria per tornare alla parità prebellica. Una deflazione dell'economia britannica è causata dall'aumento del valore della sterlina rispetto all'oro. Il gold standard sarà ripristinato in Francia nel 1928.

La crisi del 1929 pone di nuovo fine al sistema del gold standard. Nel 1931 Gran Bretagna, Germania e Giappone abbandonarono il gold standard. Nel 1933, gli Stati Uniti a loro volta rinunciarono al gold standard e nel 1934 svalutarono il dollaro del 40% contro l'oro. La Francia abbandona la convertibilità del franco nel 1936. Il mondo è ora diviso in blocchi monetari.

L'accordo di Bretton Woods e il sistema monetario internazionale

La seconda guerra mondiale del 1939/45 segna la supremazia del dollaro. Nel 1944, l'accordo di Bretton Woods a 44 nazioni stabilì il primo vero sistema monetario internazionale (IMS) per regolare le fluttuazioni valutarie e ripristinare la stabilità economica. Questo accordo afferma che solo il dollaro può essere convertito in oro ad un tasso fisso di $ 35 l'oncia. A quel tempo, gli Stati Uniti detengono tre quarti delle riserve auree mondiali. Il dollaro diventa così la valuta di riferimento, i tassi di cambio di altre valute diventano fissi (con un margine di +/- 1%) e legati al dollaro. Le banche centrali sono tenute a intervenire per mantenere la parità valutaria. Le svalutazioni valutarie tra paesi diventano impossibili, il che garantisce il principio del libero scambio. L'FMI ​​(Fondo Monetario Internazionale) è stato creato per regolamentare la SMI.

Negli anni '60, i detentori di dollari perdono fiducia in questa valuta e richiedono la conversione in oro. Con l'aumento del deficit degli Stati Uniti, lo stock di oro diminuisce a meno del dollaro. Nel 1971, la convertibilità del dollaro è sospesa, le banche centrali non sostengono più il dollaro che viene svalutato più volte.

Il mercato dei cambi fluttuanti (Forex)

Nel 1972, l'Accordo di Basilea creò il serpente monetario europeo. I paesi si impegnano a stabilizzare le proprie valute con un margine massimo del +/- 2,5%. La svalutazione del dollaro, che aumenta dal 1972 al 1978, costringerà la maggior parte delle valute fuori dal serpente denaro in fretta.

Nel 1973, il sistema monetario internazionale si trasformò in un regime di tassi di cambio fluttuanti. Il mercato Forex come lo conosciamo oggi sta prendendo forma. La fine del sistema monetario di Bretton Woods sta causando sconvolgimenti nel mondo della finanza. L'offerta e la domanda, che sono influenzate dai tassi di interesse, determinano i tassi di cambio tra i tassi di cambio che sono ora sostenuti da debiti pubblici e privati. Da allora in poi, la creazione di denaro si intensificherà, oltre a non dover più mantenere il loro tasso di cambio, i paesi in deficit possono facilmente prendere in prestito denaro sui mercati finanziari.

Nel gennaio 1976, gli accordi della Giamaica formalizzano definitivamente la fine degli accordi di Bretton Woods. Il mercato dei cambi è liberalizzato, non ci sono più regole che gestiscano i tassi di cambio tra le valute, l'oro non è più uno strumento di riserva e i paesi possono se vogliono adottare un sistema di tassi di cambio fluttuanti . Tuttavia, tre sistemi di tassi di cambio fanno la loro apparizione.

  1. Dollarizzazione: il paese decide di utilizzare la valuta di un altro paese come valuta nazionale.
  2. Il tasso di cambio stabilizzato: il paese decide di fissare la sua valuta fissa su un'altra valuta.
  3. Il tasso fluttuante gestito: il tasso di cambio si evolve liberamente in base all'offerta e alla domanda.

Nel 1979 fu creato il sistema monetario europeo, che stabilì uno standard comune chiamato ECU (l'antenato dell'euro). L'accordo prevede che le banche centrali si impegnino a mantenere il tasso di cambio della loro valuta con un margine di +/- 2,5% attorno al tasso centrale. Le valute europee sono quindi quasi fisse l'una all'altra, ma variano in relazione alle valute mondiali.

Nel 1985, sotto la pressione del gruppo dei cinque (Stati Uniti, Giappone, Germania, Regno Unito e Francia) il dollaro è svalutato.

Nel 1986, il mercato liberalizzato a Londra divenne di nuovo un centro finanziario molto importante.

Forex trading per investitori privati

Nel 1990, i flussi di capitali tra le nazioni aumentarono con le nuove tecnologie. Il mercato forex riservato alle grandi istituzioni finanziarie diventa accessibile agli investitori e ai commercianti di forex che possono speculare sulle valute.

Nel 1992, vediamo diverse crisi legate ai movimenti della speculazione valutaria. Il miliardario George Soros prende una posizione corta di 10 miliardi di sterline, scommettendo sul declino della valuta. La Bank of England è costretta a estrarre la sterlina dal Sistema Monetario Europeo. La plusvalenza realizzata da George Soros su questa transazione è stimata in $ 1 miliardo.

Dal 1995 i singoli operatori possono scambiare valute in tempo reale attraverso una piattaforma di trading online attraverso internet e forex broker. Dal 2002, l'interesse degli individui per il trading valutario conosce un'espansione molto forte. Le società di brokeraggio online forex stanno innovando con le loro piattaforme di trading online e i loro social network.

Il mercato dei cambi è al giorno d'oggi il più grande mercato finanziario del mondo in termini di volume di transazioni giornaliere che sono stimati in oltre 5.000 miliardi di dollari.

Precedente : Gli attori nel mercato dei cambi
 Seguente : Come funziona il leveraging nel forex trading