Menu

Broker di CFD

AvaTrade  Admiral Markets

XM  IG

XTB  Plus500

Pepperstone  ActivTrades

Trading Sociale

darwinex  ZuluTrade

Criptovaluta

Binance  Coinhouse

Bitpanda

Conto finanziato

FundedNext  FTMO

E8  The 5%ers

Fidelcrest  City Traders Imperium

Il più grande crollo del mercato azionario della storia

crollo del mercato azionario

I crash del mercato azionario terrorizzano la maggior parte dei trader e degli investitori, soprattutto i principianti.

Storicamente, i mercati azionari hanno guadagnato valore nel tempo. Essi tendono a seguire il progresso e la crescita dell'azienda. Ma a volte le condizioni economiche possono cambiare rapidamente.

Ma questo non dovrebbe impedirvi di investire nel mercato azionario. Il mercato azionario ha sempre registrato una ripresa. I crolli del mercato azionario del secolo scorso sono stati solo un cambiamento temporaneo nella lunga tendenza al rialzo del mercato azionario globale. E per i trader esperti, i crolli del mercato azionario possono significare incredibili opportunità di acquisto. Gli investitori esperti possono anche fare investimenti a basso costo.

Cosa determina il prezzo delle azioni?

Una volta completata l'IPO, il prezzo di un'azione può cambiare indipendentemente dal successo dell'azienda.

Cosa fa salire o scendere il prezzo delle azioni? La risposta è semplice: domanda e offerta. Le variazioni dei prezzi riflettono la domanda e l'offerta. Ad esempio, quando un titolo è ritenuto desiderabile a causa del recente successo dell'azienda, di un settore industriale forte, o semplicemente della moda e della popolarità, il suo prezzo aumenta. Se gli investitori non sono disposti ad acquistare un'azione perché l'azienda è in difficoltà, l'industria è debole o il prezzo è semplicemente troppo alto, questa mancanza di domanda farà scendere il prezzo. Ad un certo punto, il prezzo sarà abbastanza basso da indurre gli investitori ad acquistare di nuovo e il ciclo ricomincerà da capo. Gli investitori, come Warren Buffett, sono specializzati nel trovare titoli impopolari in settori dimenticati che hanno ancora buoni guadagni e un solido futuro, acquistarli (o comprare l'intera azienda, come spesso fa Warren Buffett) e aspettare che il prezzo salga.

Pietre miliari del mercato azionario

Se il mercato azionario potesse parlare, avrebbe delle storie incredibili da raccontare.

Il mercato azionario esiste da molti secoli. Ha attraversato innumerevoli alti e bassi attraverso i cambiamenti economici, le guerre e gli sviluppi sociali e tecnologici.

Questo è uno degli aspetti più interessanti della partecipazione al mercato - è sempre interessante. Diamo un'occhiata ad alcuni dei più grandi periodi borsistici degli ultimi decenni.

Mania dei tulipani olandese (1637)

La mania dei tulipani è stata una delle prime bolle finanziarie registrate, si è verificata principalmente nei Paesi Bassi tra il 1634 e il 1637.

Dopo che i bulbi di tulipano hanno contratto un virus del mosaico non letale specifico per i tulipani, il loro prezzo ha continuato a salire, rendendo questo fiore già troppo caro ancora più popolare ed esotico. Il valore dei bulbi dei tulipani è poi aumentato di 20 volte in un solo mese.

Ma come accade nelle bolle speculative, i detentori hanno finito per vendere i loro tulipani per consolidare i loro profitti, con il risultato di una spirale al ribasso di prezzi in continuo calo. Pur non essendo una mania diffusa, ha ferito una manciata di acquirenti nel mercato del lusso effimero.

Più di ogni altra cosa, lo schianto della bolla dei tulipani serve da lezione sui pericoli dell'avidità eccessiva e della speculazione.

South Sea Company Crash (1720)

La bolla dei mari del sud del 1720 fu un grave crollo finanziario a Londra. Subito dopo un simile crollo alla borsa di Parigi, nota come "bolla del Mississippi". Le origini di questi due episodi sono complesse. Tuttavia, si ritiene che la Bolla del Mare del Sud-Est sia stata causata da frodi e follia. Poiché i centri finanziari europei erano interconnessi, la bolla dei mari del sud ha avuto effetti al di là del mercato londinese.

Nel gennaio 1720, le azioni della South Sea Company erano scambiate a un modesto prezzo di 128 sterline. Per suscitare l'interesse del pubblico per le azioni della società, gli amministratori hanno diffuso false dichiarazioni di successo e storie fantasiose sulle ricchezze dei mari del sud. Il prezzo del titolo è salito a 175 sterline a febbraio. L'interesse nella società è aumentato a marzo, quando il governo ha approvato la proposta della società di assumere un debito nazionale aggiuntivo in cambio di azioni della South Sea Company. La proposta della South Sea Company è stata scelta rispetto a quella del suo principale concorrente, la Banca d'Inghilterra. Con la crescente fiducia degli investitori, il prezzo del titolo è salito a circa £330 a fine marzo e poi a £550 a maggio.

Anche se le azioni della South Sea Company sono salite alle stelle, la redditività della società è stata scarsa nel migliore dei casi, nonostante le molte promesse di crescita futura fatte dal management della società. Le azioni salirono a 1.000 sterline per azione nell'agosto del 1720 e raggiunsero finalmente quel livello prima di precipitare e innescare una valanga di vendite.

Mentre il prezzo delle azioni della South Sea Company e di altre società della "bolla" implodeva, gli speculatori che avevano acquistato azioni a credito sono andati in bancarotta in breve tempo. Lo scoppio della bolla del Mare del Sud ha portato a un contagio che ha fatto scoppiare una bolla concomitante ad Amsterdam e la bolla del Mississippi in Francia. Quando il prezzo delle azioni della South Sea Company raggiunse la pietosa somma di 150 sterline per azione nel settembre 1720, le banche e gli argentieri fallirono perché non erano in grado di recuperare i prestiti concessi sia alla gente comune che agli aristocratici recentemente rovinati. Anche Sir Isaac Newton ha perso una fortuna di 20.000 sterline (l'equivalente di circa 268 milioni di sterline al valore attuale) in azioni della South Sea Company, il che gli ha fatto dire: "Posso calcolare il moto delle stelle, ma non la follia degli uomini".

Crollo della Borsa di Vienna (1873)

Nello storico Venerdì Nero del 9 maggio 1873, la speculazione illimitata su banche e società che esisteva solo sulla carta ha provocato una massiccia caduta del valore delle azioni alla Borsa di Vienna e ha causato un'ondata di panico nella vendita.

Questo segnò l'inizio di una Grande Depressione meno conosciuta che durò cinque anni e si diffuse in Europa e negli Stati Uniti.

Il crollo mise fine alla crescita economica del monarca asburgico e colpì duramente un gruppo di banchieri, alcuni consiglieri della corte imperiale e amici dell'imperatore, tra cui la stessa famiglia imperiale.

Crollo della Borsa e crollo dell'Unione Generale in Francia (1882)

Il crollo della Union Générale ha causato alla Borsa di Parigi la peggiore crisi del XIX secolo.

Questa banca cattolica, fondata nel 1878, è cresciuta molto rapidamente, grazie a un numero considerevole di acquisizioni e di investimenti rischiosi, soprattutto su scala internazionale, nelle regioni dell'Europa centrale e del Danubio. Questa crescita si arrestò bruscamente nel 1882, quando la banca andò in bancarotta a causa dei prezzi eccessivi delle azioni e della cattiva gestione finanziaria. I mercati azionari di Lione e Parigi sono stati scossi e ne è derivata una crisi pluriennale che ha colpito i settori minerario, metallurgico e delle costruzioni.

Wall Street Crash (1929)

I "ruggenti anni Venti" sono stati un periodo di eccessi e speculazioni selvagge. Tutto si è concluso nel settembre e nell'ottobre 1929, culminando nel Martedì Nero, il 29 ottobre, quando 16 milioni di azioni sono state vendute sulla NYSE in un giorno e il mercato è crollato.

Il 21 ottobre è iniziata la vendita in preda al panico e il 29 ottobre i prezzi sono crollati.

Leggende finanziarie come quella della famiglia Rockefeller e William Durant si avventurarono a correggere il mercato acquistando grandi quantità di azioni, ma il rapido calo dei prezzi non si fermò.

Nel 1930 l'America si trovava nel bel mezzo della Grande Depressione - probabilmente il più doloroso incidente della storia.

Si è diffuso ben oltre gli Stati Uniti e nel 1932 il PIL mondiale aveva subito una contrazione di circa il 15%.

La pigrizia degli anni '70

Gli anni '70 sono stati un periodo oscuro per il mercato azionario. L'economia ha vissuto la cosiddetta stagflazione. In quel periodo c'era una crescita economica minima, un'alta disoccupazione e costi crescenti.

Anche gli anni Settanta sono stati segnati da un terribile crollo del mercato azionario. Le principali azioni del Dow hanno perso oltre il 45% del loro valore. E' stato uno dei peggiori crolli borsistici di tutti i tempi.

Ma non è stato nemmeno il peggiore... Dall'altra parte dell'Atlantico, a Londra, i principali titoli britannici hanno perso a un certo punto quasi il 73% del loro valore.

Lunedì nero (1987)

Trentatré anni fa, i mercati finanziari mondiali hanno vissuto uno dei loro giorni peggiori in quello che è stato chiamato il "lunedì nero".

Il crollo è iniziato in Asia, ha guadagnato terreno a Londra e si è concluso con la media industriale Dow Jones Industrial Average in calo del 22,6% nello stesso giorno a New York.

Si ritiene che il crollo sia stato innescato da una combinazione di modelli di trading computerizzati che non hanno funzionato correttamente, da un calo dei prezzi del petrolio e da un aumento delle tensioni tra gli Stati Uniti e l'Iran.

Ma a differenza del crollo del mercato azionario del 1929, il lunedì nero non ha portato ad una recessione economica. I mercati mondiali si sono ripresi negli anni successivi.

Crash russo (1998)

È difficile esagerare la portata e lo shock del crollo del 1998. L'intera economia russa è crollata in un colpo solo.

La crisi valutaria iniziata in Asia l'anno precedente ha fatto crollare i prezzi delle materie prime e il petrolio è sceso a 10 dollari al barile all'inizio del 1998. Il bilancio della Russia è stato quindi in pareggio a 14 dollari al barile (il suo punto di pareggio nel 2008 era di 115 dollari) e il governo di Boris Yeltsin non aveva molto denaro contante per cominciare.

All'inizio della crisi, le riserve di valuta estera dello Stato ammontavano a soli 6 miliardi di dollari (rispetto ai 460 miliardi di dollari di oggi), quindi il crollo dei prezzi del petrolio ha portato rapidamente al collasso. Il nuovo primo ministro Sergei Kiriyenko ha cercato di evitare il peggio, ma il 17 agosto ha finalmente messo fine alla crisi.

Il tasso del rublo è triplicato all'inizio di settembre. L'inflazione è salita a oltre l'80% e il tentativo della Banca Centrale di stabilizzare l'economia utilizzando un tasso di cambio fisso tra il 1994 e il 1998 è stato un completo fallimento.

La crisi ha portato al collasso dell'intera fascia alta delle maggiori banche private del Paese. Anche se la maggior parte dei depositanti di queste banche sono stati salvati dalla Banca Centrale, il denaro è stato restituito così lentamente che l'inflazione ha inghiottito tra un terzo e la metà del suo valore. I depositi in valuta estera convertiti con la forza in rubli hanno subito la stessa sorte. I risparmi dei pensionati sono stati nuovamente spazzati via.

Le banche più grandi hanno ricevuto fondi di emergenza dal FMI, ma questi soldi hanno subito lasciato la Russia per i paradisi tropicali offshore e i proprietari hanno lasciato chiudere le loro banche. La maggior parte delle banche ha spostato tutto ciò che aveva un valore in "banche ponte" e ha lasciato che le loro banche ammiraglie fallissero.

Anche la Russia non ha pagato circa 40 miliardi di dollari di GKO. I buoni del tesoro a breve termine, in gran parte detenuti da investitori stranieri, in quanto sostituiti dall'OFZ, sono i buoni del tesoro del governo (e ora sono ancora più ampiamente detenuti da investitori stranieri). Queste banconote erano bloccate in appositi conti "S" che consentivano alcune transazioni, ma non potevano essere convertite in contanti che potevano essere ritirati dalla Russia. Tecnicamente, la Russia non è stata inadempiente, ma ha ritardato tutti i rimborsi delle obbligazioni per cinque anni. La Russia ha finalmente onorato quest'obbligo e quando, qualche anno dopo, il denaro del conto "S" ha potuto essere utilizzato per investimenti azionari, ha contribuito al boom delle azioni russe iniziato intorno al 2003. Gli investitori ci hanno finalmente guadagnato.

L'incidente è stato un momento decisivo nella storia della Russia. Ha causato enormi sofferenze, ma ha anche ripristinato l'economia russa valorizzando il rublo in modo più equo.

La bolla di internet (1990)

Questa bolla è stata alimentata da investimenti in aziende tecnologiche durante un mercato toro alla fine degli anni '90.

Alla fine del 2001, decine di aziende erano fallite e i prezzi delle azioni di giganti della tecnologia come Cisco e Intel erano crollati.

Più di 7.000 miliardi di dollari di valore di mercato sono stati distrutti e le azioni sono entrate in un mercato orso.

Ci sono voluti 15 anni perché il Nasdaq, un mercato ad alta tecnologia, fino al 23 aprile 2015, ritornasse al suo picco nel settore delle dot-com.

La crisi finanziaria asiatica (1997)

Originaria della Thailandia, una grave crisi finanziaria ha colpito molti Paesi asiatici alla fine del 1997.

Gli investitori stranieri temevano che il debito della Thailandia stesse aumentando troppo rapidamente quando Bangkok ha liberato la sua valuta dal dollaro USA e la fiducia generale è svanita.

Indonesia, Corea del Sud, Hong Kong, Laos, Malesia e Filippine sono state le più colpite, poiché il declino della valuta si è diffuso rapidamente in tutti i paesi e hanno visto diminuire gli afflussi di capitali di oltre 100 miliardi di dollari.

La crisi asiatica ha finito per destabilizzare l'economia mondiale in altri Paesi emergenti: Russia, Argentina e Brasile in particolare.

Fine della bolla Internet (2000)

La bolla di Internet ha iniziato a svilupparsi alla fine degli anni '90, quando l'accesso a Internet si è ampliato e l'informatica è diventata sempre più importante nella vita quotidiana delle persone. Il commercio online è stato uno dei principali motori di questa crescita.

Con gli investimenti e l'entusiasmo, i valori di borsa sono aumentati. Il NASDAQ, sede di molti dei più grandi stock tecnologici del mondo, è passato da circa 1.000 punti nel 1995 a oltre 5.000 nel 2000. Le aziende andavano al mercato con le IPO e ottenevano prezzi enormi, con azioni che a volte raddoppiavano fin dal primo giorno. Era un vero paese delle meraviglie dove chiunque avesse un'idea poteva iniziare a fare soldi.

Ma nel marzo 2000 la bolla di Internet, che si era formata da quasi tre anni, ha cominciato lentamente a scoppiare. Le azioni sono crollate. Le aziende hanno chiuso. Le fortune sono andate perdute e l'economia statunitense ha iniziato a scivolare in una lenta colata di fango che si sarebbe conclusa con una vera e propria recessione.

Il 10 marzo, il valore combinato delle azioni del NASDAQ era di 6,71 trilioni di dollari; il crollo è iniziato l'11 marzo. Il 30 marzo, il NASDAQ è stato valutato a 6,02 trilioni di dollari. Il 6 aprile 2000 erano 5,78 trilioni di dollari. In meno di un mese, quasi un trilione di dollari di valore di borsa era completamente evaporato. Un analista di JP Morgan ha detto a TIME nell'aprile del 2000 che molte aziende stavano perdendo tra i 10 e i 30 milioni di dollari a trimestre - un tasso ovviamente insostenibile e che avrebbe portato a molte morti e perdite di investimenti.

La crisi dei subprime (2008)

Prima del 2007, l'economia statunitense era l'invidia del mondo. Il settore immobiliare era in piena espansione, la gente poteva facilmente prendere in prestito denaro e il mercato azionario stava raggiungendo nuove vette.

Sembrava che quasi tutti facessero soldi.

Questo boom è stato il risultato di varie politiche economiche, innovazioni tecniche e finanziarie e una buona dose di euforia. Ma purtroppo molte di queste politiche e innovazioni non sono state così intelligenti... E quei bei tempi si fermarono.

Abbiamo assistito a una tempesta economica di proporzioni monumentali. Il mercato immobiliare è crollato. Le banche hanno fallito. Anche istituzioni famose come Bear Stearns e Lehman Brothers sono morte rapidamente. Il mercato azionario è stato malconcio...

Il Dow ha perso oltre il 50% del suo valore e i mercati mondiali hanno subito danni simili. I tempi erano così spaventosi che molti credevano che stessimo rivivendo la Grande Depressione degli anni Trenta.

Per fortuna, le cose si sono riprese abbastanza velocemente. Le banche centrali di tutto il mondo sono intervenute e hanno abbassato i tassi di interesse a livelli storicamente bassi. Non dico che sia una buona cosa, ma sembra che abbia aiutato la ripresa dell'economia e che sia stato un mercato toro per un decennio.

Flash Crash negli Stati Uniti (2010)

Il Flash Crash del mercato azionario negli Stati Uniti si è verificato il 6 maggio 2010. Durante la crisi del 2010, i principali indici borsistici statunitensi, tra cui il Dow Jones Industrial Average, l'S&P 500 e il Nasdaq Composite Index, sono scesi e sono parzialmente rimbalzati in meno di un'ora. La giornata è stata caratterizzata da un'elevata volatilità nel trading di tutti i tipi di titoli, tra cui azioni, futures, opzioni ed ETF.

Fin dal mattino, il trading nei principali mercati statunitensi ha mostrato un andamento negativo soprattutto a causa delle preoccupazioni sulla situazione finanziaria in Grecia e sulle imminenti elezioni nel Regno Unito. Nel pomeriggio, i principali indici azionari e dei futures sono scesi del 4% rispetto ai livelli di chiusura del giorno precedente.

Alle 14:30, il trading è diventato estremamente turbolento. Il Dow Jones Industrial Average (DJIA) ha perso quasi 1.000 punti in circa dieci minuti. Tuttavia, nei 30 minuti successivi, l'indice ha recuperato quasi 600 punti.

Anche altri indici borsistici del Nord America sono stati colpiti dal Flash Crash. Il VIX Volatility Index è aumentato del 22,5% nello stesso giorno, mentre l'indice S&P/TSX Composite Index in Canada ha perso più del 5% del suo valore tra le 14.30 e le 15.00.

Alla fine della giornata di trading, i principali indici hanno riguadagnato più della metà dei valori persi. Tuttavia, il Flash Crash ha fatto perdere al mercato circa 1 trilione di dollari di valore.

Crisi del debito (2011)

La crisi del debito europeo è la conseguenza della lotta dell'Europa per pagare i debiti accumulati negli ultimi decenni. Cinque dei paesi della regione - Grecia, Irlanda, Italia, Portogallo e Spagna - non sono riusciti, in varia misura, a generare una crescita economica sufficiente a garantire la loro capacità di ripagare gli obbligazionisti.

Sebbene questi cinque Paesi siano stati considerati a rischio immediato di insolvenza al culmine della crisi nel 2010-2011, la crisi ha conseguenze di vasta portata che si estendono oltre i loro confini a tutto il mondo.

L'economia globale è cresciuta lentamente dalla crisi finanziaria statunitense del 2008-2009, che ha messo in evidenza le politiche fiscali insostenibili dei paesi europei e di tutto il mondo.

La Grecia, che per anni ha speso di cuore e non è riuscita a intraprendere riforme fiscali, è stata una delle prime a sentire il pizzico di crescita più debole. Quando la crescita rallenta, anche il gettito fiscale rallenta, rendendo insostenibili alti deficit di bilancio. In realtà, i debiti della Grecia erano talmente elevati da superare le dimensioni dell'economia nazionale nel suo complesso, e il paese non poteva più nascondere il problema.

Gli investitori hanno risposto chiedendo rendimenti più elevati sui titoli greci, che hanno aumentato il costo del debito del paese e hanno reso necessaria una serie di salvataggi da parte dell'Unione Europea e della Banca Centrale Europea (BCE). I mercati hanno anche iniziato a spingere verso l'alto i rendimenti obbligazionari di altri paesi fortemente indebitati della regione, anticipando problemi simili a quelli della Grecia.

Nella primavera del 2010, l'Unione Europea e il Fondo Monetario Internazionale hanno versato alla Grecia 110 miliardi di euro (pari a 163 miliardi di dollari). La Grecia aveva bisogno di un secondo salvataggio a metà del 2011, questa volta per un valore di circa 157 miliardi di dollari. Il 9 marzo 2012 la Grecia e i suoi creditori hanno concordato una ristrutturazione del debito che ha spianato la strada a una nuova tornata di fondi di salvataggio. Anche l'Irlanda e il Portogallo hanno beneficiato dei salvataggi, rispettivamente nel novembre 2010 e nel maggio 2011.

La possibilità di contagio ha reso la crisi del debito europeo un punto focale per i mercati finanziari globali nel periodo 2010-2012. Poiché le turbolenze del 2008 e del 2009 sono state relativamente recenti, gli investitori hanno reagito rapidamente a qualsiasi brutta notizia proveniente dall'Europa: vendere qualsiasi cosa rischiosa e acquistare titoli di Stato dei paesi più grandi e finanziariamente più forti.

In generale, le quote delle banche europee - e dei mercati europei nel loro complesso - hanno avuto un andamento molto meno positivo rispetto alle loro controparti globali nei periodi in cui la crisi era al centro dell'attenzione. Anche i mercati obbligazionari dei paesi colpiti hanno registrato una performance negativa, in quanto l'aumento dei rendimenti ha portato a un calo dei prezzi. Allo stesso tempo, i rendimenti del Tesoro statunitense sono scesi a livelli storicamente bassi, riflettendo la "fuga verso la sicurezza" degli investitori.

Una volta che Draghi ha annunciato l'impegno della BCE a preservare la zona euro, i mercati si sono mobilitati in tutto il mondo. Da allora i mercati obbligazionari e azionari della regione si sono ripresi, ma la regione dovrà registrare una crescita sostenuta perché la ripresa continui.

Il crollo del mercato azionario cinese (2015)

Per tre settimane nel giugno 2015, i timori di una chiusura del mercato e i crescenti rischi finanziari in tutto il paese hanno causato un caotico panico da vendita che ha spazzato via più di 3.000 miliardi di dollari del valore delle azioni della Cina continentale.

Tra le possibili cause scatenanti del tracollo del mercato vi sono state una svalutazione a sorpresa dello yuan cinese e un indebolimento delle prospettive di crescita della Cina, che a sua volta ha messo sotto pressione le economie emergenti che dipendevano dalla Cina per la crescita.

Il giorno peggiore del crollo è stato il 12 giugno, quando l'indice azionario di Shanghai ha perso circa un terzo del suo valore, mentre le perdite sono state ancora più pronunciate nel piccolo indice composito di Shenzhen.

Crollo del mercato dopo l'epidemia di Covid-19 (2020)

La nuova epidemia di coronavirus non ha solo causato una crisi sanitaria globale, ma anche l'ultima recessione finanziaria globale iniziata il 20 febbraio.

Sebbene l'impatto maggiore della crisi di Covid-19 sia stato inizialmente avvertito in Cina, si è diffuso rapidamente nel resto del mondo con la diffusione del virus, costringendo al blocco e al crollo dell'attività economica in tutto il mondo.

Gli Stati Uniti sono ufficialmente entrati in recessione, e praticamente ogni altra economia del mondo dovrebbe seguirne l'esempio.

I mercati sono stati inizialmente storditi e il 16 marzo l'S&P 500 ha registrato il maggior calo dal 1987, in quanto molte aziende sono state costrette a chiudere e sono state introdotte restrizioni di viaggio. La reazione del mercato è stata forte, ma di breve durata, ed entro giugno le azioni sono tornate ai livelli precedenti lo scontro.

Crollo del prezzo del petrolio (2020)

Il 20 aprile 2020, il prezzo del petrolio statunitense è diventato negativo per la prima volta nella storia, poiché la domanda della merce è crollata durante la pandemia di coronavirus, poiché i viaggi erano praticamente cessati.

Quando il contratto a termine sul petrolio di maggio è scaduto, molti trader hanno dovuto prendere in consegna il petrolio fisico, e sono stati quindi costretti a vendere in preda al panico, facendo scendere il prezzo della merce sotto lo zero.

A marzo, il cartello dei produttori di petrolio, l'OPEC, ha tenuto colloqui per rafforzare i tagli alla produzione fino alla fine del 2021.

La Russia non era d'accordo e il più grande membro dell'OPEC, l'Arabia Saudita, ha lanciato una guerra dei prezzi per lottare per una maggiore quota di mercato.

Il petrolio ha perso quasi un terzo del suo valore, con il Brent che è sceso del 24% a 33,36 dollari e il petrolio statunitense che è sceso del 34% a 27,34 dollari.

Confronto di agenti di borsa

Brokers
Commissioni di intermediazione Azioni Nessuna commissione per un volume massimo mensile di 100.000 euro e poi 0,20%.
Conto demo
La nostra opinioneTrading senza commissioni, ma con una scelta di titoli limitata a 3.289 azioni e 358 ETF.
  XTB
L'investimento comporta un rischio di perdita