Menu

Brokers

AvaTrade  Admiral Markets

XM  Skilling

XTB  FxOpen

Plus500  darwinex  

Trading Sociale

Duplitrade  ZuluTrade

Borsa

DEGIRO

Investir comporta rischi di perdite

Criptovaluta

Binance  Coinhouse

OKEx  Kraken

Coinbase  PrimeXBT

Bitpanda

Trading azionario senza commissioni

azionario senza commissioni

La maggior parte dei principali broker online ha eliminato le commissioni sulle transazioni borsistiche online. Ma perché questi broker hanno improvvisamente deciso di non voler guadagnare commissioni sulle operazioni di borsa? Cosa significa questo per lei come investitore?

Quando Robinhood ha introdotto l'idea del trading azionario senza commissioni qualche anno fa, sembrava una tendenza dirompente, ma non necessariamente una tendenza che si sarebbe diffusa in tutto il settore degli investimenti. Dopo tutto, Robinhood ha una piattaforma relativamente semplice, e molti investitori trovano valore negli strumenti educativi, nella ricerca di azioni e nell'accesso a tipi specializzati di conti di intermediazione.

Come possono i broker permettersi di farlo?

Ci sono due parti fondamentali per la risposta a questa domanda. In primo luogo, il passaggio a zero commissioni è diventato una strategia difensiva necessaria per evitare di perdere clienti. E secondo, i broker hanno altri modi per fare soldi.

Infatti, non esiste un solo grande broker che tragga la maggior parte dei suoi ricavi dalle commissioni sulle transazioni. Altre importanti fonti di reddito provengono dagli interessi sui prestiti a margine, dalle commissioni sui conti correnti bancari e dai proventi dei prodotti d'investimento dell'impresa.

La maggior parte dei broker guadagna anche piazzando ordini presso alcuni market maker. I market maker sono controparti che eseguono operazioni di trading e guadagnano denaro dallo spread tra il prezzo denaro e il prezzo denaro, o il prezzo al quale possono acquistare le azioni e il prezzo al quale le vendono agli investitori. Questi spread sono di solito pochi centesimi, quindi fanno i loro soldi dal volume - e sono disposti a dare ai broker una parte dei loro profitti in cambio del flusso di ordini.

Cosa significa per voi come investitori

L'emergere del trading azionario senza commissioni è certamente una vittoria per gli investitori, soprattutto per gli investitori alle prime armi con capitale limitato.

Da un lato, rende conveniente l'acquisto di piccole quantità. Per esempio, diciamo che un'azione è scambiata a 100 euro. Con una commissione di 6,95 euro, paghereste essenzialmente un premio del 3,5% per l'acquisto di un'azione, il che è impraticabile dal punto di vista dei costi. Oppure, se ricevete un dividendo di 50 euro da un'azione di vostra proprietà, non sarebbe pratico pagare una commissione per investire quel denaro - dovreste sottoscrivere un Piano di Reinvestimento dei Dividendi (DRIP), che reinvestirebbe automaticamente i dividendi nella stessa azione che li ha pagati, oppure lasciare che il vostro denaro si accumuli per investire i vostri dividendi in modo redditizio. Questo è molto meno preoccupante.

Allo stesso modo, rende più facile la diversificazione per i nuovi investitori. Se iniziate con, diciamo, 1.000 euro, potete investire il vostro denaro in un portafoglio di cinque azioni più facilmente, senza dovervi preoccupare di commissioni che potrebbero gravare sul vostro capitale con 35 euro (o più).

Il trading azionario senza commissioni è vantaggioso per gli investitori?

Ecco un breve esempio di come potrebbe influire su di voi. Supponiamo che vogliate investire 1.000 euro all'anno nel prossimo futuro e che vogliate ripartire il vostro denaro in cinque azioni. Diremo anche che in precedenza avete pagato una commissione di 6,95 euro (circa 35 euro per ogni round di investimento) e che i vostri investimenti vi daranno un rendimento annualizzato del 10% nel tempo.

Se pagate una commissione, ciò significa che state effettivamente investendo 965 euro ogni volta, non l'intero importo di 1.000 euro. Sulla base delle nostre ipotesi, ci si potrebbe aspettare di avere un portafoglio del valore di circa 15.400 euro dopo 10 anni, 55.300 euro dopo 20 anni e 158.700 euro dopo 30 anni. Non male, vero?

Tuttavia, se non si pagano le commissioni, ciò significa che è possibile utilizzare l'intero importo di 1.000 euro ogni volta. Anche se 6,95 euro di commissioni non sembrano molti, potreste rimanere sorpresi dalla differenza che fa. Dopo 10 anni, un investimento senza commissioni comporterà un ulteriore investimento di 560 euro nel vostro portafoglio. Dopo 20 anni, avrete 2.000 euro in più, e dopo 30 anni, avrete quasi 5.800 euro in più di quanto avreste avuto se aveste pagato le commissioni. Per questo motivo il trading di azioni senza commissioni è così vantaggioso per gli investitori.

L'utilizzo di un broker sbagliato potrebbe costarvi

A lungo termine, non c'è modo migliore per aumentare il proprio patrimonio che investire nel mercato azionario. Ma se si utilizza il broker sbagliato, si potrebbe perdere un sacco di soldi. Raccomandiamo il broker XTB per la negoziazione di azioni tangibili e di ETF senza commissioni:

Confronto di agenti di borsa

Brokers
Commissioni di intermediazione Azioni Nessuna commissione sulle transazioni.
Commissione di gestione esterna: 0,50€ per transazione
Tassa di cambio: 0,25%.
Nessuna commissione per un volume massimo mensile di 100.000 euro e poi 0,20%.
Conto demo No
La nostra opinione Le commissioni di intermediazione più basse sul mercato in oltre 50 borse valori. Trading senza commissioni, ma con una scelta di titoli limitata a 2.000 azioni e 16 ETF.
  DEGIRO XTB
L'investimento comporta un rischio di perdita