Menu

Il ruolo delle banche centrali

bancos centrales

I tassi di interesse influenzano fortemente il mercato dei cambi. Incoraggiano gli investitori internazionali a investire i loro soldi in valuta estera per ottenere un rendimento elevato. Per molti anni, le differenze nei tassi di interesse tra i paesi sono importanti per gli operatori professionali. Tuttavia, la maggior parte dei commercianti non sono consapevoli che il più importante non è il valore assoluto dei tassi di interesse, ma le aspettative dei tassi futuri.

Conoscere lo scopo e il funzionamento delle banche centrali consente ai trader di avere un vantaggio nel prevedere un probabile andamento del forex o della coppia valutaria. Per molte banche centrali, l'inflazione è una priorità. Se l'inflazione (generalmente misurata dall'indice dei prezzi al consumo) è superiore all'obiettivo della banca centrale, il forex trader può anticipare una politica monetaria più restrittiva. Allo stesso modo, se l'inflazione è lontana dall'obiettivo, la banca centrale cercherà di allentare la propria politica monetaria. Combinando le politiche monetarie relative di due banche centrali, il forex trader può quindi prevedere l'andamento della parità valutaria. Se una banca centrale aumenta il suo tasso di interesse, mentre un'altra mantiene il suo tasso, la valuta il cui tasso aumenterà probabilmente sarà apprezzata rispetto all'altra valuta (salvo imprevisti).

Ad esempio, nel 2006, l'euro ha rotto la sua gamma commerciale e apprezzato contro la sterlina britannica. Con i prezzi al consumo superiori all'obiettivo del 2% della Banca centrale europea, la BCE ha chiaramente cercato di aumentare i tassi più volte. In Inghilterra, l'inflazione era leggermente inferiore all'obiettivo della BoE. La sua economia non gli ha permesso di cambiare il suo tasso di interesse perché stava appena iniziando a mostrare segni di ripresa. Infatti, durante i primi tre mesi del 2006, la BoE era più favorevole all'abbassamento dei tassi di interesse. Ciò ha portato ad un'elevata volatilità di EUR / GBP.

Riserva Federale degli Stati Uniti (FED - Federal Reserve System)

Struttura: la Federal Reserve statunitense è probabilmente la banca centrale più influente al mondo. Il 90% delle transazioni sul mercato dei cambi è eseguito in dollari USA, quindi le decisioni della Fed hanno un effetto sulla valutazione di molte valute. Il Federal Open Market Committee (FOMC), composto da sette governatori della Federal Reserve e cinque presidenti dei dodici distretti della Federal Reserve, fissa i tassi di interesse all'interno della Fed.

Mandato: stabilità dei prezzi a lungo termine e crescita sostenibile.

Frequenza delle riunioni: otto volte l'anno

Banca centrale europea (BCE)

Struttura: la Banca centrale europea è stata creata nel 1999. Il corpo direttivo della BCE decide in merito ai cambiamenti nella politica monetaria. Il consiglio è composto da sei membri del Comitato esecutivo della BCE e dai governatori delle banche centrali nazionali dei 17 paesi dell'area dell'euro. Come banca centrale, alla BCE non piacciono le sorprese. Pertanto, ogni volta che ha intenzione di cambiare il suo tasso di interesse, avverte il mercato attraverso i comunicati stampa.

Mandato: stabilità dei prezzi e crescita sostenibile. Tuttavia, a differenza della Fed, la BCE si sforza di mantenere una crescita annuale dei prezzi al consumo inferiore al 2%. L'Europa ha un'economia dipendente dalle esportazioni, quindi la BCE sta cercando di contenere la forza della sua valuta per limitare il rischio di cambio delle esportazioni.

Frequenza delle riunioni: due volte a settimana, ma le decisioni di politica monetaria vengono solitamente prese durante le riunioni seguite da una conferenza stampa (11 volte l'anno).

Banca centrale d'Inghilterra (BoE - Bank of England)

Struttura: il comitato di politica monetaria della Banca d'Inghilterra è composto da nove membri: un governatore, due vice governatori, due direttori esecutivi e quattro esperti esterni. La BoE, sotto la guida di Mervyn King, viene spesso considerata la banca centrale più efficace.

Mandato: mantenere prezzi stabili e fiducia nella valuta. Per fare ciò, la banca centrale ha un obiettivo di inflazione del 2%. Se i prezzi superassero questo livello, la banca centrale cercherà di limitare l'inflazione, mentre un livello inferiore al 2% incoraggerà la banca centrale ad adottare misure per stimolare l'inflazione.

Frequenza delle riunioni: mensile.

Banca centrale del Giappone (BoJ - Bank of Japan)

Struttura: il comitato di politica monetaria della Banca centrale del Giappone è composto dal governatore della BoJ, da due vice governatori e da sei altri membri. Il Giappone dipende molto dalle sue esportazioni, la BoJ ha un interesse ancora maggiore della BCE nel prevenire una valuta troppo forte. La BoJ ha la reputazione di indebolire artificialmente la propria valuta vendendola contro il dollaro USA o l'euro.

Mandato: mantenendo la stabilità dei prezzi e garantendo la stabilità del sistema finanziario, l'inflazione è la principale preoccupazione della BoJ.

Frequenza delle riunioni: una o due volte al mese.

Banca nazionale svizzera (SNB - Swiss National Bank)

Struttura: il comitato della Banca nazionale svizzera è composto da tre persone. Diversamente dalla maggior parte delle altre banche centrali, la BNS determina una banda dei tassi d'interesse piuttosto che un tasso obiettivo specifico. Come il Giappone e la zona euro, anche la Svizzera dipende dalle sue esportazioni, il che significa che anche la BNS non ha alcun interesse a vedere la sua valuta troppo forte. Pertanto, il suo pregiudizio generale deve essere più prudente con i rialzi dei tassi d'interesse.

Mandato: assicurare la stabilità dei prezzi tenendo conto della situazione economica

Frequenza delle riunioni: trimestrale.

Banca centrale del Canada (BoC - Bank of Canada)

Struttura: le decisioni di politica monetaria presso la Banca centrale del Canada sono prese dal Consiglio dei governatori, composto dal governatore della Banca del Canada, dal vice governatore aggiunto, da quattro vice governatori e da dodici direttori nominati. dal governo.

Mandato: mantenere l'integrità e il valore della valuta. La banca centrale ha un obiettivo di inflazione dell'1-3%. È riuscito a mantenere l'inflazione in questa fascia dal 1998.

Frequenza delle riunioni: otto volte l'anno.

Australian Central Bank (RBA - Reserve Bank of Australia)

Struttura: Il Comitato di politica monetaria della Banca d'Australia è composto dal Governatore della Banca Centrale, dal Vice Governatore, dal Segretario del Tesoro e da sei membri indipendenti nominati dal Governo.

Mandato: assicurare la stabilità della moneta, mantenere la piena occupazione, prosperità economica e benessere del popolo australiano. La banca centrale ha un obiettivo di inflazione del 2-3% all'anno.

Frequenza delle riunioni: Undici volte l'anno, di solito il primo martedì di ogni mese (tranne gennaio).

Reserve Bank of New Zealand (RBNZ - Reserve Bank of New Zealand)

Struttura: a differenza delle altre banche centrali, il potere decisionale sulla politica monetaria dipende in ultima analisi dal governatore della banca centrale.

Mandato: mantenere la stabilità dei prezzi ed evitare l'instabilità della produzione, dei tassi di interesse e dei tassi di cambio. La RBNZ ha un obiettivo di inflazione dell'1,5%, se l'obiettivo non viene raggiunto, il governatore della RBNZ può essere eventualmente revocato.

Frequenza delle riunioni: otto volte l'anno.

 

Precedente : Creazione di lavoro non agricolo negli Stati Uniti
Successivo : Tassi di interesse e inflazione: il loro impatto sulle valute