Menu

Psicologia del trading - Reazione alle perdite

Psicologia del trading - Reazione alle perdite

Nel trading, la creatività e la voglia di rischiare aumentano esponenzialmente nei periodi di guadagno. Questo di solito non è il caso quando il duro lavoro e il tempo investito non producono i benefici attesi. Lo stress e l'assunzione di rischi non calcolati sono spesso gli effetti collaterali di una serie di cattive operazioni di trading.

Professionisti esperti sanno che perdere fa parte del lavoro del trader. Nessuna transazione è una "certa cosa". Grazie a questa consapevolezza, non esitano a subire le loro perdite sapendo che se continuano ad assumersi i rischi calcolati, alla fine il successo arriverà. Il professionista si interroga e analizza con precisione le ragioni per cui entra nella posizione.

I trader principianti non riconoscono che le perdite sono attese. Dopo una perdita, si considerano un fallimento. In generale, a causa di una mancanza di conoscenza ed esperienza, il trader alle prime armi prende i suoi profitti troppo presto e le sue perdite troppo tardi. Vuole poi recuperare il più rapidamente possibile le perdite accumulate aumentando la sua leva finanziaria e quindi la sua assunzione di rischi. E' convinto che se la sua tecnica di trading ha generato guadagni in passato, non c'è motivo di cambiare. La negatività e l'eccessiva fiducia distolgono il trader dalla condotta rigorosa necessaria per avere successo nel trading a lungo termine.

Come reagire a una perdita?

Se il tuo piano di trading è stato rispettato e l'operazione è fallita, annota nella tua rivista di trading le condizioni di mercato e le ragioni per cui hai preso una posizione. Poi andare avanti, è importante essere completamente liberi da perdite e disponibili in testa al commercio. Alla fine dei mercati, si può tornare a questa operazione. Il vostro sistema di trading potrebbe non essere adatto a tutte le condizioni di mercato. In questo caso, è necessario identificare le condizioni che meglio si adattano al proprio sistema. Tendenza del mercato, gamma di negoziazione, livello di volatilità.....

Se le regole del vostro piano di trading non sono state rispettate, dovete interrogarvi e scoprire cosa c'è di sbagliato nel vostro trading. Il problema non viene dal vostro metodo, ma dalla sua applicazione alla lettera e quindi da voi stessi. Identificare l'errore in modo da non riprodurlo. I problemi più comuni incontrati dai commercianti sono di natura psicologica.

La vendetta è uno stato mentale negativo che si verifica spesso quando si subisce una perdita. Azioni impulsive e sconsiderate, assunzione di rischi non calcolati, una sensazione di onnipotenza sono il risultato di una mentalità di vendetta. Invece di aiutarti a uscire dall'abisso, contribuiscono al tuo declino finanziario.

La paura è spesso un impulso alla vendetta. A causa di questa paura, si possono correre rischi significativi. Questo è spesso dannoso. Quando si recupera una perdita finanziaria, è importante assumere rischi calcolati e realisticamente considerati. Ci vuole tempo per recuperare una perdita considerevole. Non fare grandi transazioni in un momento di panico. Lavorare ad un ritmo costante e ridurre la leva finanziaria vi permetterà di ridurre le emozioni che sono dannose per il trading.

Essere ottimisti, metodici, pazienti e realistici

Non lasciare che le tue emozioni dettano le tue azioni, studia il ragionamento che ti porta a prendere decisioni tenendo un giornale di trading. Razionalizzare i pro e i contro di ogni transazione prima di investire tempo e denaro. In un primo momento, la cosa più importante per il trader alle prime armi non è guadagnare denaro, ma non perderlo. Il Forex trading non è un gioco, ma un lavoro difficile da padroneggiare che richiede qualità intrinseche.